Advertise here

La Ribera


  - 2 opinions

A really fascinating district

Published by Emanuele Benetti — 5 years ago

This district, officially called "Sant Pere, Santa Caterina i la Ribera", is doubtlessly one of the most fascinating areas of Barcelona. Its name is obviously due to the proximity to the sea ("Ribera" means indeed "shore"). The southern part of the district, indeed, overlooks the port area; the widest part of the district, though, is included between Parc de la Ciutadela, which marks its northern border, and Via Laietana, the large avenue which separates it from the Ciutat Vella.

The most remarkable and symbolic building in La Ribera is probably the church of Santa Maria del Mar, which I have already described in a specific entry. Although, this area also presents other interesting features which are really worth seeing. Right behind the church, the nice and lively Passeig del Born, once the main square in Barcelona, reaches out. However, it is a much narrower way, called Carrer de Montcada and originating behind the church as well, which will allow you to go through the heart of La Ribera. A fascinating medieval street, surrounded by ancient palaces dating back to the XIV and XV century, where the wealthy tradesmen used to live. A few of this buildings currently house one of the best museums in Barcelona, namely the Museu Picasso.

It must not be forgotten, indeed, that though he was born in Malaga, Andalucia, and he died in France, the great painter has lived in Barcelona for most of his youth, and spent several other periods of his life in the Catalan capital. That is why the city houses this unique museum, which despite preserving mainly paintings from the formation years of the artist, offers an extraordinary overview of Picasso's artistic production. The exposition, consisting in more than one hundreds paintings, may not include the most famous painting of the creator of Cubism, but some of the pictures on show are really wonderful, abundantly making up for the entrance fee (which by the way is not expensive at all: 11 Euros, with a reduction for students and free entrance is offered on the first Sunday of the week and every Sunday afternoon). Retrato de la tìa Pepa (Portrait of aunt Pepa) and Ciencia i caritat (Science and Charity), both painted at the age of 15, are superb examples of the precocious talent of the artist, while La dona de la cofia (Thee woman with the bonnet) is one of the most emblematic works of the so-called Blue Period. Terrats de Barcelona (Roofs of Barcelona) and El Paseo de Colon are a couple of paintings showing some enchanting perspective of the city, while the final part of the collection is devoted to that series of paintings called Las Meninas. Picasso, indeed, during the final years of his life produced an incredible series of versions and reinterpretations of the masterpiece by Velazquez.

Having admired the museum, or at least the gracious palaces which house it, you may go on along Carrer de Montcada. By the way, the Museu Picasso is not the only museum located in this part of the city. On the same street, indeed, the Museu d'Art Pre-Colombì (preserving a collection of jewels, sculptures and various kinds of objects from South American civilizations ), and the curious Museu del Mammut (Mammoth Museum), devoted to this mysterious (and unfortunately extinct) mammal, are also found. In the northern part of the district, not far from Parc de la Ciutadela, is situated instead the most...delicious exposition of Barcelona, namely the Museu de la Xocolata (Chocolate Museum). According to a friend who has been there, the exhibition itself is probably not worth the 6 Euros entrance fee...but the delicious bar of chocolate offered to the visitors partially makes up for it!

After crossing Carrer de la Princesa, the final (and less interesting) stretch of Carrer de Montcada will lead you to the Mercat de Santa Caterina, the main market of the district, housed in a modern spectacular building. On the southern side of the market, instead, is preserved a small archeological site, featuring the ruins of the 15th century monastery of Santa Caterina. The areas located on the northern and eastern sides of the market mainly consist in a series of narrow, quite dirty and highly populated streets. Nevertheless, the district has still a wonderful gem in store. A few blocks far from Santa Caterina, indeed, and just a few metres from Via Laietana, lies indeed the extraordinary Palau de la Musica Catalana. Designed by Domenech i Montaner and realised between 1905 and 1908, this building is one of the masterpieces of Modernism. Undoubtedly, the facade is really charming, featuring a series of sculptures and colourful mosaics, decorated capitals and superb columns. It is probably a good idea to take the due time to admire it, as it is the only part of the palace accessible to most people. The inside, indeed, though equally breathtaking, is reachable only to those taking part to a guided tour at the quite high price of 18 Euros (no reductions available). Anyway, despite having been roughly welcomed by some members of the Catalan artistic community, the palace is now universally considered a real masterpiece.

Some final words may be spent about one more interest aspect about La Ribera. In the area surrounding Santa Maria del Mar and all along Passeig del Born, indeed, some of the best restaurants in Barcelona are located. At the same time, it is also possible to find a few interesting shops, both in the above-mentioned area and along Carrer de Montcada. In a nutshell, La Ribera is a really fascinating district, offering a wide range of possibilities for cultural activities, entertainment or relax. Not surprisingly, it is usually very crowded, sometimes even more than the Ciutat Vella itself!

Photo gallery


La Ribera: un quartiere interessante

Published by Emanuele Benetti — 5 years ago

Questo quartiere, ufficialmente chiamato "Sant Pere, Santa Caterina i La Ribera", è senza dubbio una delle zone più affascinanti di Barcellona. Il nome è ovviamente dovuto alla prossimità con il mare ("Ribera" significa infatti "riva"). La parte meridionale del quartiere, infatti, si affaccia sulla zona del porto; tuttavia, la maggior parte del distretto è compresa tra il Parc de la Ciutadella, che ne segna il confine settentrionale, e Via Laietana, l'ampio viale che la separa dalla Ciutat Vella.

L'edificio più rappresentativo ed importante della Ribera è probabilmente la chiesa di Santa Maria del Mar, che ho già descritto in un apposito post. Tuttavia, quest'area presenta anche altri elementi d'interesse che vale davvero la pena di vedere. Giusto dietro la chiesa, infatti, si estende il piacevole e vivace Passeig del Born, un tempo la piazza principale di Barcellona. Sarà però uno spazio molto più stretto, chiamato Carrer de Montcada e situato anch'esso giusto alle spalle della chiesa, che vi permetterà di attraversare il cuore del quartiere di La Ribera. Questa affascinante arteria medievale è circondata da antichi palazzi risalenti al XIV e XV secolo, dove vivevano i ricchi commercianti della città. Alcuni di questi edifici ospitano ad oggi uno dei migliori musei di Barcellona, il Museu Picasso.

Non va dimenticato, infatti, che pur essendo nato a Malaga (in Andalusia) ed avendo finito i suoi giorni in Francia, il grande pittore trascorse nel capoluogo catalano buona parte della sua giovinezza, nonché numerosi altri periodi della sua vita. Per questo motivo la città ospita questo museo unico, che pur conservando opere risalente per la maggior parte agli anni della formazione dell'artista offre una straordinaria panoramica della produzione artistica di Picasso. L'esposizione, che comprende oltre cento dipinti, magari non includerà i quadri più famosi del fondatore del Cubismo, ma alcune opere sono comunque meravigliose e valgono davvero il prezzo del biglietto (che d'altronde non è particolarmente alto: 11 euro, con una riduzione per gli studenti ed ingresso libero la prima domenica del mese ed ogni domenica pomeriggio). Retrato de la tìa Pepa (Ritratto della zia Pepa) e Ciencia i caritat (Scienza e carità), entrambe dipinti all'età di 15 anni, sono splendide testimonianze del precoce talento dell'artista, mentre La dona de la cofia (La donna della cuffia) è probabilmente una delle opere più rappresentative del cosiddetto Periodo Blu. Terrats de Barcelona (Terrazze di Barcellona) e El Paseo de Colon mostrano invece affascinanti scorci della città, mentre la parte finale della collezione è dedicata alla serie di dipinti chiamata Las Meninas. Durante gli ultimi anni della sua vita, infatti, Picasso si dedicò a produrre un'incredibile serie di versioni e reinterpretazioni del capolavoro di Velazquez.

Una volta ammirato il museo, o perlomeno i graziosi palazzi che lo ospitano, potrete proseguire lungo Carrer de Montcada. A proposito, il Museu Picasso non è l'unico museo situato in questa parte della città. Lungo la stessa via, infatti, si trovano il Museu d'Art Pre-Colombì (che conserva una collezione di gioielli, sculture ed oggetti di vario tipo opera delle civiltà sudamericane) ed il curioso Museu del Mammut, dedicato a questo misterioso e purtroppo estinto mammifero. Nella parte settentrionale del quartiere, non lontano da Parc de la Ciutadella, si trova invece il museo più...delizioso di Barcellona, ossia il Museu de la Xocolata (Museo della Cioccolata). Secondo un amica che l'ha visitato, l'esposizione in sé probabilmente non vale i 6 euro del biglietto...ma la tavoletta di cioccolato offerta ai visitatori compenserà in parte per questo!

Attraversato Carrer de la Princesa, l'ultimo (e meno interessante) tratto di Carrer de Montcada vi condurrà al Mercat de Santa Caterina, il mercato principale del quartiere, situato in una spettacolare struttura moderna. Sul lato meridionale del mercato, invece, è conservato un piccolo ritrovamento archeologico, comprendente le rovine del monastero di Santa Caterina (XVI secolo). Le zone situate a nord e ad est del mercato consistono principalmente in una serie di vie strette, abbastanza sporche e densamente popolate. Nonostante ciò, il quartiere ha ancora una perla in serbo: ad alcuni isolati da Santa Caterina, infatti, e giusto a pochi metri da Via Laietana, si trova infatti lo straordinario Palau de la Musica Catalana. Progettato da Domenech i Montaner e realizzato tra il 1905 ed il 1908, questo edificio è uno dei capolavori del modernismo. Indubbiamente, la facciata è davvero affascinante: essa comprende una serie di sculture e mosaici colorati, capitelli decorati e superbe colonne. Sarà probabilmente il caso di prendersi il dovuto tempo per ammirarla, dato che si tratta dell'unica parte del palazzo accessibile alla gente comune. L'interno, infatti, per quanto ugualmente affascinante, è visitabile solo prendendo parte ad una visita guidata all'elevato prezzo di 18 euro (nessuna riduzione disponibile). Ad ogni modo, pur essendo stato a suo tempo ricevuto malamente da alcuni membri della comunità catalana, il palazzo è ora considerato all'unanimità uno dei capolavori dell'architettura modernista.

Infine, vale la pena di spendere alcune parole relativamente ad un altro degli aspetti interessanti della Ribera. Nell'area circostante Santa Maria del Mar e lungo tutto Passeig del Born, infatti, sono situati alcuni dei migliori ristoranti di Barcellona. Allo stesso tempo, è anche possibile trovare alcuni negozi interessanti, tanto nell'area appena menzionata quanto lungo Carrer de Montcada. In poche parole, La Ribera è un quartiere davvero affascinante, dato che offre una gran varietà di possibilità per quanto riguarda attività culturali, divertimento o relax. Non sorprende il fatto che sia normalmente assai affollato, a volte perfino più della stessa Ciutat Vella!


Rate and comment about this place!

Do you know La Ribera? Share your opinion about this place.

Rate and comment about this place!

More places in this city


Don’t have an account? Sign up.

Wait a moment, please

Run hamsters! Run!