Advertise here

Quartieri Porta Nuova - Porta Garibaldi - Isola - Milano - Italy


  - 1 opinioni

La riqualificazione neoterica del Centro Direzionale come skyline di Milano - Parte 2

Dopo la proclamazione del Regno d'Italia, Milano ha continuato a rafforzare nella prima metà del XX secolo il suo dominio finanziario, commerciale e industriale sul resto del paese e anche nel quadro europeo grazie alla sua posizione privilegiata, vicino alle potenze centrali e raggiunta grazie alle modifiche per implementare un buon sistema ferroviario.

Durante il boom economico al domani della seconda guerra mondiale, quando l'Italia divenne una repubblica democratica (1948), Milano conobbe anche un enorme aumento della popolazione, a causa della forte migrazione delle regioni rurali, cioè dal sud Italia, poiché le persone cercavano migliori opportunità di lavoro e uno stile di vita più attraente.

Tuttavia, anche semplicemente cercando di renderlo reale, il Centro Direzionale, in quella che doveva essere la ricostruzione di Milano in quel momento, fu un completo fallimento, affondando insieme a parte della prosperità economica che la città aveva raggiunto.

Durante i decenni degli anni 60-80, un'ondata di terrorismo politico si diffuse in Italia (e un po' in tutto il mondo, come corollario della Guerra fredda), segnando un'era di colossali proteste pubbliche, violenza per le strade, scioperi e conflitti civili, per mano di numerosi partiti militari di estrema sinistra ed estrema destra, che si opponevano al governo democratico italiano. Gli anni di piombo sono stati segnati da numerose stragi e, soprattutto per quanto riguarda il la città, ha avuto inizio il declino della forza industriale e manifatturiera di Milano, che ha avuto anche un onere significativo sull'espansione prevista per il settore terziario.

(Vedi la parte 1 di questo articolo per saperne di più sugli inizi del Centro Direzionale!)

Quando le cose sono cambiate...

Per fortuna, si raggiunse una svolta con il successo di diverse aziende di alta moda, riportando Milano sulla scena internazionale del turismo e degli affari, consentendo alla città di rafforzare una capitalizzazione di mercato basata sulle fonti di reddito dei "colletti bianchi" (nonostante alcuni scandali di corruzione).

Entrando nel nuovo millennio, Milano divenne sempre più il fulcro mondiale per finanza e banche, servizi, attività commerciali, offerte culturali, progresso tecnologico, media, moda e design, ricerca farmaceutica, e così via, cosa che ha sollecitato un completo rinnovamento della città.

Fortunatamente per il Centro Direzionale (che non era altro che un orribile disastro dopo decenni di devastazioni e abbandono), gli anni 2000 portarono a un entusiasmante e rivoluzionario progetto di riqualificazione urbana, noto come Progetto Porta Nuova, che raggiunse la sua piena espansione durante gli anni seguenti, fornendo la desiderata ricostruzione dei quartieri di Porta Nuova (tra cui "Le Varesine"), Porta Garibaldi e Isola.

the-neoteric-requalification-centro-dire

Piano generale del Progetto Porta Nuova. Fonte

Con questo intervento radicale di oltre 2 milioni di euro, sponsorizzato principalmente da fondi esteri, il Centro Direzionale ha finalmente raggiunto il settimo cielo! Non solo in altezza, grazie agli imponenti edifici, ma anche in estensione, con l'installazione di piacevoli percorsi ciclabili, aree pedonali e ponti, ampie piazze pubbliche e giardini che collegano adeguatamente una rete urbana, in precedenza erroneamente compromessa.

the-neoteric-requalification-centro-dire

Proiezione reale del Progetto Porta Nuova. Fonte

Ad oggi, l'unica cosa che manca davvero al distretto è l'avanzamento definitivo per rigenerare l'orribile cavalcavia di Bussa (che divenne una strada a senso unico, con parcheggi laterali e un percorso ciclistico incompleto), che non è mai stato molto sicuro da attraversare. Sebbene nel 2015 sia stato selezionato un progetto vincitore, parallelamente al completamento principale del Progetto Porta Nuova, la sua attuazione è ancora in ritardo.

Sperando che venga finito entro il 2020, il Centro Direzionale completerebbe sicuramente l'atmosfera entusiasmante del quartiere degli affari e realizzerebbe il riscatto urbano e sociale finale di Isola-Garibaldi.

Progetto Porta Nuova: come lo vediamo oggi

Superando i 340.000 m2, guidato dall'autorità di investimento del Qatar, il Progetto Porta Nuova rappresenta, in Europa, un modello di innovazione molto ben realizzato, equilibrato e sostenibile volto a promuovere lo sviluppo dei quartieri associati.

È adeguatamente diviso in tre piani principali: Porta Nuova Garibaldi, Porta Nuova Varesine e Porta Nuova Isola, il più grande effetto della riqualificazione deriva dalla sua interconnessione facile e sicura attraverso un'enorme area verde centrale, il parco pubblico Biblioteca degli Alberi, supportato da un sistema continuo di percorsi per pedoni e ciclisti, progettato per bambini e adulti.

Il Progetto Porta Nuova ha portato al Centro Direzionale una giustapposizione tra i moderni grattacieli (business e residenze) e le vicine strade storiche rivitalizzate e le piazze commerciali, rendendolo oggi un luogo alla moda, dove sorgono negozi, caffè, ristoranti, bar e discoteche, che attrae la folla più giovane; senza dimenticare l'aggiunta nell'offerta culturale che propone alla città.

Grazie alla sua materializzata posizione nevralgica nella metropoli, negli ultimi anni sono stati implementati importanti miglioramenti nei collegamenti di trasporto urbano e suburbano, promuovendo con successo il movimento di un gran numero di persone in questo spazio, ora accogliente, verso i luoghi di lavoro o verso casa, per visitare la città o semplicemente per passare il tempo libero.

Porta Nuova Garibaldi

Una delle caratteristiche principali del Progetto Porta Nuova è, senza dubbio, Piazza Gae Aulenti, proprio accanto alla Stazione Garibaldi. Piazza Gae Aulenti, considerata tutto tranne che una piazza normale, ha un'immensa "isola per camminare" delimitata da fontane artificiali, circondata dal complesso a 3 vie della Torre Unicredit che comprende il grattacielo attualmente più alto in Italia, tutto per gentile concessione dell'architetto Cesar Pelli.

the-neoteric-requalification-centro-dire

Piazza Gae Aulenti. (Foto scattata a febbraio 2018)

the-neoteric-requalification-centro-dire

Torre Unicredit A (destra), il grattacielo più alto in Italia di 231 m, e Torre B (sinistra). (Foto scattata a marzo 2018)

Non riesco a immaginare nessun altro modo migliore di questo per ridistribuire il vecchio passaggio tra Isola e il resto della città (Via Corso Como), poiché concentra fisicamente e spiritualmente l'intera area tra i due quartieri, in un modo che non ha nessun difetto in termini di concezioni e design ed è stato in grado di superare i tecnicismi legati ai resti dei vecchi binari della ferrovia.

the-neoteric-requalification-centro-dire

Esterno da Piazza Gae Aulenti nell'affollata Stazione Milano Garibaldi, spicca le rinnovate Torri Garibaldi. (Foto scattata a febbraio 2018)

In effetti, Piazza Gae Aulenti, nota come "Podium" o "Fashion City", ha introdotto edifici incredibilmente moderni che ospitano non solo uffici (associati ad affari, moda, design, comunicazione e mezzi di produzione, ecc. ), ma anche negozi, ristoranti e spazi per il tempo libero, che danno vita a Milano, sia di giorno che di notte.

Sempre sul perimetro, possiamo anche trovare altre caratteristiche del progetto, ovvero degli spazi creati per ospitare conferenze, concerti, mostre e seminari, come l'Unicredit Pavillion, l'Armonica e il Termosifone (quest'ultimo è ancora in costruzione).

the-neoteric-requalification-centro-dire

Il mio posto felice; al centro della “Città della Moda”, con l'Unicredit Pavillion (sfondo) e l'Armonica (destra). (Foto scattata a febbraio 2018)

the-neoteric-requalification-centro-dire

Piazza Gae Aulenti dall'alto, con l'Armonica (sinistra) e la Torre C (destra).

Fonte

La Torre UnipolSai, attualmente in costruzione fino al 2021, diventerà un edificio residenziale funzionalmente ecologico (che includerà un sistema di recupero dell'acqua piovana), che incorporerà un giardino panoramico sul tetto, progettato per eventi pubblici e culturali. Il suo aspetto innovativo ricorderà un nido geometrico e completerà il desiderato ambiente futuristico del Centro Direzionale.

the-neoteric-requalification-centro-dire

Proiezione realistica della Torre UnipolSai (al centro) e del Termosifone (destra). Fonte

Passando dalla piazza in Corso Como, possiamo dare un'occhiata alle (non) famose residenze di lusso concepite per unificare le specificità urbane del quartiere storico di Garibaldi e l'architettura contemporanea che ogni volta, senza eccezioni, ci fa sognare di poter, un giorno, vivere lì. Oh, che bel sogno!

the-neoteric-requalification-centro-dire

Residenze di Corso Como, dove Corso Como incontra Piazza Gae Aulenti: passeggiando in mezzo alle persone ricche e famose di Milano. (Foto scatta a febbraio 2018)

Corso Como è una delle zone più allegre e iconiche di Milano. Quando si attraversa la "vecchia strada" verso Como, si ha la sensazione di trovarsi in un luogo storico che ha subito notevoli trasformazioni negli ultimi 150 anni.

Simbolo del movimento "Milano da bere" degli anni '90, che ha diffuso il concetto di Aperitivo, Corso Como ha continuato a basarsi sul suo precedente status commerciale, essendo il luogo perfetto per consumare un pasto, un drink o per fare un po' di shopping. Di conseguenza, divenne la dimora della "Movida Milanese", sponsorizzata principalmente nell'ultimo decennio dal rinnovamento totale del Progetto Porta Nuova.

Senza dubbio, questo è uno dei posti migliori in città per uscire con gli amici, essendo il palcoscenico della vita notturna di Milano. I numerosi locali notturni in Corso Como, che offrono sempre sconti per Erasmus, promettono divertimento ed emozioni illimitati!

Allo stesso modo, si può gustare un buon pranzo in famiglia nei tipici ristoranti italiani che servono piatti fatti in casa che deliziano tutti.

All'estremità meridionale di Corso Como, possiamo vedere la maestosa Porta Garibaldi nel mezzo di Piazza XXV Aprile. Chiamata Porta Comasina fino al 1860, fu ribattezzata in omaggio a Giuseppe Garibaldi per celebrare il suo ingresso in città dopo aver vinto le battaglie di Varese e San Fermo, scontri della Seconda Guerra d'Indipendenza italiana che precedette l'Unificazione.

Ha aperto la strada al "centro storico" attraverso Corso di Porta Comasina (di per sé uno dei più importanti di Milano), che è stato ribattezzato Corso Garibaldi ed è attualmente, ovviamente, un'altra strada popolare e alla moda. La ristrutturazione della collusione tra Corso Garibaldi e Corso Como, a seguito del Progetto Porta Nuova, garantisce un piacevole collegamento tra il centro storico e il Centro Direzionale, mostrando il meglio di Milano.

the-neoteric-requalification-centro-dire

Porta Garibaldi ricostruita durante l'era napoleonica in contrasto con i grattacieli del XXI secolo. Fonte

Attrazioni di Corso Como e Corso Garibaldi: i miei consigli

Ristoranti / Bar / Caffetterie:

Ognuno di questi luoghi ha offerte differenti. All'Isola si trova il tipico ristorante che serve fantastici piatti italiani. Penso di aver ordinato delle lasagne quando sono andata con la mia famiglia ed è stato uno de piatti migliori che abbia mai mangiato! 10 Café è un locale un po' più elegante per incontrare amici nel pomeriggio e rilassarsi, sorseggiando un tè o una tazza di caffè con un pezzo di torta o un panino. Si dice che Chinese Box sia uno dei migliori bar della città dove fare aperitivo, con una vasta scelta di buffet e deliziosi cocktail.

the-neoteric-requalification-centro-dire

Corso Como - All'Isola (sinistra) e 10 Corso Como (destra). (Foto scatta a febbraio 2018)

Locali:

Con così tante opzioni per andare in discoteca, devi solo sceglierne una a notte e dare un'occhiata. Tutti i posti in questa lista hanno un'atmosfera molto bella e musica da ballare fino allo sfinimento con successi commerciali che tutti conosciamo e amiamo. Ovviamente, lo stile di ogni club è diverso: alcuni sono più eleganti, altri più alternativi, ma ciò che è sempre garantito è il divertimento.

Trasporti pubblici nel quartiere

  • Garibaldi FS

Oltre ai principali collegamenti ferroviari, la Stazione di Milano Porta Garibaldi ha anche linee regionali (R) e trasporti suburbani (S). All'interno della stazione ci sono anche collegamenti della metropolitana con le linee M2 (verde) e M5 (viola).

La zona è servita anche da molti autobus (42, 53, 60, 82, 83), filobus (90, 91, 92) e tram (11, 29, 30, 33), che consentono di raggiungere facilmente altre parti della città.

  • Moscova

Alla fine di Corso Como, si può anche prendere la metropolitana, la M2, o l'autobus (43, 94).

Che dire di Porta Nuova Varesine e Porta Nuova Isola? Resta sintonizzato per la terza parte di questo articolo!

L'intero excursus storico è stato accuratamente ricercato su numerosi siti Web italiani, con articoli sull'argomento e contenenti informazioni attendibili provenienti dagli archivi della città.

Galleria foto



Lascia un commento riguardo questo luogo!

Conosci Quartieri Porta Nuova - Porta Garibaldi - Isola - Milano - Italy? Condividi la tua opinione su questo luogo.

Lascia un commento riguardo questo luogo!

Altri luoghi in questa città


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!