Advertise here

5 consigli per vivere come un vero abitante di Istanbul

5 consigli per vivere come un vero abitante di Istanbul

Fonte

Nel 2013 sono venuta a Istanbul per studiare all'Università del Bosforo. Era la prima volta che andavo a vivere fuori dagli Stati Uniti ed ero pronta a vivere a pieno questa esperienza all'estero. In ogni caso, non ero del tutto pronta a questa città così enorme.

Istanbul conta 14 milioni di abitanti, o 17 milioni, o 20 milioni! Dipende da con chi ne parlate. Gli edifici sono tutti ammassati e formano colline di imponenti grattaceli e appartamenti colorati. I gatti giocano sotto ogni bidone della spazzatura e la gente è sempre per strada. Ci sono diversi modi per spostarsi all'interno della città usando i trasporti pubblici, dalla metro e i lunghi bus speciali (metrobus), ai traghetti e un tunnel sotterraneo che vi porterà in modo veloce dall'altra parte del Bosforo. Può sembrare tutto stravolgente.

I miei 4 mesi qui mi hanno vista all'inizio come una novellina ingenua, per poi arrivare ad essere un bevitrice di çay (tè turco) "Istanbullu". Nonostante Istanbul sia gigantesca, penso che sia possibile ricreare le proprie abitudini lì, come avere un quartiere ("semt" in turco) o una caffetteria preferiti. È facile ambientarsi e vivere come dei normali residenti.

Dopo la laurea, sono tornata ad Istanbul per lavorare e ora sono quasi 3 anni che vivo in questa magnifica città! Qui mi sento a casa, come se fossi una dei 14 (o 17... o 20) milioni di abitanti. Che siate in visita a Istanbul per pochi giorni, o studenti Erasmus, o stiate iniziando a lavorare qui, ecco i 5 consigli per vivere come un vero abitante di Istanbul.

1. Bevete il vostro çay e il caffè turco

5 consigli per vivere come un vero abitante di Istanbul

La maggior parte dei turchi beve il tè nero durante il giorno, solitamente con tanto zucchero e sempre servito in dei bellissimi bicchieri a forma di tulipano. Il Çay (si pronuncia "ciai", ma non ha lo stesso sapore del chai) si ricava dalle foglie di tè raccolte vicino al Mar Nero e si prepara usando due pentole. Il vapore dell'acqua nella pentola inferiore mette in infusione le foglie che galleggiano nella pentola superiore. Il tè viene servito a colazione, durante la giornata e dopo i pasti.

living-like-local-b1948732aa5dc7fa30e4f7

Il caffè turco è un caffè estremamente forte che viene servito in una piccola tazza, come l'espresso. State attenti a non berlo fino all'ultima goccia, perché bisogna lasciare i fondi nella tazza. Se volete godervelo, vi consiglio di prendere un "orta şekerli" (una specie di cappuccino), con una quantità media di zucchero. Se vedete i turchi capovolgere le loro tazze e studiare il fondo del caffè, stanno seguendo l'usanza comune della previsione del futuro chiamata "fal". Cosa dicono i vostri fondi?

#2. Fate la spesa in un "pazar"

living-like-local-92dcb8dd176a6b900c1483

La maggior parte dei quartieri di Istanbul ha un proprio mercato ortofrutticolo settimanale nel quale è possibile trovare i migliori prodotti freschi ed utensili. I locali dicono che si fanno i migliori affari lì, anche se dovete avere con un sacco di contanti ed essere pronti a contrattare. Questi mercati vengono chiamati "pazar" ed è fantastico stare tra gli abitanti della città, fare la scorta di cibo per la settimana e fare i conti in turco.

3. Scegliete una squadra di calcio

Il calcio è lo sport più popolare in Turchia. Se vivete a Istanbul, una delle prime cose che vi verranno chieste sarà: "Hangi takimlisin? " (quale squadra tifi? ). Molto probabilmente dovrete scegliere tra il Galatasaray, il Beşiktaş o il Fenerbahce, ma se volete sembrare dei veri abitanti della città, dovreste fare una ricerca e tifare una squadra un po' più sconosciuta come il Rizespor, il Trabzonspor o il Giresunspor. I locali resteranno sorpresi.

State attenti e siate certi di indossare i colori giusti nel quartiere giusto il giorno della partita! Le squadre di calcio di Istanbul hanno le loro zone e i tifosi sono molto orgogliosi dei loro giocatori.

4. Vestitevi come se fosse inverno... sempre

Mi è stato detto che molti turchi hanno paura di raffreddarsi, quindi si vestono a strati tutti giorni. Da quello che ho visto, è vero. Se volete veramente adattarvi, portate con voi una giacca in più o una sciarpa e indossatele appena avvertite un segnale di brezza o una folata di vento. Questo è anche molto intelligente, perché a Istanbul il tempo cambia molto spesso. Se state facendo la spesa al pazar (vedi il punto 2), comprate uno dei bellissimi foulard per cui è famosa la moda turca. Potrebbe essere anche un fantastico souvenir da portare a casa!

E non indossate mai le infradito in pubblico, quelle si mettono in piscina, sulla spiaggia o negli "hammam" e da nessun'altra parte.

5. Trovate un punto panoramico e godetevelo

living-like-local-38d244ed21fe0ae08e7067

I turchi hanno perfezionato l'arte del dolce far niente. A Istanbul ci sono tantissimi punti panoramici mozzafiato, specialmente nel Bosforo, e tante persone trascorrono il loro tempo libero rilassandosi davanti a queste bellezze, senza pensare a nient'altro. Una volta in un parcheggio mi sono imbattuta in un panorama incredibile sul Bosforo, così ho deciso di sedermi e godermelo di fronte a tutte le macchine parcheggiate. Con sorpresa mi sono resa conto che in tutte le macchine c'era della gente. Anche loro si erano fermati, stavano mangiando degli snack e stavano ammirando la vista sulla città, come se fossero in un drive in.

Non vi entusiasma l'idea di ammirare il panorama da una macchina parcheggiata? A Istanbul ci sono molti Starbucks a più piani (il Bebek e il Kadikoy sono i più conosciuti) e offrono delle viste spettacolari sul Bosforo. Il Rumeli Hisari e il Palazzo Topkapi sono altri due punti da cui è possibile scattare una foto degna della bellezza di questa città.

Quindi, portate con voi un amico, trovare un punto panoramico, ordinate un çay e godetevi la vista.

living-like-local-e9f1f356e91c466c3ddb92


Galleria foto



Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!

Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!