Advertise here

Perché dovrebbe essere vietato fumare nei ristoranti?

Perché dovrebbe essere vietato fumare nei ristoranti?

Recentemente c'è stata a scuola una grande discussione circa la possibilità di fumare nei ristoranti. Perciò, ho deciso di esprimere la mia opinione.

Perché dovrebbe essere vietato fumare nei ristoranti?

Introduzione

Il fumo è noto al mondo da secoli. Il tabacco fu scoperto in America nel 6000 a. C., originariamente era usato nelle cerimonie religiose e come medicinale, ciononostante solo dopo 5000 anni le persone hanno scoperto gli effetti del tabacco quando viene inalato. E allora è stato scoperto il fumo. Forse anche a causa di questa storia di lunga durata, il divieto sul fumo è uno degli argomenti più discussi e controversi di tutto il mondo. Il genere umano è diviso in diversi gruppi, come i fedeli non-fumatori, i fumatori, le persone a cui non interessa e altri. Tutte queste persone insieme creano un ambiente pieno di dibattiti, argomenti e opinioni, in cui ognuno difende i propri diritti e cerca di far rispettare i propri bisogni.

Lo scopo del nostro saggio è fornire dati significativi sul perché dovrebbe essere vietato fumare nei ristoranti. Ci concentreremo maggiormente sui problemi relativi alla salute, che riguardano non solo il fumo attivo, ma anche quello passivo, che è molto importante per il nostro tema. Poi parleremo di altri svantaggi del fumare nei luoghi pubblici, in particolare nei ristoranti, così come dell'inquinamento atmosferico e del surriscaldamento globale in aumento, del danno e del fastidio che il fumo reca alle altre persone e anche dei problemi con i ristoranti in cui non è possibile fumare. Nella parte successiva daremo uno sguardo alle sigarette elettroniche, discuteremo se queste siano meno dannose e se possano essere una soluzione. Inoltre, parleremo non solo dell'attuale situazione relativa al divieto di fumo nella Repubblica Ceca, ma anche in altri paesi dell'Europa, comparando le leggi e le regolamentazioni. E infine, nell'ultima parte, ci focalizzeremo sul punto di vista economico di questo problema, discutendo i possibili esiti e conseguenze che sorgono dal divieto sul fumo.

Perché il fumo dovrebbe essere proibito?

Per noi ci sono 3 principali fatti riguardo al fumo: il fumo passivo causa il cancro ai polmoni, problemi cardiaci e infezioni polmonari e bronchiali. Le leggi sul divieto di fumare proteggono gli impiegati e i clienti dai danni del fumo passivo sul luogo di lavoro. Le leggi sul divieto di fumare aiutano a ridurre il numero di fumatori fornendo loro ambienti pubblici liberi dalla tentazione di fumare.

Il fumo attivo

Non c'è dubbio che il fumo sia pericoloso e dannoso per il nostro corpo. Ma quali sono le maggiori minacce per i fumatori? La nicotina della sigaretta causa due effetti immediati: un aumento del battito cardiaco e un aumento della pressione sanguigna. Questo mette a dura prova il cuore. Per il cuore è difficile perché deve pompare di più per avere abbastanza ossigeno. A lungo termine i fumatori mostrano un aumento del colesterolo nel sangue. Di conseguenza, il rischio di avere un attacco di cuore è maggiore. Il fumatore può aumentare il rischio di sviluppare il cancro ai polmoni del 900 percento (10 volte).

La fertilità

L'effetto meno noto del fumo è collegato alla fertilità. Diversi studi hanno dimostrato che il 38% dei non-fumatori ha concepito un figlio nel primo ciclo rispetto al 28% dei fumatori. In più, il fumo causa impotenza maschile, mentre nelle donne aumenta il rischio di aborto spontaneo. Non c'è nessuna prova che il fumo passivo sia più dannoso di quello attivo. È chiaro che entrambi i tipi di fumo siano pericolosi, ma diamo un'occhiata al fumo passivo, poiché i non-fumatori ne soffrono in maniera involontaria, mentre i fumatori scelgono essi stessi di fumare e quindi se soffrirne o no. Ci concentreremo sul fumo passivo perché questo problema è uno dei maggiori responsabili di tutte le discussioni circa il divieto di fumo nei ristoranti e in altri posti pubblici.

Il fumo passivo

"Non fumare! Il fumo causa il cancro". Queste affermazioni appaiono ovunque ma dovremmo focalizzarci sul fumo passivo perché, come detto precedentemente, è uno dei principali motivi per accettare le leggi che vietano di fumare. Il fumo passivo, anche chiamato fumo di seconda mano, è diviso in due forme di fumo. C'è il fumo collaterale e il fumo principale.

Il primo è il fumo della fine della sigaretta, della pipa o del sigaro. Il secondo è il fumo che è esalato dal fumatore. Spesso si pensa che non ci sia differenza, ma il fumo collaterale contiene più cancerogeni. Anche se può sembrare impossibile.

Le persone che non fumano ma semplicemente respirano il fumo della sigaretta entrano in contatto con la stessa quantità di nicotina e di sostanze tossiche con cui entrano in contatto le persone che fumano la loro sigaretta!

Il fumo involontario è considerato un cancerogeno umano perché causa il cancro! È stato provato dalla US Environmental Protection Agency e da altre organizzazioni. Il tabacco contiene più di 250 sostanze dannose e 69 di queste causano il cancro ai polmoni. C'è anche un collegamento tra il fumo passivo e il linfoma, la leucemia, i tumori al cervello e altri tipo di tumori, specialmente il cancro al seno. Questo argomento è ancora oggetto di studio, anche se la ricerca ha dimostrato che il cancro al seno non compare così spesso nei fumatori attivi così come nei fumatori passivi. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, ci sono fatti che mostrano il danno causato dal fumo passivo. C'è un aumento delle morti per patologie cardiache e cancro ai polmoni nei non fumatori. Problemi collegati all'asma peggiorano di anno in anno. I bambini che sono esposti al fumo passivo spesso hanno bisogno di tubi respiratori e devono stare in ospedale più a lungo. Sfortunatamente le cure mediche extra per questi problemi equivalgono a più di 10 miliardi all'anno. In altri paesi vengono condotte ricerche simili che mostrano gli effetti negativi causati dal fumo passivo. Ci sono molte notizie relative a seri problemi causati dal fumo passivo. Fare denunce pubbliche è molto importante per prevenire questi problemi di salute. Alcune di queste sono menzionate di seguito: il fumo di sigaretta causa malattie e uccide le persone che non fumano; respirare il fumo può causare problemi di parto durante la gravidanza o può causare l'aborto spontaneo; i neonati o i bambini esposti al fumo possono andare più probabilmente incontro alla sindrome della morte, a infezioni delle vie respiratorie superiori, dei polmoni e delle orecchie; il fumo colpisce il cuore e la circolazione sanguigna e nel tempo è pericoloso perché può causare attacchi di cuore.

Si capisce, quindi, che il fumo è veramente pericoloso non solo per il fumatore, ma per chiunque gli sia intorno. Ciononostante ci sono anche altri aspetti che supportano il fatto che il fumo dovrebbe essere vietato nei ristoranti.

Perché dovrebbe essere vietato fumare nei ristoranti?

Hobby fastidioso

Uno dei problemi maggiori del fumo nei luoghi pubblici, a parte quelli relativi alla salute, è che questo "hobby" danneggia altre persone innocenti. "La tua libertà finisce dove comincia la mia". Il fumo non è diverso da qualsiasi altra limitazione della libertà. Così come non camminiamo per le strade con la musica ad alto volume, non puzziamo sui mezzi pubblici e indossiamo vestiti in pubblico, allo stesso modo non dovremmo puzzare di sigaretta. È veramente fastidioso quando sei con la tua famiglia per un'occasione importante in un ristorante, ansioso di mangiare il delizioso cibo che hai ordinato, e c'è fumo passivo. Immediatamente perdi l'appetito e vuoi tornare a casa. Perché un uomo deve sedersi al ristorante e fumare? È così dipendente dal fumo da non poter evitare di fumare per un'ora? O se è così difficile per lui, perché non può andare fuori e fumare all'esterno, dove non c'è nessuno che mangia? Non è giusto, le persone non possono essere obbligate a respirare il fumo di sigaretta e soffrire a causa di qualcun'altro. Il fumo danneggia non solo la salute ma anche il nostro clima. Secondo la World Health Organization (Organizzazione Mondiale della Sanità), circa 1. 1 miliardo di persone al mondo fuma, e ci si aspetta che questo numero si triplichi nei prossimi 25 anni. Tutto questo fumo e questa coltivazione di tabacco avranno sicuramente un impatto sul clima. Ogni anno il fumo da solo rilascia nell'atmosfera 2. 6 milioni di tonnellate di CO2 e 5. 2 milioni di tonnellate di metano. Inoltre, il fumo di tabacco ha anche un impatto sull'ambiente. Si dice che più di cento chili di legno siano necessari per seccare un chilo di tabacco. In più, ogni anno circa 600 milioni di alberi sono tagliati per fare spazio alle piante di tabacco. Inoltre, tutti i filtri delle sigarette vanno a finire sul terreno e contaminano le falde acquifere con la nicotina e altre sostanze tossiche. Pensiamo di non dover accennare a quanto siano disgustosi i rifiuti sul suolo. Un fatto non troppo interessante è che l'indice di inquinamento (PSI) del fumo di sigaretta è 600, il PSI in una città sviluppata è circa 40, massimo 100. Anche in Cina, dove l'inquinamento è relativamente alto, il PSI è solo circa 200, ovvero solo un terzo del PSI del fumo di sigaretta.

L'indice di inquinamento, o PSI, è un tipo di indice della qualità dell'aria, ovvero un numero usato per fornire al pubblico un indicatore facilmente comprensibile di quanto sia inquinata l'aria. I ristoranti per fumatori, che non supportano il divieto di fumare nei ristoranti, sostengono che se i non-fumatori non vogliono respirare il fumo dovrebbero andare in ristoranti per non-fumatori. È facile a dirsi, ma più difficile è trovare un ristorante specifico per non-fumatori. Nelle grandi città non è un gran problema, ma nelle piccole città lo è. Quando hai una pausa per pranzo e vuoi trovare un ristorante per non-fumatori, a volte è veramente impossibile. È vero che oggigiorno alcuni ristoranti affermano di avere "spazi separati per fumatori e non-fumatori", ma spesso la realtà è che nel ristorante c'è un'unica grande stanza, di cui metà è per i fumatori e l'altra metà è per i non-fumatori. Solo alcuni ristoranti cercano seriamente di avere stanze strutturalmente separate, il che è leggermente meglio. Potrebbe essere utile... Ultimo, ma non per importanza, si dice che il divieto di fumare nei ristoranti potrebbe aiutare i fumatori a fumare di meno. Se alle persone è permesso fumare nei luoghi pubblici, queste potrebbero non essere così motivate a smettere di fumare come lo sarebbero se non fosse permesso loro fumare in aree pubbliche. Perché il fumo non dovrebbe essere vietato? Il lato opposto, che pensa che non dovrebbe essere vietato fumare nei ristoranti, sostiene che viviamo in uno stato democratico e che ciascun proprietario di un ristorante o simile abbia il diritto di decidere se voler mirare al gruppo di persone di non-fumatori, di fumatori o a entrambi. Dipende da lui; può decidere se aprire un ristorante per non-fumatori attrarrebbe così tanti non-fumatori da compensare la perdita dei fumatori o se il profitto sarebbe più alto con stanze separate. Questo è sicuramente vero; ciononostante pensiamo che bisognerebbe preferire la salute agli interessi economici.

Perché dovrebbe essere vietato fumare nei ristoranti?

Le sigarette elettroniche

Le sigarette elettroniche sono diventate famose negli ultimi 3 anni. Sono anche chiamate vaporizzatori personali. I fumatori inalano il vapore della nicotina come farebbero con la sigaretta normale. Ci sono molti gusti ed è possibile anche scegliere tra sigarette con o senza nicotina. Quando queste sigarette sono arrivate sul mercato si sosteneva che il fumo delle sigarette elettroniche fosse meno pericoloso. È noto che la nicotina causa la formazione di sostanze cancerogene quando reagisce con l'acido nitroso e la maggior parte delle sigarette elettroniche contiene nicotina, che è inalata anche dai non fumatori. Ai produttori non è richiesto rivelare quali siano le sostanze presenti nelle sigarette elettroniche, quindi non è possibile dire con certezza se le sigarette elettroniche sono pericolose o no per la salute. Il primo studio su questo prodotto relativamente nuovo fu realizzato nel Luglio 2009 dalla U. S. Food and Drug Administration. Questo ci fa porre molte domande. Siamo stati ingannati? Cosa è successo? Le sigarette elettroniche aiutano a smettere di fumare o è una bugia? La verità è che le sigarette elettroniche non sono state sottoposte alla valutazione della FDA (Food and Drug Administration, Agenzia per gli Alimenti e i Medicinali). Molti produttori promuovono il loro prodotto con false pubblicità! Non c'è nessuna prova che queste nuove sigarette non siano dannose. In più, è stato rivelato che le sigarette elettroniche rilasciano nell'aria sostanze cancerogene e tossiche. Inoltre, non sono dispositivi che fanno smettere di fumare. I produttori offrono molti gusti e all'inizio la sigaretta elettronica sembra veramente una buona opzione e un'accettabile alternativa alla sigaretta normale. Sfortunatamente, la realtà è differente. Il prossimo problema riguarda la regolamentazione di questo prodotto. Dovremmo trattare le sigarette elettroniche come i normali prodotti che contengono tabacco? Ci sono molte opinioni a favore della regolamentazione delle sigarette elettroniche perché non è stato provato che esse siano sicure e non dannose. Secondo un sondaggio del 2010 è necessario testare molto di più le sigarette elettroniche. La mancanza di studi non permette di valutare questo prodotto e generalizzare. Nel frattempo gli specialisti raccomandano di non usare le sigarette elettroniche finché non ci saranno prove più chiare. In Repubblica Ceca c'è il divieto di fumo nelle aree pubbliche, così come in tutte le istituzioni o negli ospedali. I ristoranti, i bar e i club (se vogliono essere anche per fumatori) devono avere spazi separati per fumatori e non-fumatori. Il divieto completo o parziale di fumare nei ristoranti è valido secondo la Commissione Europea in 26 paesi dell'Unione Europea. La Repubblica Ceca sta ancora rinviando questa legge. La Repubblica Ceca è l'unico paese dell'Unione Europea che non esercita nessuna forma di protezione contro il fumo di tabacco nei ristoranti. In totale 18 paesi dell'Unione Europea hanno completato o quasi completato il divieto sulle sigarette elettroniche. E 8 paesi esercitano limitazioni parziali. Solo in Repubblica Ceca non esiste nessuna regolamentazione legale, nemmeno nell'ora di pranzo. Pertanto, la Repubblica Ceca è l'unico paese dell'Unione Europea in cui è permesso continuare a fumare nei ristoranti. Nel 2013, ci fu un progetto di legge con cui si ipotizzò che il divieto di fumare nei ristoranti sarebbe stato valido a partire da Gennaio 2014. Questo avrebbe dovuto includere non solo le comuni sigarette, ma anche le sigarette elettroniche e le pipe ad acqua riempite col tabacco. Sarebbe stato possibile fumare solo nei giardini dei ristoranti. Anche se in Repubblica Ceca un terzo degli adulti fuma e quasi la metà dei più giovani ha provato a fumare, il 78% della popolazione spera nel divieto di fumare nei ristoranti. Una delle novità per proteggere giovani e bambini è il divieto di ingresso per le persone con meno di 18 anni nei luoghi pubblici strutturalmente separati, per esempio i parchi giochi o le hall degli aeroporti, dove sarà ancora permesso fumare. Il divieto di fumare è valido nelle scuole, negli uffici, nelle strutture mediche, inclusi gli spazi esterni, e da poco sarebbe valido, per esempio, nei parchi giochi. Ad oggi, nel 2014, c'è finalmente una reale possibilità che la legge che dovrebbe vietare di fumare nei ristoranti e nei bar possa essere approvata dalla camera bassa del parlamento. In un sondaggio di quest'anno 135 membri del parlamento hanno risposto e la maggioranza approva questa legge. Nello specifico: 55 membri del parlamento non sono d'accordo con l'introduzione di questo divieto, 5 di loro ancora non hanno deciso e 77 - ovvero il 57% - vorrebbe votare per questa legge. Una parte dei membri del Parlamento sostiene la protezione della salute pubblica, mentre l'altra parte non vuole che questo limiti i proprietari dei ristoranti e dei bar. Secondo loro, il divieto completo inciderebbe significativamente sul diritto di proprietà del titolare del ristorante e, secondo loro, dividere il ristorante in due parti (per i fumatori e per i non-fumatori) sarebbe sufficiente. La legge sarebbe applicata solo ai ristoranti, non ai bar. Ma il successo della Camera dei deputati della Repubblica Ceca non significa che la Repubblica Ceca apparterrà agli stati in cui i fumatori devono accontentarsi di zone riservate di fronte ai ristoranti. La legge deve essere approvata anche dai senatori, tra cui ci sono molti fumatori. C'è anche da chiedersi se il presidente Miloš Zeman firmerà la legge, considerato il fatto che è un accanito fumatore. Erano coinvolti 8488 adulti e 2576 di loro sono fumatori.

Divieto di fumo in Europa.

Ogni paese ha le sue speciali regole, regolamentazioni e leggi per quanto riguarda il fumo e la legislazione cambia ogni giorno, quindi abbiamo scelto solo alcuni paesi, le cui regolamentazioni risultano interessanti e la Repubblica Ceca potrebbe essere ispirata da loro.

Belgio

In Belgio c'è divieto di fumare sul posto di lavoro, nelle scuole, nei ristoranti, inclusi i bar e i casinò. In Belgio il divieto di fumare ha avuto uno sviluppo interessante:

  • Gennaio 2006: divieto di fumare sul posto di lavoro
  • Gennaio 2007: divieto di fumare nei ristoranti e nei bar, eccetto i piccoli bar e quelli in cui sono serviti pasti "light", come la pizza. Anche i piccoli bar non erano inclusi nelle regolamentazioni.
  • Settembre 2008: divieto di fumare nelle scuole
  • Gennaio 2010: il divieto generale di fumare, che includeva tutti i tipi di bar era contestabile, fu quindi mitigato su una serie di regole che riguardavano i bar che servivano cibo
  • Luglio 2011: si comincia a pensare che la discriminazione tra bar poteva interferire con la competizione economica, quindi a luglio le parziali eccezioni sono eliminate. Ad oggi, in Belgio, c'è divieto di fumare nei bar, nei ristoranti e nei casinò senza alcuna eccezione. Il completo divieto di fumare è valido anche su tutti i treni (i vagoni per fumatori ancora non esistono) e le stazioni. Anche sugli autobus e sui tram non è permesso fumare

Irlanda

L'Irlanda è stata il primo paese al mondo in cui è stato introdotto il divieto di fumare in tutti i luoghi pubblici al chiuso come i bar, i ristoranti, gli ospedali e i mezzi di trasporto pubblico. Inoltre, alcune strutture pubbliche hanno "Smoking Gazebo" di fronte alle uscite dei negozi per i fumatori. Il divieto in questione fu introdotto 10 anni fa, il 29 Marzo 2004.

Polonia

C'è il divieto di fumare nelle scuole, negli ospedali, sui mezzi pubblici, inclusi i treni e gli autobus e anche alle fermate degli autobus e nelle stazioni. Dal primo Gennaio 2011 c'è il divieto di fumare in tutti gli interni pubblici. Sono compresi anche i bar, i ristoranti e le discoteche. Ciononostante ci sono posti al chiuso per i fumatori.

Austia

Dal primo Gennaio 2009 c'è il divieto di fumare in tutti i luoghi pubblici inclusi i bar e i ristoranti. Ma non si tratta di un divieto completo: i ristoranti e i bar più piccoli di 50m2 devono decidere se essere per fumatori o solo per non-fumatori e devono renderlo noto in maniera visibile. I più grandi devono essere per non-fumatori o avere una zona separata per i fumatori. Negli altri casi ci sono multe abbastanza elevate: 1000 euro per i clienti e 10000 per il proprietario.

Slovacchia

Il nostro vicino ha una regolamentazione simile alla nostra in Repubblica Ceca. C'è il divieto di fumare in tutti i luoghi pubblici: gli ospedali, i luoghi culturali e sportivi, le scuole, le fermate degli autobus, gli aeroporti e le stazioni ferroviarie. Nei ristoranti, dove le persone possono ordinare un pasto, lo spazio deve essere diviso in due parti: una per i fumatori e un'altra per i non fumatori.

Gli effetti economici del divieto di fumare

Il divieto di fumare può prevenire l'esposizione delle persone al fumo passivo ma i proprietari dei ristoranti sono preoccupati che queste leggi possano danneggiare i loro affari. C'è chi sostiene che queste leggi risulteranno in una diminuzione del numero di clienti nei ristoranti e nei bar. Perciò, il fatturato diminuirà e potrebbe anche aumentare la disoccupazione. Numerose analisi scientifiche ed economiche mostrano infatti che i divieti sul fumo non colpiscono i proprietari, il lavoro o i profitti dei ristoranti. In più, alcune analisi hanno mostrato che non c'è nessun effetto negativo e che qualche volta ci possono essere effetti positivi. Un problema dello studio sul divieto di fumare è che è molto difficile misurare l'impatto di questo divieto. Se si vuole misurare accuratamente l'effetto del divieto di fumare, i dati devono essere raccolti per più di un anno da quando il divieto è stato reso effettivo. Per esempio, una ricerca degli USA (Centro per la prevenzione e la malattia) ha mostrato che, negli ultimi 20 anni, le leggi contro il fumo non hanno avuto effetti negativi sulla situazione economica dei ristoranti e dei bar. Gli stati che sono stati scelti per questo studio non hanno mai avuto leggi statali che proibissero di fumare; al contrario in tali stati ci sono molte comunità in cui ci sono leggi che proibiscono di fumare nei ristoranti e nei bar. I risultati erano chiari. In tutti gli stati c'era sempre un'associazione non importante tra le leggi sul fumo e il lavoro. Questo studio fu fatto su 216 città e 9 stati nell'arco di 11 anni. Pertanto, non dovremmo aspettarci un impatto delle leggi contro il fumo sul fatturato dei ristoranti e dei bar. Sono state fatte numerose ricerche in questo campo. Possiamo menzionare l'"International Agency for Research on Cancer" (Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) che ha ottenuto gli stessi risultati. Quest'analisi ha finalmente mostrato che esistono piccoli effetti positivi delle leggi sul divieto di fumare. Un altro studio fu pubblicato sul giornale Tabacco Control nel 2003 e ha decretato che: "Tutti gli studi meglio progettati hanno riportato, sulle vendite o sul lavoro, un impatto nullo o positivo delle leggi sul divieto di fumare nei ristoranti e nei bar. I decisori politici possono agire per proteggere i lavoratori e i clienti abituali dalle tossine del fumo passivo, sicuri di evitare reclami da parte dell'industria e l'impatto economico sfavorevole".

La prossima prova è che negli USA ci sono Stati in cui queste politiche funzionano. Ad esempio, Washington, New York, la California, il Masachusetts o la Florida sono a favore delle leggi sul divieto di fumare. La "CDC Foundation" offre molti video interessanti in cui i proprietari dei ristoranti e dei bar parlano dei loro affari in relazione alle leggi sul divieto di fumare. La "CDC Foundation" aiuta il "Center for Desease and Prevention" (Centro per la prevenzione e la malattia) a fare di più e più velocemente.

Sul posto di lavoro il fumo passivo è diffuso più di quanto si possa pensare. Sul nostro posto di lavoro possiamo spesso essere esposti al fumo passivo. Dovremmo fare attenzione ai luogo di lavoro, date le numerose ore che ci passiamo. Fumare sul posto di lavoro causa un danno non solo al datore di lavoro ma anche ai lavoratori. Con le leggi che vietano di fumare sul posto di lavoro è possibile ottenere un ambiente più salutare e una maggiore produttività. Di conseguenza ci può essere una diminuzione dei costi di manodopera, premi assicurativi più bassi e minori spese di mantenimento, come vestiti e tappeti.

Ci sono molte ricerche e dovremmo ascoltare anche il pensiero della gente. Dovrebbe essere vietato fumare nei luoghi pubblici? L'85% degli intervistati ha risposto sì mentre il 14% ha risposto di no!

: fumare in luoghi inadeguati fa solo arrabbiare le persone che non fumano. E mi dispiace non voler catrame nei miei polmoni, ma dovrebbe essere vietato. Se si vieta di fumare, i fumatori fumeranno meno spesso e resisteranno più facilmente alla tentazione, il che li aiuterà a smettere. Tutto sommato, dovrebbe essere vietato fumare per il bene di tutti. Dovrebbe essere vietato fumare in tutti i luoghi pubblici. Se le persone vogliono fumare, dovrebbero farlo nella privacy della loro casa. Questo potrebbe sembrare meschino, ma il fatto è che è stato dimostrato che il fumo passivo è pericoloso, e le persone che lo respirano non hanno il controllo sull'aria che li circonda. Quando quello che si fa viola i diritti e la sicurezza degli altri, dovrebbe essere illegale.

No: I fumatori non smetteranno di fumare a causa di un divieto. I locali in cui si cena, i parchi a tema, i negozi, e altre attività dovrebbero avere zone riservate ai fumatori per soddisfare le persone a cui piace fumare. Far passare la legge per proibire di fumare nei luoghi pubblici non convincerà le persone che vogliono fumare a smettere di farlo. Le proprietà private aperte al pubblico dovrebbero lasciare decidere ai proprietari. Bar, strutture in cui si mangia, ecc. (Il dibattito è stato preso da debate.org)

Conclusione

Il fatto decisivo è che fumare nei luoghi pubblici non è deleterio solo per chi fuma ma è dannoso anche per le persone nelle vicinanze. Fumare è negativo per la società. Quindi, è necessario l'intervento del governo. Il governo è l'autorità di controllo e se i costi superano i benefici la situazione deve essere cambiata. Le persone dovrebbero capire che questa regolamentazione è un passo avanti. Ci sono molti parchi e strade ricoperte di sigarette. Normalmente si vedono bambini che giocano al parco giochi e ovunque ci sono mozziconi di sigarette. Molti ristoranti sono così pieni di fumo che gli occhi bruciano e i vestiti puzzano.

Vogliamo davvero questo? . Con le leggi che vietano di fumare il nostro paese potrebbe diventare un posto migliore e il nostro stile di vita potrebbe essere migliorato.

Abbiamo chiaramente definito gli effetti del fumo. Fumare è dannoso in ogni caso. Crediamo che le leggi che vietano di fumare possano fondamentalmente far diminuire il numero di persone che fumano. Anche se le persone sono a conoscenza delle spese ai danni della salute e delle finanze, sembra che non gli interessi. Ogni giorno siamo circondati da avvertimenti su come il fumo uccida. Spesso leggiamo articoli su quanto possa essere pericoloso fumare. Si vedono molte persone morire di cancro ma la dipendenza dalle sigarette persiste. Quindi, come possiamo liberarci da questa tremenda abitudine?

Il divieto di fumare è la soluzione.

Perché dovrebbe essere vietato fumare nei ristoranti?


Galleria foto



Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!