Consigli per il tuo Erasmus vegano: la guida definitiva 2021 | Suggerimenti Erasmus

Consigli per il tuo Erasmus vegano: la guida definitiva 2021

Dopo le scartoffie prima di una delle avventure più importanti della tua vita, ora hai il tuo posto per andare in Erasmus! Siamo felici che tu abbia deciso di studiare all'estero, non te ne pentirai! Se anche tu conduci uno stile di vita libero dalla sofferenza degli animali, avrai iniziato a cercare dei consigli per il tuo Erasmus vegano. Probabilmente hai molti dubbi e una delle cose che ti preoccupa di più è il cibo, soprattutto se hai deciso da poco di smettere di mangiare prodotti di origine animale e diventare vegana o vegano. Prima di tutto, complimenti per aver fatto un passo così importante per te, per gli animali e per il pianeta!

Che tu sia vegano da anni o che tu abbia preso la decisione di recente, non farti sopraffare! In questo post potrai leggere una guida con i migliori consigli affinché il tuo Erasmus vegano sia una grande esperienza e tu non finisca per mangiare solo lattuga e patatine (non diremo nulla sulla birra). Prendi appunti! Se invece stai andando in Erasmus o a studiare all'estero ma non sai cosa sia un vegano e in cosa consista la sua dieta, non andare via, sicuramente questi consigli interesseranno anche te!

Cosa vuol dire essere vegano?

Prima di entrare nel vivo dell'argomento Erasmus e studio all'estero, chiariamo alcuni concetti. Se sei vegano, saprai già tutto! Se sei curioso e non sai cos'è un vegano o cosa significa essere vegani, ti chiariremo le idee!

Differenza tra vegani e vegetariani

Anche se il veganesimo è un movimento sempre più popolare, ci sono ancora persone che confondono i termini vegano e vegetariano. Un vegetariano è una persona che non mangia animali, ma può consumare alimenti che provengono da essi come uova, latticini o miele. All'interno del movimento sono anche conosciuti come ovolattevegetariani.

Allora, chi è un vegano? Be', né più né meno di chi ha deciso di fare a meno di qualsiasi prodotto di origine animale per evitare gli abusi e lo sfruttamento degli animali in tutti i modi che sono in suo potere. Il veganesimo va ben oltre la dieta e, anche se lo vedremo più avanti, seguire questo stile di vita fa bene alla salute, al pianeta e agli animali. Tutti vantaggi!

Come essere vegano senza morire nell'intento durante il tuo Erasmus

Al giorno d'oggi essere vegani è molto più facile rispetto a qualche anno fa, figuriamoci decenni fa! Allora, molti studenti vegetariani e vegani che andavano all'estero trovavano molto difficile adattare la loro dieta e il loro stile di vita al paese di destinazione, soprattutto se si tiene conto della lingua. Fortunatamente, questo è cambiato molto rapidamente e oggi possiamo trovare praticamente quasi tutto ciò di cui abbiamo bisogno, un po' ovunque: dal cibo ai prodotti senza ingredienti di origine animale.

Ma andiamo con ordine, di cosa avrò bisogno per il mio Erasmus essendo vegano? Dal nostro punto di vista, non avrai bisogno di molto altro se non di un atteggiamento positivo insieme alla tua capacità di adattamento e ad avere informazioni di qualità a portata di mano. La prima dipende un po' più da te, ma noi ci occuperemo della seconda (anche se Google ti tirerà spesso fuori dai guai).

Qui ti lasciamo una serie di consigli per il tuo Erasmus vegano:

  1. Scegli preferibilmente una città vegan-friendly (anche se non è essenziale).

  2. Tieni a mente le tue esigenze nutrizionali (compra ingredienti che rientrano nel tuo budget ma che sono nutrienti, mangia in ristoranti vegani o con opzioni vegane e non dimenticare di prendere la B12!)

  3. Oltre alla dieta, cerca informazioni su fonti ufficiali, gruppi vegani locali su Facebook e altri siti web per consumare prodotti che non contengono ingredienti animali e sono cruelty-free.

  4. Circondati di altri vegani, vegetariani e persone dalla mentalità aperta. Il sostegno degli altri e la vita sociale durante l'Erasmus sono importanti!

Quale città vegan-friendly devo scegliere? Le migliori città dove essere vegani

Varsavia (Polonia) aveva già 50 ristoranti vegani nel 2019.

Sappiamo che non è sempre possibile scegliere la tua prossima destinazione Erasmus su misura per te perché, a seconda della tua università di provenienza, avrai a disposizione un certo numero di università ospitanti che ordinerai nella tua domanda in ordine di preferenza. Ovviamente, una grande città del Nord Europa non è la stessa cosa di una città piuttosto piccola nelle profondità dei Balcani, ma niente è impossibile!

Se hai la fortuna di poter scegliere, ti consigliamo di optare per una città il più possibile vegan-friendly, perché ti renderà la vita molto più facile durante l'Erasmus. Se invece non puoi scegliere una di queste città o hai già la tua destinazione Erasmus, non preoccuparti! Come abbiamo detto, le cose stanno cambiando molto, quindi dovrai solo prendere in considerazione qualche altro aspetto.

Per ora, ti lasciamo qui una lista delle città europee più vegan-friendly dove trascorrere il tuo Erasmus:

  1. Londra

  2. Berlino

  3. Varsavia

  4. Praga

  5. Madrid

Tuttavia, l'offerta vegana sta aumentando anche in altre città europee come Barcellona, Budapest, Amsterdam, Lisbona o Milano. Questa lista si basa sulla classifica delle migliori città per le offerte vegane di HappyCow; ma questo non significa che in altre città si abbia molta meno scelta, tutt'altro! Anche se non appaiono in questa lista, ci sono un sacco di posti dove passerai un Erasmus fantastico, te lo assicuriamo! Fai qualche ricerca per conto tuo sulla città che attira la tua attenzione e troverai sicuramente delle alternative.

Nel frattempo, dai un'occhiata al post Firenze: Rinascimento in stile vegano per stuzzicare l'appetito per il tuo Erasmus.

Mangiare vegano durante il tuo Erasmus

Come mangerai durante l'Erasmus dipenderà da diversi fattori: dalla città di destinazione al luogo in cui vivrai durante questi mesi. Pertanto, vedremo le diverse opzioni che avrai per mangiare vegano e vivere il miglior Erasmus senza preoccuparti troppo.

Menù settimanale vegano per studenti: cosa mangiare durante il tuo Erasmus

Se alloggi in un appartamento condiviso o in una residenza con cucina, uno dei nostri consigli è quello di cucinare con i tuoi ingredienti. Questa è di solito una delle opzioni più economiche (sappiamo che la borsa di studio non è sufficiente e bisogna risparmiare!) e può salvarci da qualche problema. Non importa che tu non sappia cucinare bene, nessuno nasce imparato! Hai a tua disposizione migliaia di ricette facili per le quali hai bisogno di pochissimi ingredienti, quindi approfitta per tirare fuori lo chef che è in te e preparare piatti vegani facili per fare un menù settimanale, come quelli che ti lasciamo in questo post sulla gastronomia andalusa e le sue versioni vegane. Sono sicura che ti saranno utili per un pasto internazionale con i tuoi nuovi compagni di Erasmus!

Per l'acquisto degli ingredienti di base come frutta, verdura e legumi, vai nei mercati settimanali se la lingua te lo permette (se no, hai già una scusa per imparare le basi!). Non solo risparmierai un sacco di soldi, ma avrai anche i prodotti più freschi e di stagione. In caso contrario, hai sempre la possibilità di andare al supermercato che si adatta meglio al tuo budget.

Se la tua città di destinazione ha catene di supermercati internazionali, come Carrefour o Lidl, avrai molta più varietà di prodotti vegani. Il primo ha una sezione di prodotti internazionali e una sezione biologica dove troverai una varietà di prodotti vegani, ma tieni presente che può essere più costoso. Per quanto riguarda Lidl, è un po' più conveniente e sta anche espandendo la sua offerta vegana. In entrambi i posti puoi trovare formaggio vegano, gelato vegano, cioccolato vegano e altri sostituti vegani della carne, ma fai attenzione! Non è necessario che questa sia la base della tua dieta, altrimenti sia la tua salute che le tue tasche ne soffriranno. Ci sono alcuni account Instagram non ufficiali che segnalano i prodotti vegani in questi supermercati a seconda del Paese in cui si vive, come questo Vegan Lidl Spain.

Se non sei un gran cuoco o non hai una cucina completa, hai altre opzioni. Molte università hanno già un menu settimanale vegano in alcune delle loro mense o almeno alcune opzioni e alternative vegane. Se questo non è il caso della tua università, vedi se c'è qualche ristorante vegano o vegetariano/tradizionale con opzioni nelle vicinanze che offre sconti con la tua tessera studentesca, di sicuro risparmierai molto!

D'altra parte, una buona colazione vegana non può mancare per iniziare bene la giornata. Che sia dolce o salata, troverai sicuramente latte a base vegetale (soia, avena, mandorla, riso... ) così come caffè, tè e altri ingredienti per fare un'ottima colazione. Se preferisci fare colazione fuori, sempre più caffetterie offrono opzioni vegane, sia latte a base vegetale, pasticcini e torte, così come altre opzioni salate.

Ristorante vegano e ristorante con opzioni vegane: dove mangiare fuori casa

Anche se la tua destinazione Erasmus è importante, oggi possiamo trovare opzioni vegane in molti ristoranti e molta più offerta di ristoranti puramente vegani. Se ti stai ancora chiedendo cos'è un ristorante vegano, come indica la parola, si tratta di qualsiasi locale che offre cibo e bevande senza ingredienti di origine animale.

Mangiare fuori potrebbe non essere l'opzione più economica se sei uno studente, ma sia l'immersione culturale nel Paese sia la socializzazione sono molto importanti per avere un'esperienza Erasmus completa. Per questo ti consigliamo di scaricare l'app HappyCow perché è molto facile da usare e puoi vedere tutti i ristoranti vegani, vegetariani e con opzioni vicino a te sulla mappa. Questa applicazione ti salverà la vita in più di un'occasione, fidati!

Nel caso tu debba andare in posti che non appaiono nell'app e non hanno opzioni vegane visibili nel menu, chiedi! Il personale del ristorante può dirti se c'è un'opzione vegana o un piatto facile da veganizzare. Se hai dei dubbi, chiedi sempre se il piatto in questione ha ingredienti di origine animale (carne, uova, latticini, ecc. ).

A poco a poco conoscerai la città e mille posti dove andare (e molti altri dove non andare), quindi non accontentarti del solito posto e incoraggia il tuo gruppo di amici a provare cose nuove. Nelle grandi città sarà un po' più facile, come ci insegna Leonoor nella sua Guida vegana di Madrid.

Spesa e altre necessità: il veganesimo oltre la dieta

Come abbiamo detto prima, non possiamo dimenticare che il veganesimo va ben oltre il cibo, poiché rifiuta qualsiasi tipo di sfruttamento animale. Questo significa cambiare le abitudini di consumo e cercare alternative ai prodotti che hanno ingredienti di origine animale, sia nel nostro abbigliamento e nei tessuti (pelle, pelliccia, lana, seta, piume... ), nei cosmetici che usiamo (test sugli animali e ingredienti come cera d'api, carminio, collagene... ), o nel tempo libero e divertimento (zoo, acquari, spettacoli e attrazioni turistiche con animali), tra le altre cose.

Se vuoi maggiori informazioni e consigli su cosa fare per vivere e consumare in modo rispettoso con gli animali, puoi consultare il sito web di FAADA (Foundation for Advice and Action in Defense of Animals).

Una volta conosciuta la teoria, la pratica può essere un po' più complessa, ma non impossibile con i nostri consigli. Una delle cose che può renderti la vita più facile è l' etichetta vegana, presente in molti prodotti alimentari, cosmetici, per l'igiene, ecc. La più nota è la V-Label, ma c'è anche quella Vegan della Vegan Society. Ricorda che non tutti i prodotti vegani hanno questa etichetta.

Nel caso di cosmesi, igiene e cura del corpo, il sito di riferimento in spagnolo è El Jardín de Asami, dove si possono trovare informazioni sulla sperimentazione animale, liste di prodotti cosmetici vegani (trucco vegano), igiene (shampoo vegano, saponi... ) e pulizia della casa (detergenti e prodotti per la pulizia), oltre ad altri prodotti attuali. Molti si possono trovare in quasi tutti i Paesi europei, ma hai la possibilità di ordinarli anche online.

Per quanto riguarda la moda vegana, ci sono già molte aziende che offrono abbigliamento e calzature senza materiali di origine animale, alcune di esse usano materiali come la pelle vegana fatta con materiali sintetici o fibre naturali di ananas o cactus. Lasciando da parte l'etica su quali materiali siano più sostenibili e di sapere chi cuce i nostri vestiti (altrimenti questo post sarebbe infinito), ti consigliamo di guardare sempre i materiali sull'etichetta di ogni capo che decidi di acquistare.

Nel caso delle calzature di solito è più difficile perché, anche se indicano con disegni se i materiali sono sintetici o no, di solito vengono utilizzate colle animali per unire i componenti. In questo caso, puoi optare per prodotti che sono indicati come vegani (alcune marche hanno già un filtro per i prodotti vegani sui loro siti web, così puoi sapere cosa è vegano e cosa no), ma se vuoi davvero essere sicuro che siano vegani al 100%, ti consigliamo di comprare da aziende di moda e calzature vegane, che producono preferibilmente i loro capi localmente e in modo sostenibile. Per trovarne qualcuno, dai un'occhiata all'account Instagram di MarcasDPM che è nato in piena quarantena per dare visibilità alle marche responsabili e quindi promuovere il consumo locale e sostenibile. Molte di loro sono spagnole, ma se ne possono trovare anche di internazionali.

Cerca sempre di consultare fonti il più possibile affidabili o serviti di altri mezzi di informazione che possano renderti la vita più facile Questo è il caso dei gruppi locali di Facebook o Telegram per vegani e vegetariani. Molto probabilmente la tua città di destinazione Erasmus ne ha uno personale, quindi chiedi un invito senza esitare! Scoprirai nuovi prodotti vegani, potrai chiedere informazioni in caso di dubbi su un prodotto e potrai partecipare a eventi e incontri. È sempre bene circondarsi di persone che condividono i tuoi valori e che possono aiutarti durante il tuo Erasmus!

Infine, la cosa più importante di tutte: non esiste il vegano perfetto, ricordatelo! Sappiamo che tutte queste informazioni possono essere opprimenti, ma tieni a mente il motivo per cui hai fatto questo passo e tutto diventerà più facile. Ricorda che il veganesimo consiste nel cercare di non favorire lo sfruttamento animale, ma se durante il processo commetti un errore o il tuo budget da studente non è sufficiente per seguire uno di questi consigli, non sarai meno vegana o vegano per questo. Concentrati sul fare il massimo in questa fase della tua vita e vedrai che andrà tutto bene.

Speriamo che questa guida ti sia utile durante il tuo soggiorno all'estero e che tu viva un'esperienza indimenticabile. Goditi il tuo Erasmus vegano!

Stai cercando un appartamento per il tuo Erasmus o soggiorno all'estero? Sei nel posto giusto!

Su Erasmusu possiamo aiutarti a rendere i preparativi per il tuo Erasmus vegano un po' meno caotici. Siamo esperti negli affitti per studenti, quindi qui troverai un'ampia varietà di alloggi dalle stanze in appartamenti condivisi, ai monolocali, alle residenze universitarie. I nostri operatori ti aiuteranno in tutto il processo in modo che tu non debba preoccuparti di nulla, dai un'occhiata e prenota il tuo alloggio ora!

Per altri consigli, non dimenticare di seguirci su Facebook, Twitter e Instagram!


Galleria foto



Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!