Non potevo sopportarlo, ma ho imparato ad amare il mio fratello ospitante.

Se anche voi avete sperimentato lo scambio culturale al liceo, sarete probabilmente a conoscenza del fatto che dal momento in cui inviate la richiesta all'estero, fino al momento in cui riceverete informazioni riguardo la vostra famiglia ospitante c'è un'attesa così lunga che vi manderà lentamente fuori di testa. Tutto ciò che volete è sperimentare disperatamente lo scambio culturale e volete sapere dove trascorrerete un anno della vostra vita. Ma quando meno ve l'aspettate, ecco le informazioni che attendevate da tempo, che aspettano di essere aperte. Una notte, stavo usando il mio computer e dopo aver finito ciò che stavo facendo, ho stranamente controllato la posta, chissà, magari qualcuno mi ha inviato qualcosa di importante. Era destino, perché nemmeno dieci minuti prima, il mio papà ospitante mi aveva inviato una (breve) email in cui mi presentava sé stesso e la sua famiglia. "Sono Brian, ti scrivo dal Colorado, USA. Kim è mia moglie e Hunter è mio figlio. "

Conoscerli.

Tra le cento email che ci siamo inviati, ce n'era una che diceva che Kim e Brian sarebbero andati in Svizzera a fine luglio e mi chiedevano se potessi raggiungerli così da poterli incontrare di persona, loro avrebbero incontrato la mia famiglia e mi avrebbero dato consigli per il mio arrivo all'aeroporto internazionale di Denver. Incontrarli mi sembrava giusto, mi è sembrato di stare in famiglia dal primo momento in cui li ho visti, ed è anche stato molto bello per i miei genitori poter vedere le persone con cui avrei vissuto per un anno. Hunter non poteva unirsi ai suoi genitori per il viaggio...

from-hating-loving-host-brother-aaec68c2

Questo è il posto in cui li ho incontrati, cioè Saint Moritz. Abbiamo trascorso poche ore insieme, abbiamo pranzato, fatto una passeggiata in città e poi era giunto il momento per me e la mia famiglia di tornare a Milano.

Non è facile avere a che fare con ogni cosa (o con ognuno)

Sono finalmente atterrato in aeroporto, li ho chiamati e gli ho comunicato che il mio aereo era in orario, tutto ciò che dovevo fare era oltrepassare i controlli e li avrei trovati ad attendermi nella sala degli arrivi. Sbagliato. Erano al gate sbagliato quindi alla fine li ho visti vagabondare tra i terminal cercando di individuarmi. C'erano Brian e Hunter, la mia mamma ospitante era in macchina. Non riusciva a smettere di fissarmi, stava probabilmente cercando di capire che tipo di persona fossi. Ho cercato di essere carino con lui fin dall'inizio, e potevo vedere che anche lui lo era, ma sembrava come se avesse una doppia faccia. A casa faceva il carino, ma poi a scuola non mi considerava poi così tanto come avrei immaginato. Ho anche iniziato a giocare a tennis perché me l'hanno chiesto e perché lui era un membro della squadra. Pensavo fosse una buona mossa per incontrare gente e conoscerlo meglio, ma alla fine si è rivelata essere uno spreco di tempo perché nessuno dei pochi ragazzi in squadra si sono rivelati essere miei buoni amici, e non amavo esattamente come il mio fratello ospitante si comportava durante le partite di tennis.

from-hating-loving-host-brother-02a2fe00

(Questa è una delle conseguenze dell'essere un giocatore di tennis professionista ahah. A dire il vero sono semplicemente inciampato nella rete e sono caduto sul campo. Era uno dei miei primi giorni di pratica. Ma ho imparato a ridere di me stesso durante lo scambio culturale, invece di preoccuparmi di cosa la gente avrebbe pensato di me al momento ahahah. )

from-hating-loving-host-brother-7312aa1b

(Questo sono io, ma ora sembro un tipo più tosto, e piuttosto concentrato sul gioco. La verità è che non sapevo nemmeno cosa stessi facendo. #LaStoriaDellaMiaVitaSulCampoDaTennis)

Ma tornando al mio fratello ospitante, a volte non si rendeva conto di quanto fosse fortunato ad avere dei genitori che si preoccupassero tanto per lui, mi sembrava che a volte fosse un po' viziato, nel senso che non apprezzava appieno ciò che aveva. Avrebbe anche scelto di fare la cosa sbagliata anche se gli avevo suggerito di cambiare e fare la cosa giusta. Abbiamo iniziato a legare credo a fine novembre, dal mio compleanno al venticinquesimo anniversario dei miei genitori ospitanti e poi il ringraziamento e le vacanze invernali. Ha iniziato ad invitarmi in camera sua, a giocare ai videogames con lui, a guardare serie TV, mangiare cibo spazzatura alle due del mattino... Intendo dire, magari a voi non sembra una cosa invitante, ma questo era tutto ciò che volevo fare. Volevo legare con lui e vedere come fosse veramente. All'inizio mi presentava alle persone dicendo "questo è il mio studente in scambio da Milano" ma alla fine ha iniziato a dire alla gente che ero il suo "fratello Italiano". Sicuramente era bello sentirsi presentare alla gente come un membro della famiglia, piuttosto che un "animale domestico" straniero. Aveva anche iniziato ad apprezzare la mia compagnia (credo) e mi disse che mi considerava un modello da seguire. Se doveva fare qualcosa, avrebbe pensato a quale sarebbe stata la mia reazione nella stessa situazione. Penso sia una cosa molto bella. Non siamo solo diventati amici, ma dopo avermi detto questa frase, mi sono sentito come se fossi riuscito davvero ad avere un fratello minore.

from-hating-loving-host-brother-c4891e9f

Questa foto riassume praticamente tutto ciò che io e il mio fratello ospitante facevamo insieme. Tranne il fatto che, invece di stare in piedi, avremmo rilassato il nostro "stanco" fondo schiena sul divano con un po' di Mac And Cheese. Lo so, sono italiano e dovrei sapere che cose scaldate nel microonde con formaggio in polvere non sono vera pasta (o nemmeno buon cibo), ma questo è ciò che offriva la dispensa. E inoltre, non potevamo cucinare cose alle due del mattino, dovevamo ancora sembrare normali agli occhi dei "nostri" genitori :')

Perché sto scrivendo ciò?

Sto scrivendo tutto ciò perché so che molti studenti stanno per lasciare le loro case per scoprirne altre nuove all'estero, ma voglio avvisare tutti che dovrete guadagnarvi le cose. Non aspettatevi che le cose siano perfette dall'inizio, e arrivate nel vostro paese di destinazione senza aspettative, perché potreste rimanere delusi da quello che vi sta davvero aspettando all'estero. Non fate questo errore ma trovate invece la vostra strada. Alla fine del vostro anno, acquisirete un'esperienza completamente personale e avrete intrapreso il vostro personale cammino invece di seguire il tipo di scambio culturale che volevate fare. Leggere le esperienze di altre persone prima di andare in scambio è una buona cosa per ispirarvi e magari anche meglio, non copiarli. Sono certo che se anche voi andrete negli Stati Uniti d'America, ci saranno cose che farete come in qualsiasi altro scambio culturale:

  • bere una bevanda da Starbucks, perché agli americani piace per asporto;
  • andare al ballo, fa parte dell'esperienza (ancora meglio se venite incoronati reginetta o re);
  • andare nei labirinti di granturco la notte di Halloween (non sono davvero sicuro che lo facciano tutti, ma vi suggerisco di andarci se ce n'è uno nelle vicinanze);
  • celebrare il 4 luglio (so che in verità gli studenti tornano a casa a giugno, provate invece a rimanere più a lungo se la vostra VISA non scade subito dopo la fine delle lezioni. Sono rimasto negli Stati Uniti fino al 15 luglio! ).

- Cristian //

{ Ex giovane studente exchange dall'Italia al Colorado }


Galleria foto



Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!