Strasblog parte tre: inizia la terza settimana!

Non appena mi sono seduto per scrivere questo post, ho iniziato a riflettere su quello che avevo fatto questa settimana e un pensiero si è fatto largo nella mia testa... "ma non ho appena pubblicato una parte? Tipo ieri?". La risposta ovviamente è no, ho pubblicato la seconda parte già domenica scorsa. Ma il fatto che domenica scorsa sembri ieri e la mia partenza da Peterborough l'altro ieri, mi ha fatto riflettere su quanto velocemente stia passando il tempo; non sarà che la Francia ha un bottone 'avanti veloce' per il tempo come quello su Sky Plus?! Cose da pazzi...

Anche se questa settimana non è stata così movimentata come le ultime due, ci sono stati i soliti alti e bassi che ormai sono all'ordine del giorno qui in Francia. Uno degli alti è che finalmente sono riuscito a sistemare il disastro dei miei orari, degli esami e dei saggi. Ci ho messo tutta la settimana e quindi quale modo migliore di iniziare se non dal principio... Lunedì.

Strasblog parte tre: inizia la terza settimana!

Lunedì non è iniziato poi così male; la lezione della mattina è andata abbastanza bene e nel pomeriggio qualcuno mi ha voluto nel suo gruppo per lavorare alla presentazione per il corso. Incredibile. Le cose però hanno preso una brutta piega quando il professore ci ha detto che avremmo avuto un esame la prossima settimana; ero un po' preoccupato principalmente perchè nessuno aveva mai ritenuto necessario spiegarmi come funzionavano gli esami in Francia o se ne fossi esonerato essendo uno studente straniero.

Martedì è stato il giorno clou di questa settimana e per la prima volta ho pensato che il mio professore stesse parlando del nulla da cinque ore. Avevo smesso di ascoltare più o meno a metà lezione e, quando il professore mi ha fatto una domanda, mi sono trovato completamente impreparato. Ho abbozzato una risposta e, a mia insaputa, mi sono offerto per un pesantissimo compito semestrale. "Ecco qua", ho pensato, "è il momento di capire cosa devo fare esattamente. Non posso continuare ancora per molto a non avere idea di cosa tratti realmente il corso". Sono andato a casa, ho aperto il computer e ho scritto delle splendide e-mail dicendo che, fondamentalmente, non avevo idea di cosa stessi facendo qui. Ma proprio nessuna.

La risposta è arrivata mercoledì. Leicester mi ha confermato che non devo fare nessun compito semestrale, ma solo dodici ore a settimana e chiedere di contare i compiti come esame finale invece di doverli consegnare entro una certa scadenza. È stato come se una meravigliosa epifania mi avesse liberato la mente e sollevato il peso del mondo dalle spalle. Mi è servito solo un viaggetto all'ufficio di storia il giovedì per sistemare il casino, e boom! Era fatta!

Così eccomi arrivato a venerdì con un mucchio di tempo a disposizione! Che cosa ne farò? Chi vivrà vedrà. E se non è questo un buon motivo per leggere la quarta parte la prossima settimana, allora non so cosa possa esserlo...

À plus tard les amis!


Galleria foto



Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!