Advertise here

Cucina spagnola: la paella

Ciao a tutti, viaggiatori! Oggi vi parlerò di qualcosa che credo vi piacerà molto, la cucina spagnola. Come nel nostro paese c'è una grande diversità sotto molto aspetti (clima, costumi, feste, tradizioni, lingue, storia), così c'è anche una grande varietà di piatti. Quindi non preoccupatevi, perché tra tutti questi piatti tipici ce ne sarà sicuramente qualcuno che vi piace, nel caso non li abbiate già provati (anche se qualcuno sicuramente lo conoscete già).

Uno dei modi migliori per godersi la Spagna è conoscere la sua gastronomia, che non vi lascerà indifferenti. Vi consiglio di andare nei ristoranti e nei bar per provare alcune di queste meraviglie. Altrimenti, potete anche imparare a preparare qualche specialità spagnola, da gustare quando volete a casa vostra. Una cosa certa è che la cucina spagnola è una delle migliori al mondo.

Come vi ho detto, ci sono moltissimi piatti tipici in ogni regione, bevande tradizionali, dolci e così via, per cui potrei perdere delle ore a parlarvene. Detto questo procederò per parti, raccontandovi passo dopo passo alcune di queste pietanze.

La paella

La paella è probabilmente il piatto spagnolo più conosciuto, per cui ne avrete sicuramente sentito parlare o lo avrete persino mangiato più volte, dato che si è diffuso in altri paesi del mondo. Credo che sia diventato un simbolo dell'identità del nostro paese, considerando che quando ho conosciuto gente di altri paesi la paella è stata una delle prime cose su cui mi hanno chiesto informazioni. È talmente vero che penso sia diventato una specie di stereotipo, qualcosa di esagerato. Difatti, in alcune regioni questo piatto non è veramente importante, come invece lo è nella Comunità Valenciana. In questa zona della Spagna, nella quale ha origine la paella, ritengo davvero che si tratti di un orgoglio e un simbolo di identità fondamentale. Se volete assaggiare la paella più autentica potete recarvi in questa comunità, ma essendo una specialità diffusa in tutto il territorio spagnolo molto probabilmente la troverete in ogni città che visiterete.

Per quanti di voi non avessero un'idea chiara su questo piatto, spiegherò brevemente in cosa consiste. Come già ho accennato, si tratta di una specialità originaria della Comunità Valenciana. Questa regione, situata nella parte est del paese, è una delle principali destinazioni turistiche del Mediterraneo, grazie alle sue spiagge. L'ingrediente base della paella è il riso, accompagnato da diversi alimenti. Questo piatto si caratterizza per il colore giallo che assume il riso. Attualmente ci sono diverse varianti, anche se esiste una ricetta tradizionale. È per questo motivo che, a volte, gli ingredienti della paella sono un tema di discussione e di dibattito tra gli spagnoli.

Cucina spagnola: la paella

Fonte

Seppur sia certo che ognuno può preparare la paella come desidera, esiste tuttavia una denominazione di origine. Alcuni enti hanno stilato una lista degli ingredienti che una paella valenciana deve contenere. Questo significa che in una regione o all'interno di una famiglia è possibile elaborare la paella diversamente, ma in quel caso non potrà essere definita col nome di paella valenciana.

Gli ingredienti che normalmente deve includere la paella sono:

  • Riso, l'elemento principale
  • Acqua
  • Olio d'oliva, un altro dei motivi di orgoglio nazionale
  • Sale
  • Zafferano (questa spezia è uno degli ingredienti più caratteristici e importanti della paella)
  • Cucina spagnola: la paella

    Fonte

  • Pollo
  • Coniglio
  • Fagiolini (a Valencia viene utilizzata una varietà chiamata "bajoqueta")
  • Pomodoro
  • Fagiolo di Lima
  • Altri ingredienti a scelta da poter mettere nella paella valenciana sono l'anatra, le lumache, il rosmarino, l'aglio, il carciofo e il peperoncino. Alcuni valenciani ritengono che le lumache e l'anguilla debbano essere un elemento fondamentale della paella, perché si pensa che fosse presente nella paella in passato.

    Oltre agli ingredienti, e per alcuni persino più importante di questi, vi è il recipiente nella quale la si prepara. In molte zone si chiama "paellera", anche se a Valencia è conosciuto semplicemente come "paella", ma ci sono altre denominazioni. Si tratta di una specie di grande padella, poco profonda e dotata di manici, fatta in ferro o acciaio. Probabilmente la "paellera" più tipica è quella di color nero con puntini bianchi, anche se sono diffuse pure quelle grigie o con una parte bordeaux. In Spagna potrete trovare questo recipiente in molti negozi, nel caso decidiate di preparare la paella.

    Solitamente la paella viene cucinata in grande quantità, vale a dire per delle intere famiglie o anche per gruppi più estesi. Tradizionalmente si usa un cucchiaio in legno per non alterarne il sapore, anche se molto spesso i commensali usano i cucchiai o le forchette metalliche, come d'abitudine in qualsiasi pasto quotidiano. In qualche ristorante ho visto che viene mostrata la paella e in seguito viene distribuita a ciascun membro del gruppo.

    Come potete accorgervi, si tratta di un piatto che viene cucinato in occasione di grandi riunioni e feste. A Valencia è tipico preparare paelle gigantesche durante alcune festività. Potreste rimanerne sorpresi, se dovesse capitarvi l'occasione di vederle.

    Cucina spagnola: la paella

    Fonte

    Molte famiglie scelgono un giorno della settimana per mangiare paella insieme, così come alcuni ristoranti la cucinano in un giorno specifico della settimana. I giorni preferiti di norma sono il giovedì e la domenica, e da quel che ho capito il motivo risale a usanze piuttosto antiche dei luoghi di Valencia dove la specialità veniva preparata all'origine. Comunque non preoccupatevi, perché essendo un piatto molto abituale che attrae tanti turisti lo potrete trovare in altri giorni, e persino degustare come tapas in qualche bar.

    Cucina spagnola: la paella

    Fonte

    Non è un piatto facile da cucinare, per cui vi consiglio, nel caso non abbiate mai provato la paella, di mangiarla per la prima volta in un buon ristorante, del quale la qualità sia comprovata. E poi chissà, se doveste passare un po' di tempo in Spagna potreste conoscere qualcuno che vi inviti ad un evento che prevede una buona paella, il che sarebbe un'opportunità fantastica. Deciderete in seguito se vi piace questo piatto a tal punto da volerlo preparare in qualche occasione.

    Con questo avrete ben chiaro che non potete andarvene dalla Spagna, e in modo particolare da Valencia, senza aver provato la paella. Ad ogni modo restano ancora molte opzioni da conoscere, e per questo ritornerò per parlarvi di altri piatti tipici.

    Godetevi la Spagna e la sua cucina!


    Galleria foto



    Contenuto disponibile in altre lingue

    Commenti (0 commenti)


    Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

    Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!

    Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?


    Non hai un account? Registrati.

    Aspetta un attimo, per favore

    Girando la manovella!