Viaggio attraverso il Portogallo centrale | Blog Erasmus Portogallo

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Poiché l'8 dicembre era festa nazionale, ne abbiamo approfittato per intraprendere un viaggio di quattro giorni attraverso il Portogallo centrale. Dato che non molte persone avevano avuto fortuna con le date degli esami, molti miei amici dovevano sia studiare che, in alcuni casi, fare degli esami il venerdì. Molti di loro hanno annullato il viaggio poco prima di partire, per cui siamo partite solo io e la mia buona amica tedesca. Ed è stato abbastanza positivo che fossimo solo noi due perché avevamo le stesse idee su come passare i nostri giorni: senza stressarci, ma vedendo il più possibile. Ci saremmo fermate solo se ci fosse piaciuto qualcosa, altrimenti avremmo continuato ad andare avanti. Non eravamo mai in disaccordo sui nostri piani giornalieri, per cui il viaggio assieme è stato molto tranquillo. Siamo state anche molto fortunate con il tempo, tutti i giorni c'è stato il sole e nell'ultimo giorno, le temperature si sono alzate fino a 23 gradi. Immaginate solo che eravamo a Dicembre!

Giovedì mattina alle nove, abbiamo iniziato, con la nostra auto noleggiata, a dirigerci verso nord. Evitavamo le strade a pagamento, il che ci ha portato a prestare più attenzione alle strade e alle loro condizioni, che sono davvero cattive, ma, sulle brevi distanze, non fa una grande differenza e si può vedere anche di più il paese.

1° giorno:

La nostra prima tappa era il giardino Buddha Eden, il più grande giardino buddhista di tutta Europa. Lì, abbiamo passeggiato tranquillamente nei giardini e abbiamo visto parti diverse. Abbiamo visto molti laghetti ben fatti, un anfiteatro, molte statue buddiste, cavalieri di terracotta, arte moderna e africana. È stato meraviglioso e abbiamo passato del tempo a goderci il sole.

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Dopo, abbiamo continuato verso Peniche, dove abbiamo pranzato in spiaggia e abbiamo camminato per le scogliere, che erano in parte molto ripide. In fondo, l'acqua si infrangeva con grande forza sulle scogliere, provocando dei rumori simili al rumore dei tuoni. A parte la spiaggia e le scogliere, Peniche non offre niente di particolarmente interessante e ci siamo avviati per la prossima tappa.

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

La sera, siamo arrivati a Óbidos e abbiamo avuto dei problemi per trovare parcheggio. Óbidos è un dolce e piccolo paese con castello, centro storico e un acquedotto. È noto soprattutto per il suo mercato natalizio, che volevamo visitare. Per il costo di 6 Euro, il mercato non solo è piccolo ma è anche caro, ma per via del castello, che crea un'atmosfera medievale, vale la pena visitarlo. Probabilmente, i mercati presenti dei paesini tedeschi hanno più bancarelle e non fanno pagare l'ingresso. Comunque è stato bello e abbiamo trovato delle cose buone da mangiare. Alla fine, la cioccolata calda, servita in una coppa del castello, è stata la cosa migliore. Ci è stato permesso di portare una coppa a casa, per cui avevamo già un souvenir. C'erano molte attrazioni per ragazzi: aree tematiche sul piccolo principe, su Alice nel paese delle meraviglie e una pista per pattinare sul ghiaccio. Naturalmente, abbiamo anche bevuto la tipica Ginjinha, che arriva da Óbidos e si beve tipicamente in una tazza di cioccolato. La sera, l'aria si era raffreddata velocemente e anche il mercato aveva chiuso molto presto. Avevamo ancora voglia di alcuni dolci sulla strada, ma erano già esauriti e così abbiamo guidato fino al nostro hotel a Fátima. L'hotel era molto economico e avevamo una stanza doppia, inclusa la colazione. La colazione consisteva in pane fresco, prosciutto, formaggio, Pao de Deus (tipico dolcetto al cocco portoghese), tutti i tipi di marmellata, burro e miele, frutta, yogurt, cereali, tè, caffè e cacao. Abbastanza per iniziare il giorno con energia!

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

2° giorno

In programma per quel giorno c'era la visita a Grutas de Moeda (le grotte dei soldi). La regione, in cui si trova Fátima, è nota per le sue caverne di pietra calcarea e di stalattiti. Mi hanno ricordato molto le caverne che avevo visitato nella regione Nelson, nell'isola del sud della Nuova Zelanda (potete leggerne a riguardo sul mio blog della Nuova Zelanda). Ci sono venute a prendere con una jeep Safari dal nostro hotel e ci hanno portato alle caverne. La legenda dice che dei cacciatori hanno trovato una caverna, seguendo una volpe che ha cercato di nascondersi nelle caverne. Il nome delle caverne deriva da un'altra storia su un gruppo di ladri, che derubarono un vecchietto, lo uccisero e lo gettarono nella caverna, ma, stupidi com'erano, dimenticarono di prendere prima il denaro e dal quel momento le caverne vennero chiamate Grutas de Moeda. La nostra guida era molto gentile e, poiché eravamo solo quattro persone invece delle solite 30, abbiamo ricevuto un trattamento davvero intimo. Ha spiegato molte cose sulle caverne e ci ha fornito spiegazioni in inglese e in portoghese sulla differenza tra stalattiti e stalagmiti. Il portoghese era uguale al tedesco, la "t" e quella inglese erano diverse, ma l'ho già dimenticato. Poche volte, ci ha lasciato controllare l'età di alcune formazioni, che possono essere calcolate in base alla loro altezza. Ci ha anche mostrato delle formazioni speciali, che sembravano un coccodrillo, il titanic, un pastore, prosciutto, broccoli, cavolo e ci ha invitato a tornare indietro di 600 anni per vedere la chiusura di una stalattite con una stalagmite. Il tour mi è veramente piaciuto e alla fine, abbiamo provato un delizioso vino molto dolce oltre a un dolce regionale, che mi ha ricordato il tedesco “Stollen” (dolce natalizio). Dopo il tour, siamo stati riportati in hotel.

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Per il resto del giorno, siamo andati a visitare i santuari di Fátima. Tutto è costruito per andare incontro a folle enormi: uno spazio enorme con altoparlanti per trasmettere i messaggi. Chiese enormi con numerosi posti a sedere e molte uscite di emergenza. Molto moderno e pensato in ogni dettaglio. Nella chiesa si trovano le tombe dei pastorelli. Si dice che nel 1919 la santa vergine Maria sia apparsa molte volte a tre bambini. Gli chiese di farle delle offerte e di tornare ogni mese nello stesso posto. Questo punto è sulla via della Croce, che abbiamo percorso. Ci sono le diverse fasi del percorso della sofferenza di Cristo, ma anche le diverse apparizioni di Maria. A lato, dove i ragazzi l'hanno vista, è stata costruita una cappella. Riassumendo, Fátima è una tappa piccola, ma molto cattolica che vale la pena fare. I punti di maggiore interesse sono i santuari e la via della Croce, potete trovare negozi di souvenir senza fine, che vendono candele e rosari. Siamo rimaste una notte in più e abbiamo mangiato il tipico Bacalhau com nata (baccalà con panna) e la Carne do Alentejo (carne tipica di questa regione portoghese) nel ristorante dell'hotel. Questi piatti erano a base, rispettivamente, di pesce e panna e di carne e frutti di mare, entrambi erano ottimi.

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

3° giorno:

Per il terzo giorno, abbiamo guidato fino a Coimbra e lì siamo andate al Jardim de Sereia e alGiardino Botanico dell'università. Il tempo era ancora fantastico e i giardini erano belli, soprattutto la parte con gli Azulejo nel Jardim de Sereia. Entrambi erano giardini piccoli e naturali con mura antiche, molto mistici, proprio come piace a me. Coimbra in sé è una città su una montagna, con molte piccole strade tortuose: l'inferno per quanto riguarda la guida, ma bella per le passeggiate esplorative. Non c'era il parcheggio. In hotel ci avevano detto che parcheggiare era gratuito, ma sulla strada i segnali dicevano di pagare, per cui abbiamo pagato, solo per esserne sicure.

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Abbiamo visitato l'università di Coimbra, che è la parte più famosa della città. Insieme al museo delle scienze, abbiamo pagato in tutto 9 euro. Volevo vedere l'università a ogni costo, è una delle più antiche in Europa. È un grande campus con una grande aerea nel mezzo dei maggiori edifici. Poiché si trovava sulla cima della collina, potete osservare la città dall'alto. Non potevamo entrare nelle classi, perché si stavano svolgendo delle lezioni. Si dice che fossero molto scomode per mantenere viva l'attenzione degli studenti, era un piano di tanto tempo fa e ora è ancora così, solo che oggigiorno nessuno lo farebbe. Abbiamo visitato un'antica biblioteca, dove non è permesso scattare delle foto. È davvero impressionante, direi anche più impressionante della Long Room all'università di Dublino che ho visitato due mesi fa. Potete prendere in prestito dalla biblioteca i libri, ma come anche a Dublino, si possono leggere solo per una ragione in particolare e nella speciale sala lettura. Nella biblioteca ci sono scaffali molto alti con meravigliose decorazioni in verde, arancione e oro. I muri sono particolarmente spessi, cosicché la temperatura è sempre la stessa e tutto è fatto di legno per assorbire l'umidità. Le scale sono costruite all'interno degli scaffali e possono essere viste solo se si presta molta attenzione. I libri sono protetti dalle cimici e da altri insetti e dai pipistrelli che vivono nella biblioteca. Per questo motivo, i tavoli vengono coperti di notte, per proteggerli dai pipistrelli e dalle loro necessità. Siamo scese al piano inferiore, dove a volte vengono tenute delle esposizioni. A quel tempo, c'erano dei vecchi documenti che dimostravano quanto fossero conservati bene. Alcuni di loro erano meravigliosamente decorati e scritti. Il piano più basso era la prigione degli studenti. Lì si tenevano gli studenti che rispondevano agli insegnanti o che facevano tardi troppo spesso. A quel tempo, era molto moderno con tutti i servizi igienici e gli studenti erano ben controllati: pagavano molto per andare a questa università, ma a loro veniva permesso solo di lasciare le stanze per le lezioni ed essere accompagnati dalla prigione alla stanza e viceversa. La prossima tappa era la cappella, che è, contrariamente alle classi, molto comoda. Agli studenti doveva essere offerto qualcosa di adeguato alla somma che versavano. La cappella era chic come la maggior parte delle chiese del Portogallo, ma in un certo senso bellissima con i modelli di Azulejo (piastrelle di ceramica) sui muri. Dopo, potevamo anche visitare l'armeria e la grande sala, dove ogni quattro anni viene celebrata la cerimonia del rettore oltre a quella d'apertura per gli anni accademici e a quella delle lauree. È una sala davvero maestosa con soffitti alti, molti dipinti e molto velluto.

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Dopo aver lasciato l'università, siamo andati a vedere il museo della scienza dell'università, dove c'era molto di fisica e di biologia e c'era un tour guidato attraverso le esibizioni zoologiche e le antiche macchine di fisica e di chimica. Alla fine del tour, fuori era già buio ed era anche l'ora in cui tutto chiudeva, per cui non avevo più niente da vedere. Abbiamo vagato per le strade decorate per il Natale e abbiamo guardato i negozi. Per la cena, siamo andate in un ristorante e abbiamo mangiato salmone grigliato e calamari con insalata e, naturalmente, patatine fritte. Il nostro ostello a Coimbra era molto ordinato e accogliente, soprattutto la nostra stanza che si trovava proprio sotto al tetto. Mi piaceva molto, fino a quando è diventato sempre più freddo, sempre di più, e ho notato che il tetto non era isolato. Si potevano vedere le tegole tra le fessure del legno. Ho preso quattro coperte e nonostante tutto, ho avuto bisogno di molto tempo per riscaldarmi e addormentarmi.

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

4° giorno:

La mattina dopo, abbiamo fatto una buona colazione con toast, molte creme spalmabili, cereali, frutta e tutto questo per un buon prezzo. Siamo andate a vedere la Santa-Clara-a-Velha, dove ci è stata presentata la vita in monastero e avrei potuto vedere le rovine. Avevo pensato che la tomba della santa Dona Isabel sarebbe stata in chiesa, ma l'hanno trasformata in un nuovo monastero. Dona Isabel è un personaggio del Miracle of the Roses (miracolo delle rose), di cui abbiamo parlato molto all'università. Isabel fu la moglie del re portoghese, non ricordo quale, ed era davvero entusiasta di aiutare i poveri e quelli che avevano bisogno. A suo marito, tutto questo, non piacque e quando lui la vide una volta, sgattaiolare fuori dal castello con molto pane sotto il suo cappotto, le chiese cosa stesse nascondendo sotto il suo cappotto. Gli rispose: "Rose" e lui le disse "Rose a gennaio? È impossibile. Apri il cappotto! ". Aprì il cappotto e sotto al cappotto, c'erano centinaia di rose. Con l'intenzione di fare qualcosa di buono, le sue bugie vennero nascoste e lei poté continuare ad aiutare i poveri e malati. Dopo la sua morte, fu dichiarata santa.

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Prima di dirigerci alla prossima tappa, volevamo ancora vedere la Quinta das Lágrimas (giardino delle lacrime) e la Fonte de Amor (fontana dell'amore), di cui so anche la storia: la storia di Pedro e Inês. Pedro era il principe ereditario al trono portoghese e avrebbe dovuto sposare una ragazza, ma si innamorò della sua dama di compagnia: Inês de Castro. A suoi genitori non piacque che lei fosse spagnola e non volevano avere nessuna influenza spagnola nel loro regno per mantenere la propria indipendenza. La mandarono in esilio e a lui fecero sposare un'altra donna, con cui ebbe un figlio prima che lei morisse. Dopo la morte di sua moglie, riprese Inês ed ebbe tre figli con lei. La legenda e soprattutto il famoso scrittore portoghese Camões dice che Inês venne assassinata, affinché Pedro non potesse sposarla e il suo primo figlio sarebbe stato l'unico re legittimo. I suoi genitori erano spaventati che uno dei figli di Inês potesse diventare re. Sembra che lei sia stata uccisa a Quinta das Lágrimas, dove pianse molto, talmente tanto che fino ad oggi il pianto fluisce ancora. I genitori di Pedro pensarono che ormai tutto fosse finito, ma il giorno in cui Pedro divenne re, fece portare il corpo morto di Inês, la fece sedere sul trono e la fece proclamare regina, così tutti i suoi figli sarebbero potuti essere re legittimi. In realtà, non ricordo esattamente ciò che successe dopo, ma credo che anche i suoi altri tre figli vennero assassinati. Ricordo che Inês e Pedro, vennero seppelliti l'una affianco all'altro, cosicché la prima cosa che avrebbero visto dopo la morte sarebbe stata la persona amata. La cosa è, questo è ciò che la legenda dice, ciò che veramente accadde non è chiaro. All'entrata del giardino, siamo state mandate a un club di golf per pagare l'entrata. Non l'avevamo trovato e non volevamo pagare l'entrata, siamo andati semplicemente per il giardino e tutti quelli che erano lì non avevano pagato. Ne sono felice perché non volevo pagare, non ne sarebbe valsa la pena. Era solo un piccolo giardino con una fontana, non molto speciale, un piccolo fiume che veniva da un muro antico. Era così. Me l'ero spettato più bello e più mistico, ma beh, almeno l'abbiamo visto.

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Poi, abbiamo continuato verso nord per Aveiro, che viene anche chiamata la Venezia del Portogallo. C'erano molti canali che fluiscono attraverso la città, dove girano molte gondole e che vengono attraversati da molti ponti. Le case sono colorate e con molti Azulejos. C'erano più di 22 gradi e ci siamo godute il sole in questa città meravigliosa. Naturalmente, abbiamo cercato i dolci tipici della città, che sono gli ovos moles, una pasta di zucchero e uova (che sono per lo più dolci tipici) con wafer. Non era male, ma non buono come mi sarei aspettata. Ci siamo persino concessi un gelato, solo perché era molto economico e perché a dicembre faceva ancora molto caldo. La sera, siamo ritornate a Lisbona ed è stato un lungo viaggio. Ci siamo divertite molto insieme e abbiamo visto tutto ciò che volevamo, che era in realtà molto per quattro giorni. I punti clou sono stati Óbidos, le caverne, l'università a Coimbra e Aveiro. Ci sono ancora molti altri luoghi da scoprire in Portogallo.

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale

Viaggio attraverso il Portogallo centrale


Galleria foto



Contenuto disponibile in altre lingue

Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!