Lisbona in tre giorni

Ciao a tutti, di nuovo!

Vivendo nel sul della Galizia, ho la fortuna di avere molti posti del Portogallo a poche ore d'auto di distanza. In questo post vi ho parlato della città di Porto, una destinazione molto bella e che consiglio a tutti. Oggi invece vi parlerò della capitale del Portogallo: Lisbona.

È la città più visitata del paese ed è conosciuta come la città dei sette colli perché, come Porto, è piena di saliscendi. È famosa anche per i suoi caratteristici tram, i suoi deliziosi Pasteis de nata, ovvero dei pasticcini, e per essere un buon posto dove degustare frutti di mare e pesce di qualità.

Anche se io sono in una posizione avvantaggiata, è facile raggiungerla anche da altri luoghi della Spagna, che sia in auto oppure con compagnie aree low-cost come Ryanair che la collegano con molte città.

Nel mio caso, ho dedicato solo tre giorni alla visita della città, e in più ero lì principalmente per visitare delle amiche portoghesi dell'Erasmus che vivono vicino Lisbona, quindi l'abbiamo vista con calma. Sicuramente in tre giorni potete vedere più cose della città di quelle che ho visto io.

Lisbona in tre giorni

L'ideale sarebbe quello di dedicare qualche giorno in più per la sua visita, perché ci sono altri posti interessanti come Sintra o Cascais molto vicino a Lisbona.

Per muovervi nella città vi consiglio di utilizzare i meravigliosi tram gialli che portano praticamente in tutti gli angoli della città. Specialmente il tram 28, che passa per i luoghi più importanti del centro della città e evita di fare su e giù per le colline. Comprando il biglietto giornaliero è possibile salire e scendere dal tram ogni volta che si vuole, quindi vi permette di muovervi per la città in piena libertà. In genere il servizio funziona dalle 7 del mattino alle 21.

In realtà, questi storici tram della città, sono diventati essi stessi delle attrazioni turistiche. Altro tram molto utile è il numero 15, che porta fino al quartiere di Belém, una delle zone della città da vedere assolutamente.

Lisbona in tre giorni

Quartiere La Baixa

Questo incantevole quartiere è il luogo perfetto per passeggiare senza preoccuparsi di stancarsi salendo e scendendo dalle colline poiché è una delle zone più piane della città. Inoltre è anche una delle zone più centrali. Qui, non potete perdervi la Piazza del Rossio, una delle più importanti della città, e la visita della sua stazione ferroviaria.

Consiglio inoltre di visitare la Piazza Marchese di Pombal e di finire nella famosa Piazza del Commercio, luogo perfetto per prendere qualcosa godendo della bella atmosfera.

Per quelli che vogliono vedere il quartiere con più calma e risparmiarsi la camminata, potete prendere il tram n. 12, che percorre gran parte di esso.

Quartiere Alfama

Questo quartiere si caratterizza per le sue ripide strade acciottolate nelle quali non è difficile perdersi. Si dice che è qui che si scopre la vera essenza della città.

Si trova tra il Castello di San Giorgio e la riva del fiume Tago. Inoltre è conosciuto per la presenza, nelle sue strade, di alcuni dei migliori ristoranti e osterie nei quali poter degustare cucina casereccia di qualità. In più, come a Porto, anche se è tipico di tutto il paese, è il luogo migliore per ascoltare il caratteristico fado portoghese, uno stile di musica popolare che si caratterizza per la sua nostalgia.

Proprio sopra questo quartiere, c'è il Quartiere Alto, anch'esso ripido e conosciuto per la movida notturna.

Piazza del Commercio

Questa è probabilmente la piazza più grande di Lisbona, e si trova nel pieno centro della città. Qui è dove si trovava l'antico Palazzo Reale.

È situata giusto sulla riva del fiume Tago, quindi è il luogo ideale per godere della vista del fiume, e uno dei migliori luoghi dove osservare il bellissimo tramonto sul fiume.

Per arrivarci bisogna prendere la via Rue Augusta, che prima di arrivare alla piazza passa sotto un Arco del Trionfo (Arco de la Rua Augusto). È possibile salire sulla una terrazza che si trova in cima a questo arco e osservare tutta la piazza e la statua di José I, situata nel suo centro.

Lisbona in tre giorni

Ascensore di Santa Giusta

Questo ascensore di 45 metri collega il quartiere Baixa al quartiere Chaido. Molta gente ci sale per avere una bella vista della città ma, ad essere sinceri, mi hanno detto che non è proprio il luogo adatto per avere una vista panoramica della città. In più, bisogna pagare due volte per poter salire fino al punto più alto di questo ascensore. In totale il costo è di 5,15 €.

Lisbona in tre giorni

È vero però che vale la pena avvicinarsi ad esso per dare un'occhiata alla sua architettura poiché si tratta di un'ascensore neogotico di ferro battuto abbastanza particolare.

In passato veniva utilizzato per trasportare sia persone che animali dalla zona più alta a quella più bassa della città. Oggi, come ho già detto, è diventato un'attrazione turistica. In effetti, noi non ci siamo salite perché la coda era abbastanza lunga, ed eravamo a Novembre, non in uno dei mesi dell'anno con più affluenza turistica.

Ponte del 25 Aprile

Questo ponte si può osservare sia dal Monumento alle Scoperte che dal lungofiume del fiume Tago, che questo ponte attraversa. In realtà il ponte si può vedere da tutta la zona di Belém, poiché è enorme. Attualmente è il ponte sospeso più grande d'Europa e anche il più antico di Lisbona.

Questo ponte, con i suoi due chilometri e mezzo di longitudine e i suoi 70 metri di altezza sul fiume, collega la zona di Alcántara, a ovest di Lisbona, con la città di Almada. Come vedete, ricorda molto il Golden Bridge di San Francisco. Venne inaugurato nel 1966 e all'inizio si chiamava Ponte di Salazar.

Lisbona in tre giorni

Attualmente è costituito da due piattaforme, una superiore e un'altra inferiore aggiunta posteriormente. Nella superiore transitano le automobili, mentre l'altra è riservata al passaggio del treno. Una volta all'anno lo si può attraversare a piedi, ovvero quando si celebra la maratona di Lisbona, e si può passeggiare per esso anche senza parteciparvi.

Però senza alcun dubbio il modo migliore per ammirare questo ponte è farlo salendo su uno dei belvedere che ci sono nella città, che permettono di avere una vista panoramica perfetta di esso. Noi siamo andate al Cristo Re, situato nella zona di Almada. Si può parcheggiare a pochissimi metri e non è necessario salire fino in cima di questa enorme statua per avere una buona vista, infatti già ai piedi di questo monumento c'è una vista panoramica incredibile del ponte, ed è gratuita. Ad ogni modo, per coloro che vogliono salire sul Cristo Re, bisogna pagare 6 €.

Lisbona in tre giorni

È stata una delle mie visite preferite, però bisogna tenere conto che attraversare questo ponte in auto per poter arrivare al Cristo Rei significa correre il rischio di restare imbottigliati nel traffico. Qui infatti si creano frequentemente degli ingorghi, specialmente in estate, perché la gente deve attraversare il ponte per arrivare alla spiaggia.

Quartiere di Belém

In questo quartiere ci sono i tre luoghi più importanti da vedere a Lisbona, situati a pochi passi l'uno dall'altro: il Monastero dei Geronimiti, la Torre di Belém (Betlemme) e il Monumento alle Scoperte.

Consiglio di visitare questa zona la domenica mattina, poiché molte visite sono gratuite. Inoltre, evitate di visitarla il lunedì poiché è il giorno in cui la maggior parte delle attrazioni sono chiuse e potete osservarle solo dall'esterno.

Lisbona in tre giorni

Monastero dei Geronimiti

Questo è uno dei monumenti più importanti della città, ed è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Appena l'ho visto sono rimasta sconvolta dalle sue dimensioni e dalla spettacolarità delle sue facciate. Fu costruito nel XVI secolo e qui viene conservata la tomba di Vasco da Gama, un importante esploratore. In aggiunta, al suo interno c'è uno dei chioschi più importanti del mondo. Noi non siamo entrate all'interno perché si stava facendo buio e volevamo approfittare del poco tempo di luce che ci restava per visitare la Torre di Betlemme, però penso che vale veramente la pena visitarlo.

Per entrare, bisogna pagare 10€ (12€ se si vuole includere anche la visita alla Torre di Betlemme).

Per quanto riguarda l'orario di apertura, è possibile visitarlo tutti i giorni

  • da maggio a settembre dalle 10:00 alle 18:30;
  • da ottobre a aprile dalle 10:00 alle 17:30.

Lisbona in tre giorni

Monumento alle Scoperte

Questo monumento venne costruito per commemorare la morte di Enrico il Navigatore. E chi era quest'uomo? Beh si tratta di uno dei più grandi esploratori portoghesi, egli infatti scoprì le Azzorre, Madera e Capo Verde, pertanto è uno dei simboli della città. Si può salire sulla cima dei suoi 52 metri di altezza tramite un ascensore e osservare la sua Rosa dei Venti.

L'orario di Apertura è

  • dalle 10:00 alle 18:00 da ottobre a febbraio
  • dalle 10:00 alle 19.00 da marzo a settembre.

Lisbona in tre giorni

Torre di Betlemme

Sicuramente se avete sentito parlare di Lisbona, riconoscerete l'immagine di questa torre perché è uno degli emblemi della città. Si trova a 10 minuti di cammino dal Monumento alle Scoperte, e anche questa è Patrimonio dell'Umanità. Fu costruita all'inizio del XVI secolo sulle rive del Tago, con l'obiettivo di difendere la città dai nemici e per dare il benvenuto ai viaggiatori che tornavano in città.

Per entrare bisogna pagare 6 € però, come vi ho detto prima, se prendete il biglietto congiunto con l'entrata del Monastero dei Geronimiti, risparmierete qualche euro. Sfortunatamente, noi siamo arrivate troppo tardi per entrare all'interno, però dicono tutti che è molto bello.

L'orario di apertura è da martedì a domenica dalle 10:00 alle 17:30, imoltre da maggio a settembre l'orario si amplia fino alle 18:30.

Lisbona in tre giorni

Oltre a tutti questi monumenti, non potete andare via da Belém senza provare i suoi famosi "pasteis de nata", ovvero dei dolci. Proprio a pochi metri dal Monastero dei Geronimiti infatti, si trova un negozio che si chiama Pasteis de Belém, dove vendono i migliori pasteis de nata della città. Il negozio è facile da riconoscere perché non ci sono giorni in cui non si formano lunghe code per poter entrare a comprare questi tipici dolci. Per esempio, noi ci siamo state a novembre, un mese poco turistico, ma nonostante ciò abbiamo dovuto aspettare un po' per poter assaporare la bontà di questi dolci. Questi pasteis sono dei dolci di pasta sfoglia ripieni di crema e coperti di zucchero e cannella in polvere. Io non sono una fan della crema in generale, però questi dolci erano veramente squisiti.

Parco delle Nazioni

Questa fu la zona di Lisbona che venne aggiustata per poter ospitare l'Esposizione Mondiale del 1998 in Portogallo. È per questo motivo che al giorno d'oggi è la zona in cui si trovano le aree commerciali e residenziali più moderne della città. Non ha niente a che vedere con il centro storico della città, in cui ci sono i quartieri Alto, Alfama, ecc. del quale vi ho parlato prima. L'architettura di questa zona è caratterizzata da motivi marittimi.

Oggi è soprattutto un luogo di svago, poiché è qui che si trovano l'Acquario di Lisbona (uno dei più grandi d'Europa), il Centro Commerciale Vasco da Gama (nel quale noi abbiamo mangiato visto che ha un'offerta molto ampia di ristoranti, da quelli asiatici fino ai fast-food, passando per gli italiani o quelli più tradizionali). Inoltre, qui si trova anche il Pabellón Atlántico (Altice Arena), in cui si tengono numerosi concerti.

C'è anche una funicolare, che permette di godere della vista di tutta questa zona e del fiume. Noi per salire abbiamo pagato 4 € l'andata, invece il biglietto di andata e ritorno costa 6 €.

Lisbona in tre giorni

Da qui si può anche osservare il Ponte Vasco da Gama, costruito anch'esso per l'Esposizione Universale del '98, con l'obiettivo di risolvere il problema degli ingorghi che di solito si formano sul Ponte 25 Aprile per entrare e uscire dalla città. È lungo 17 chilometri e alto 150 metri, e il suo nome rende omaggio a Vasco da Gama, un importante esploratore portoghese.

Lisbona in tre giorni

LX Factory

Si tratta di una antica zona industriale del XIX secolo che con il tempo è stata completamente abbandonata, finché una nuova generazione di giovani artisti della città ha cominciato a convertirla in uno spazio creativo multifunzionale.

In sostanza, si tratta di un quartiere acciottolato in cui si trovano numerosi negozi di abbigliamento, decorazioni e cultura oltre che una grande offerta gastronomica e di svago. Qui si trova anche un'importante libreria che vi consiglio di visitare. Vale veramente la pena passeggiare in questa zona, perché c'è arte urbana in tutti i suoi angoli.

Lisbona in tre giorni

Altra curiosità è che a suo tempo è stata anche una scappatoia dalla crisi economica che affliggeva (e affligge) il paese, questo grazie al fatto che poiché i prezzi degli affitti di questi locali erano molto economici, i giovani hanno potuto permetterselo.

Vi state chiedendo dove si trova questo curioso posto? Beh, si trova proprio a fianco del ponte 25 Aprile, di cui vi ho parlato prima, nel quartiere di Alcantara.

Noi dopo aver passeggiato per la zona, abbiamo preso qualcosa nel bar Rio Maravilha, chiamato così perché dalla tua terrazza si può godere di una bellissima vista del Ponte.

Lisbona in tre giorni

Belvedere di Monsanto

Monsanto è un piccolo paese nel quale si trova un antico edificio che, dall'alto dei suoi 758 metri, offre una bellissima veduta panoramica. Anche se quest'edificio non è particolarmente bello, è interessante vedere il suo interno e salire per godere di questa bellissima vista. Da 10 anni è in stato di abbandono, ma quando siamo andate abbiamo incontrato parecchia gente che ascoltava musica, beveva una birra e passava il tempo dopo aver osservato il panorama.

Per oggi è tutto! Spero che l'articolo vi sia piaciuto. Come vedete, il Portogallo senza dubbi merita di essere visitato.

A presto!


Galleria foto



Contenuto disponibile in altre lingue

Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!

Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!