Cose da tenere a mente se vivrete per un periodo in Francia | Blog Erasmus Francia
Advertise here

Cose da tenere a mente se vivrete per un periodo in Francia

Cose da tenere a mente se vivrete per un periodo in Francia

Ciao a tutti! Oggi vi voglio lasciare un articolo più culturale, nel quale non parlo di luoghi specifici ma dove cercherò di mostrarvi alcuni aspetti legati al modo di vivere della società francese. Ho avuto la fortuna di poter passare un quadrimestre da studente Erasmus ad Aix-en-Provence, vicino a Marsiglia, per cui oggi vi darò un elenco delle mie riflessioni e delle conclusioni che ho tratto vivendo quattro mesi lì. È stato un periodo sufficientemente lungo per rendermi conto del carattere dei francesi e del loro stile di vita. Alcune caratteristiche e abitudini combaciavano perfettamente con me e con la mentalità spagnola, altre, come vedrete in questo articolo, non proprio. Senza indugiare oltre, cominciamo!

Cose da tenere a mente se vivrete per un periodo in Francia

1. La burocrazia

Uno degli aspetti più negativi della società francese è la burocrazia. Non potete immaginarvi quante scartoffie servano lì! Secondo alcuni studi, è il paese in Europa con più burocrazia e pratiche necessarie. Alcuni mesi prima di andare in Erasmus, l'università mi aveva chiesto di mandare per posta certificata il mio certificato di nascita, una bozza del mio learning agreement e altre cose delle quali non mi ricordo. Quello che non capivo era perché dovessi mandarlo per posta, siccome oggi giorno è sufficiente caricare un file PDF su una piattaforma online.

Questo è solo l'inizio dell'incubo, dato che i primi giorni all'università sono stati dedicati esclusivamente alle scartoffie. Ho dovuto correre da un ufficio all'altro per ottenere quei maledetti documenti. Andavo in una sezione, mi dicevano che dovevo andare in un'altra, che quella non era la porta giusta, ma era quell'altra, e così via fino a che non sono riuscita ad avere tutte le carte. Seriamente, solo chi ha vissuto in Francia può immaginarsi una tale odissea.

Oltre a ciò, ho dovuto per forza aprire un conto corrente in una banca francese, e i fogli che ho dovuto riempire per poter farlo non finivano mai. In più, avevo chiesto anche una borsa rilasciata dal governo francese sotto forma di aiuto all'alloggio, chiamata CAF, e mi ricordo che tutte le procedure burocratiche erano ancora in corso al mio ritorno in Spagna, quando avevo terminato il mio soggiorno. Che orrore! Fortunatamente alla fine mi hanno assegnato la borsa (credo fossero circa 250 €). Ciò detto, ritengo sia meglio partire con questa prospettiva se passerete un po' di tempo in Francia.

2. Gli orari

Anche se io vivevo a Marsiglia, città bagnata dal mar Mediterraneo, certamente il carattere dei francesi era piuttosto differente da quello degli spagnoli o degli italiani, soprattutto per quanto riguarda gli orari. Mi ricordo bene che i supermercati chiudevano prestissimo, tipo alla 7 o le 8 di sera, così quando uscivo dall'università mi toccava andare di corsa a fare la spesa.

Cose da tenere a mente se vivrete per un periodo in Francia

Oltre a ciò, ricordo che la mattina andavo a lezione alle 8, mentre normalmente in Spagna si inizia alle 9. Vale la pena aggiungere che ho avuto anche un esame al sabato. Sicuramente questo succede anche in Spagna in alcune università, ma è qualcosa di insolito, mentre ai francesi sembrava perfettamente normale.

Cose da tenere a mente se vivrete per un periodo in Francia

3. I saluti

In Spagna è molto raro, se non quasi impossibile, vedere due uomini che si salutano dandosi due baci. Questa possibilità sembra che esista solo tra due donne, oppure tra un uomo e una donna. Tuttavia, nel sud della Francia è frequente che gli uomini si salutino con due baci sulla guancia. Da quanto ho sentito dire, in alcune zone della Francia si danno anche tre baci sulla guancia.

4. Il cibo

La verità è che la pasticceria francese è da provare a tutti i costi, insieme alle crêpes alla nutella o alle crêpes salate. Sono molto gustose, e ce n'è una varietà infinita. Una colazione comune in Francia consiste ad esempio nei croissant con burro, o nel "pain au chocolat", che è una sorta di saccottino al cioccolato, molto squisito.

Oltre alle specialità dolciarie vale la pena menzionare i vini o i differenti tipi di formaggio, buonissimi e di alta qualità. Si può pensare che la gente in Francia sia sovrappeso, ma in realtà non è così. Perché? La risposta è che, nonostante questi cibi siano molto calorici, pieni di zuccheri e di grassi, i francesi li mangiano in quantità ridotte, almeno la maggior parte di loro. Inoltre, nel resto della loro dieta quotidiana inseriscono abbastanza frutta e verdura, per cui compensano il tutto.

Cose da tenere a mente se vivrete per un periodo in Francia

5. Dare del lei agli altri

Gli spagnoli non sono per niente abituati a dare del lei alle altre persone, preferendo invece il tu, a differenza di tutta l'America Latina. Pertanto, è molto importante che, quando incontrate qualcuno più grande di voi o che è vostro superiore, vi ricordiate di utilizzare il "vous", e non il "tu". Più di una volta hanno fatto una lavata di capo a me e alle mie compagne di Erasmus per aver dato del "tu" a una professoressa. La predica è stata così lunga che sembrava che avessimo commesso un crimine.

6. I prezzi

La Francia ha uno standard di vita molto elevato, non come i paesi nordici o la Svizzera, ma tutto in generale è più caro che in Spagna. Mangiare al ristorante per noi era un lusso. Viaggiare coi trasporti pubblici su tragitti lunghi, come ad esempio in treno, era ugualmente piuttosto caro. Persino i tipici marchi Inditex, come Zara, avevano prezzi più alti che in Spagna, pur trattandosi degli stessi capi. Per questo, è meglio che siate capaci di gestire i vostri soldi per poter vivere bene in Francia, e non vivere come degli eremiti chiusi nella stanza della vostra residenza.

Cose da tenere a mente se vivrete per un periodo in Francia

7. Il sistema universitario

Non so come sia nelle altre mete Erasmus, ma nel mio caso all'Università di Aix-Marseille non è stato assolutamente un Erasmus nel quale l'unica cosa che facevo era uscire, bere e andare in giro. Ho dovuto studiare come il resto dei francesi, frequentare regolarmente le lezioni (facevano firmare la presenza tutti i giorni) e viaggiare quando c'erano giorni festivi o vacanze. Il sistema universitario francese è molto serio.

Una cosa molto positiva di questo sistema è che si interessa a fondo dell'esperienza lavorativa degli studenti. Diversamente da quelle spagnole, le università francesi offrono migliaia di programmi e borse di studio per fare esperienze professionali prima di concludere gli studi. Inoltre, spingono gli studenti a fare soggiorni in scambio per migliorare una lingua.

Un'altra cosa che mi piace molto, è che molta gente si prende un anno sabbatico per dedicarsi al volontariato all'estero, sempre tramite un programma pubblico, e questa mi pare un'ottima idea. Non so perché, ma in Spagna sembra quasi che perdere un anno di università sia una tragedia. Nulla di più lontano dalla realtà! Infatti, fare un anno di pausa in mezzo agli studi può aprire infinite porte, aiuta a focalizzarsi, vi mette sulla direzione giusta e, cosa più importante, può darsi che uno trovi quello che vuol fare veramente nel futuro. Peraltro, è vero che in Spagna sempre più persone lo fanno. Per esempio, conosco diversi studenti iscritti a un corso di laurea in Lingue che decidono di andare un anno negli Stati Uniti o nel Regno Unito come au pair, per migliorare ogni abilità nella lingua. Senza dubbio è qualcosa da cui il sistema spagnolo dovrebbe prendere spunto, visto che in molti paesi europei viene valutato positivamente, mentre gli spagnoli pensano che caschi il mondo se si terminano gli studi un anno dopo il normale.

Questo è tutto ciò che volevo raccontarvi, quello che mi sembra più rilevante sapere se vi apprestate a vivere un'esperienza in questo paese. Nonostante ci siano molti aspetti negativi quelli positivi sono di gran lunga superiori, come ad esempio il fatto che sia un paese meraviglioso in quanto a condizioni lavorative e stile di vita. Spero che questo post vi sia stato utile, e vi do appuntamento al prossimo. A presto!

Cose da tenere a mente se vivrete per un periodo in Francia


Galleria foto



Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!

Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!