Advertise here

Strasblog parte dodici: di ritorno in Inghilterra!

Buongiorno!

Vi starete chiedendo che fine hanno fatto i miei ultimi due Strasblog... beh, facile. Per farvela semplice le mie ultime due settimane a Strasburgo prima del natale, a parte uno o due episodi, non sono state particolarmente eccitanti. Avrei potuto annoiarvi con le meravigliose storie delle ore passate alla scrivania, con gli avvincenti racconti delle mie serate in casa o con gli allettanti resoconti dei miei pranzi. Ma non l'ho fatto. Potete ringraziarmi dopo.

I motivi per cui non ho fatto molto sono due: dovevo ripassare per l'esame di geografia e scrivere un saggio per la lezione di storia contemporanea. Questi lavori per l'università mi hanno preso un sacco di tempo; non ho giocato a calcio, non sono praticamente uscito e, a dirla tutta, mi sono a malapena alzato dalla scrivania!

Strasblog parte dodici: di ritorno in Inghilterra!

Ma credo proprio che la dedizione allo studio che ho avuto per queste due settimane sia stata ripagata! L'esame di geografia non è andato male, poteva andare sicuramente meglio, ma anche peggio. Me la sono cavata abbastanza bene anche con il saggio in cui dovevo parlare del Saverne Affair secondo i giornali scozzesi. Nonostante il professore abbia deciso di collegare la Scozia con un piccolo paesino dell'Alsazia, che come potete immaginare c'era ben poco da mettere a confronto, sono riuscito a scrivere più di 2000 parole in francese. Spero che Monsieur Grandhomme apprezzi lo sforzo!

Uno degli eventi più eccitanti delle due settimane è stata la gita ai mercatini di natale nei dintorni di Strasburgo. Siamo stati in tre posti, ma purtroppo mi ricordo solo il nome dell'ultimo, Kaysersberg. Essendo un campagnolo mi piace l'idea di tornare in mezzo alla natura! Ogni cittadina, perfettamente costruita in mezzo alle montagne, conferiva uno stile unico ad ogni mercatino. Le case in stile medievale, le squisite prelibatezze offerte e la generale atmosfera di allegria in ogni cittadina hanno moltiplicato il mio spirito natalizio. O forse è stato il vino... mi sa proprio di sì.

L'unico altro evento degno di nota è stato l'arrivo dei miei amici dall'Inghilterra. Sono arrivati sabato e li ho portati subito in giro per locali, giusto per dargli l'idea di come sarebbero stati gli altri giorni qui a Strasburgo. Ho mangiato tanto, bevuto decisamente troppe birre avvicinandomi a un livello che rasenta l'alcolismo e, per uno strano scherzo del destino, ho parlato più che mai francese. Forse perchè nessuno dei miei amici sa una parola di francese, vi dico solo che per dire cioccolato bianco hanno semplicemente cambiato l'accento e hanno aggiunto la parola "nero". Ho fatto in modo che nessuno di loro parlasse mai più in lingua. In generale è stato un bel fine settimana e un'ottima occasione per rivedere qualche faccia conosciuta e dargli un assaggio della vita nella bellissima Strasburgo!

E ora sono tornato in Inghilterra! Avevo già previsto l'alzataccia per attraversare la Manica e, a differenza di settembre, questa volta non ci sono neanche stati intoppi nella traversata. Starò qui ad Arnhem Way due settimane e ho intenzione di sfruttare ogni singolo minuto!

Tutto quello che mi rimane da dire è buon natale e felice anno nuovo... à plus tard les amis!


Galleria foto



Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!