Advertise here

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

Ciao, vi scrivo da qualche parte in alto sopra le nuvole! Dopo quindici giorni di vagabondaggio per il paese, sono arrivata alla fine del mio viaggio in giro per la Turchia, e non potrei essere più triste di dover partire. Non solo ho dovuto salutare una delle migliori nazioni che abbia mai visitato, ma devo anche riprendere i contatti ricominciare a lavorare sulle mie tesine universitarie non appena atterro di nuovo nel Regno Unito. (Edit: tali saggi sono la ragione per cui questo post ha richiesto così tanto tempo per essere caricato!) Non è tutto negativo, però: grazie alla mia pigrizia generale, ho ancora qualche giorno di vacanza da recuperare, quindi il mio ritorno alla realtà può essere rimandato ancora per un po'! Senza ulteriori indugi, quindi, lasciatemi riprendere da dove avevo lasciato: nella meravigliosa città di Istanbul.

Giorno 13 (9 settembre)

La sera del mio tredicesimo giorno in Turchia, sono atterrata a Istanbul per la seconda volta. Il mio volo era stato abbastanza piacevole - eravamo stati spostati, per qualche motivo sconosciuto, su un aereo più lussuoso con più corridoi e TV sui sedili - ma il mio stomaco si stava ancora lamentando, e cominciavo a chiedermi se sarei stata in grado di sopravvivere al lungo viaggio in pullman di un'ora dall'aeroporto al mio ostello.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

Il mio bagaglio ha impiegato circa mezz'ora per arrivare sul rullo, ma per una volta è stata una causa di sollievo, piuttosto che di fastidio. In effetti, l'attesa mi ha dato il tempo di sedermi, bere un po' d'acqua, inghiottire un paio di pillole e, in generale, riprendermi un po'. Quando il mio zaino è finalmente apparso, stavo molto meglio, e il mio successivo viaggio con l'autobus Havaist, sono lieta di annunciare, è stato senza problemi.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

Un'ora dopo, mi stavo recando ancora una volta all'ostello Cheers Vintage, nel quartiere di Sultanahmet. Il mio stomaco era ormai completamente vuoto, quindi la mia prima priorità era trovare qualcosa da mangiare con cui riempirlo di nuovo. Mi è subito venuto in mente il vicino negozio di pudding: ero stata lì la settimana prima, ma non avevo provato il loro piatto principale: il Pudding di riso. Sono, quindi, andata ad ordinare proprio questo. E' stato ottimo come previsto? Dovrete aspettare il mio prossimo articolo sui ristoranti di Istanbul per scoprirlo!

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

Una conversazione stimolante

Tornando a casa, ho deciso di fermarmi una seconda volta al Bazar Arasta. Uno dei tanti venditori di spezie che lavorano qui mi ha invitata nel suo negozio per un tè gratuito. Normalmente avrei gentilmente rifiutato un invito del genere, ma qualcosa mi ha attirato da lui: penso che sia stato il modo in cui ha sfacciatamente risposto "So che non lo farai, " quando gli ho detto docilmente che "sarei potuta tornare più tardi". Dentro, abbiamo chiacchierato di tutto, dal destino (io non ci credo, lui sì), all'onestà. Mi ha spiegato che era inutile cercare di menare il can per l'aia mentre ero in Turchia. Se non volevo qualcosa, dovevo essere sincera, e dire un "no" deciso, invece di cercare di trovare delle scuse gentili.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

La conversazione, naturalmente, alla fine ha preso una piega negativa, ma prevedibile. "Lascia che ti porti alla terrazza sul tetto di un hotel vicino", ha detto. Ci saranno persone lungo tutto il percorso, così ti sentirai al sicuro per tutto il tempo. (Questa affermazione preventiva di per sé ha fatto suonare un campanello d'allarme nella mia mente. ) Ricordando il consiglio che mi aveva appena dato, ho rifiutato l'offerta, l'ho ringraziato per la sua compagnia e me ne sono andata.

Giorno 14 (10 settembre)

Non ho lasciato il mio ostello il giorno dopo fino a circa primo pomeriggio: dopo una serie di mattine in cui mi ero alzata davvero presto e di mal di stomaco, ho deciso di prendermela comoda per una volta, e dare al mio corpo il riposo di cui aveva bisogno. Tuttavia, non appena mi sono alzata e mi sono preparata, ho deciso di tornare ad esplorare la città, cosa che quel giorno ha comportato camminare per quasi venti chilometri.

Cibo, cibo glorioso!

Il chilometro numero uno l'ho percorso per andare verso Osmanlizadeler, una piccola ma elegante panetteria situata all'angolo dell'affollato Hudavendigar Caddesi. Qui mi sono seduta e mi sono goduta un'enorme fetta di torta al cioccolato per colazione (avevo dormito troppo tardi per mangiare all'ostello), mentre guardavo le bellissime lampade e le piastrelle che decoravano il posto.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

Penserete che a questo punto il mio stomaco ne avesse abbastanza - in effetti, avevo dovuto chiedere ai camerieri di Osmanlizadeler di impacchettare quasi la metà della mia colazione per portarla via - ma mentre mi avvicinavo al ponte di Galata, mi sono ricordata di un consiglio alimentare che avevo ricevuto qualche giorno prima da uno dei miei compagni di stanza in Cappadocia. I pescatori, mi aveva detto, tengono le barche lungo la riva, dove friggono i pesci che hanno catturato quel giorno. I turisti possono guardarli mentre lo fanno e, per un piccolo prezzo, comprare i loro panini ripieni di pesce.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

Non avevo intenzione di tornare in questa parte della città, così, seguendo il famoso detto ora o mai più, ho deciso di concedermi un prodotto di Kalyatah Barbaros. Era, dopo tutto, l'ora di pranzo per chi si era svegliato ad un'ora normale. Ho dato un morso alla baguette, mi sono resa conto di essere troppo piena per mangiare ancora, e ho messo il resto nello zaino per poterlo gustare più tardi. (Probabilmente non è stata una mossa saggia - il pesce tende a emettere un odore piuttosto disgustoso - ma sorprendentemente cinque ore dopo, aveva almeno lo stesso sapore di prima!)

Esplorare Balat

Da qui, ho camminato per altri quattro chilometri verso ovest lungo la riva del Corno d'Oro, tagliando verso l'interno solo dopo aver raggiunto il favoloso quartiere Balat. Conosciuto per le sue case colorate e per l'atmosfera cosmopolita (in passato era abitato dalla parte greca della popolazione di Istanbul, dalla parte ebrea, e dalle comunità armene), questa parte della città è una zona che pochi viaggiatori esploreranno, ma che invece merita sicuramente un salto.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

Lo ammetto, sono rimasta un po' delusa quando sono arrivata: le strade che vedevo non corrispondevano certo a quelle che avevo visto nelle guide turistiche. La chiesa di Santa Maria dei Mongoli era abbastanza bella - anche se purtroppo chiusa ai visitatori quel giorno - ma non ero sicura che questo edificio da solo valesse i chilometri di cammino che avevo fatto.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

Tuttavia, dopo una lunga ricerca su Google - dato che pochi turisti visitano questo quartiere, non c'erano ancora molte informazioni sul posto disponibili online - mi sono resa conto che Kürkçü Çeşmesi era il posto dove sarei dovuta andare fin dall'inizio. Su e giù per le strade ripide sono andata verso questa fila di negozi, fermandomi brevemente a guardare le case Fener costruite lungo i due lati di Meridivenli Yokuş. Un tempo case di famiglie aristocratiche greche, queste dimore sono ora quello che si potrebbe descrivere come il "volto" del quartiere.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

Entrare a Kürkçü Çeşmesi è stato come entrare in un mondo nuovo. Fino a questo punto, avevo incontrato poche altre persone; ora, improvvisamente, ero circondata da centinaia di loro. Il caffè Balat (nome creativo, eh?) è stata la mia prima destinazione. Qui, mi sono dissetata con un frappè all'Oreo, e ho sfogliato le guide turistiche per scoprire quali erano i negozi imperdibili in questa strada.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

I negozi di abbigliamento vintage sembravano essere la scelta migliore, così dopo aver pagato il conto, sono partita alla ricerca di alcuni di questi. Kulis Vintage è stato il primo in cui mi sono imbattuta, e ci sono stata per una decina di minuti, curiosando tra le affollate scaffalature piene di abbigliamento, e ammirando i piccoli accessori e la chincaglieria che ricoprivano tutti gli scaffali. Tra questi, sono rimasta stupita di trovare un paio di occhiali da sole che si adattavano perfettamente alla forma del mio viso (di solito assomiglio così tanto a un insetto con gli occhiali da sole che preferisco farne a meno). Purtroppo, in questa occasione non ho voluto spendere 200TL (circa 28 euro), anche se a posteriori me ne sono pentita e a dire il vero avrei preferito essere un po' meno tirchia.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

Poi c'era il Neo Vintage, una boutique che si estendeva fino alla strada dietro. All'interno, ho trovato di tutto, dalle giacche a vento stile anni '70, alle pochette per il trucco con scritto a lettere maiuscole: 'FRIES BEFORE GUYS' (patatine prima dei ragazze: un grande motto, secondo me!). Anche in questo caso, me ne sono andata sempre a mani vuote: non tanto perché non trovavo niente che mi piacesse, quanto piuttosto perché temevo che gli acquisti frivoli mi avrebbero fatto superare il peso consentito dei miei bagaglio.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

La chiesa bulgara di Santo Stefano

Dopo aver curiosato in qualche antico negozio, ho deciso di iniziare il mio viaggio di ritorno. Per fortuna dovevo solo camminare diritto per tornare in riva al mare, e l'avrei fatto, se non fossi stata distratta lungo la strada. La prima cosa che ha attirato la mia attenzione è stata la Chiesa bulgara di Santo Stefano, una struttura neogotica costruita interamente in ferro, ma dipinta di bianco, senza dubbio per assomigliare al marmo.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

La facciata era piuttosto spettacolare, ma l'interno dell'edificio - con la sua iconostasi in legno dorato, e i lampadari in vetro brillante - era tutta un'altra storia. Dall'alto, nell'area della galleria, ho ammirato con stupore le tre navate che si trovavano sotto di me, mentre in basso, nel seminterrato, ho sfogliato un'affascinante mostra sulla cartografia.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

Il caffè più cool di Istanbul

Tornata fuori, ho deciso di proseguire per un po' lungo la strada principale e, in breve tempo, il mio viaggio è stato interrotto di nuovo: questa volta da Atölye Kafasi, un caffè arredato in modo stravagante. All'interno, circondata dalle piante piene di foglie, dalle luci fiabesche, e dalle casse di legno appese, mi sono goduta una rinfrescante Fanta. A metà del mio bicchiere, ho notato una presa vicino a me, e, dopo aver spostato i tavoli, ho passato l'ora successiva seduta lì vicino per caricare il mio telefono. Normalmente non mi sarei concessa così tanto tempo per riposare durante le visite turistiche, ma siccome i miei piedi ne avevano bisogno, e non avevo un posto dove stare per un bel po' di tempo, mi sono concessa questa rara pausa.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

Rivisitare vecchi luoghi d'interesse

Quando il telefono e il corpo avevano ricaricato le batterie a sufficienza, ho deciso di fare una seconda visita al Grand Bazaar. Con mio grande sgomento, le Lampade turche qui erano molto più care di quelle che avevo trovato in Cappadocia. Quindi, non ne ho acquistata nessuna e, a nuova dimostrazione della mia incredibile avarizia, ho deciso che ne avrei cercata una a buon mercato online quando sarei tornata in Inghilterra. Il mio shopping non è stato però una vera e propria perdita di tempo. Infatti, ho trovato molte boutique e negozi di oggetti vari che mi erano sfuggiti durante il viaggio precedente, per non parlare di un paio di impressionanti soffitti dipinti.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

La mia prima esperienza in un bagno turco (niente foto, per ovvie ragioni!)

Dopo una breve sosta al Parco Gülhane (per mangiare il resto della torta dalla mia colazione), seguita da una breve sosta al mio ostello (per lasciare il mio zaino), mi sono diretta verso l'ultima destinazione della giornata: un Bagno turco pubblico ! Dopo molte ricerche, mi sono recata nella vicina Kadirga Hamami: non solo era economica e in una posizione comoda, ma aveva ottime recensioni da parte di turisti e gente del posto, proprio per la sua natura autentica.

Nel prossimo futuro pubblicherò un intero articolo sugli hamam turchi, ma ecco un breve riassunto della mia esperienza per stuzzicare il vostro appetito di sapere. All'arrivo, mi sono diretta nella parte dedicata alle donne, e ho pagato un biglietto d'ingresso di 85TL (12 euro). Mi è stato dato un piccolo asciugamano, e mi è stato detto di svestirmi. L'ho fatto - in uno spogliatoio con un'enorme finestra trasparente sulla sua porta! - prima di correre verso la zona massaggi, cercando di fare del mio meglio per coprirmi con quel poco materiale che avevo.

Sono stata mandata a rilassarmi nella sala della sauna, dove la musica rilassante suonava quasi a tempo per le gocce di sudore che mi scendevano sul viso. Proprio quando ero sul punto di soffocare, la mia massaggiatrice mi ha chiamata e mi ha ordinato di togliermi l'asciugamano. Mi ero preoccupata per questo momento durante tutto il giorno, ma quando ho obbedito al suo comando, il mondo ha miracolosamente continuato a girare nonostante ciò, e nessuno nella stanza ha battuto ciglio per il mio gesto. Dopotutto, avevano già affrontato lo stesso processo pochi minuti prima con altra gente. Stesa completamente nuda su un blocco di marmo, mi sono goduta un vigoroso massaggio esfoliante, seguito da un massaggio con schiuma indescrivibilmente rilassante.

Naturalmente sono stata trattata in modo piuttosto intimo da una completa sconosciuta, ma non mi sono sentita neanche una volta a disagio. Piuttosto, è stato quasi confortevole avere questa nonnina china su di me ad allentare tutta la mia tensione, che si era accumulata nei muscoli. Una volta che la signora ha finito, sono stata mandata a sciacquarmi i capelli, sono tornata nella sauna per un secondo a sdraiarmi, poi di nuovo fuori nella stanza dei massaggi per versarmi acqua fredda addosso. La temperatura calda qui era tale che sono diventata quasi dipendente da questo processo: ogni volta ci sono voluti circa cinque secondi perché le sensazioni iniziali di rinfrescamento svanissero, dopo di che tornavo nella vasca per riempire di nuovo la mia ciotola con l'acqua.

Quando alla fine sono riuscita a smettere di ripetere questo ciclo, sono tornata nello spogliatoio, dove mi è stato dato un asciugamano molto più grande e soffice con cui asciugarmi. Ho lasciato la mancia alla mia massaggiatrice - come è consuetudine in Turchia - e mi sono diretta di nuovo in strada, sentendomi pulita e meravigliosamente calma.

Un brutto incontro

Questa serenità interiore non durò a lungo, però, perché appena cinque minuti dopo sono stata esposta alla mia dose quotidiana di "uomo raccapricciante". All'inizio, questa persona voleva solo che gli scattassi una foto. "Mi sembra giusto", ho pensato: avevo chiesto ad altri di fare la stessa cosa per me in vari punti durante il mio viaggio. Quando ho fatto come mi aveva chiesto, però, le nostre strade non si sono separate subito come invece mi aspettavo. L'uomo ha cominciato a farmi domande su di me, e ha insistito perché camminassimo un po' insieme. Siccome andava nella mia stessa direzione, non potevo protestare.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

"Non vi impedirò certo di mangiarlo", disse indicando un ghiacciolo che avevo cominciato a mangiare poco prima di incontrarlo. Nessun oggetto di forma vagamente cilindrica si avvicinava alla mia bocca mentre quest'uomo era ancora in giro a guardarmi. L'ho lasciato gocciolare sul pavimento.

La conversazione si spostò rapidamente su quella stessa sera. Cosa avrei fatto? Mi sarebbe piaciuto bere un drink con lui? Ho inventato le mie scuse, ma lui non si è voluto arrendere. "Pagherò io!" ha promesso. Di nuovo, ho declinato l'invito, dicendogli che avevo bisogno di alzarmi presto la mattina dopo (in effetti era vero!).

"Beh, hai almeno Whatsapp? Facebook? Messenger?" ha chiesto e la sua voce ha tradito una certa incredulità quando ho rifiutato. "Ermmm... " risposi, sperando che cambiasse argomento. "Bugiarda!" ha urlato, afferrando la mia mano in preda alla rabbia. Ripensai alla mia conversazione con il venditore di spezie della sera prima: dovevo essere sicura. "Ascolta", gli dissi. "Non sono interessata a rivederti".

E sapete una cosa? Questo è stato tutto ciò che gli è bastato per lasciarmi andare, e se ne è andato via, non si è mai più fatto vedere. Mi sono rimessa il ghiacciolo in bocca per festeggiare.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

Ultime considerazioni

Il mio quattordicesimo giorno in Turchia - così come la sera che lo ha preceduto - è stato certamente un giorno da ricordare! Mi sono avventurata fuori dai sentieri battuti di Istanbul, ho vagato per i vicoli del Grand Bazaar, e ho superato le mie paure in un autentico hamam. Cosa ho imparato da queste avventure? Continuate a leggere per scoprirlo!

  1. I quartieri meno turistici sono spesso i quartieri più belli (Balat è, naturalmente, un ottimo esempio di ciò)
  2. Andate in un bagno turco: è un ottimo modo per diventare più sicuri della propria fisicità. Non solo dovrete abituarvi all'idea che gli altri vi vedano senza niente addosso, ma probabilmente sentirete anche un senso di grande realizzazione una volta superato con successo questo ostacolo.
  3. È bene essere attenti alle proprie finanze mentre si viaggia, ma è anche importante non essere troppo tirchi. Tutti noi dobbiamo concederci ogni tanto un po' di acquisti!
  4. Quando si tratta di allontanare uomini spaventosi, trovare scuse e menare il can per l'aia non vi porterà da nessuna parte. Si tratta di essere educati, ma decisi: spiegare francamente che si vorrebbe essere lasciati in pace, e non intrattenere ulteriori rapporti.

Il mio viaggio in Turchia (parte 7): il quartiere più bello di Istanbul e il mio primo bagno turco

Fine della settima parte

Ecco fatto: la settima e penultima parte della mia serie 'Il mio viaggio in Turchia'! Ho ancora un giorno da raccontarvi, quindi rimanete sintonizzati per la parte otto, che arriverà a breve. Nel frattempo, assicuratevi di recuperare tutti i post che vi siete persi, e pianificate il vostro viaggio in questo straordinario paese!


Galleria foto



Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!