Advertise here

Il mio viaggio in Turchia (parte 4): secondo giorno a Istanbul

Ciao dall'aeroporto di Sabia Gokcen, dove sono seduta, in attesa di salire su un aereo per la Cappadocia! Saprete, se vi siete tenuti al passo con la mia serie di articoli 'Il mio viaggio in Turchia', che negli ultimi giorni sono stata nella città di Istanbul e ho fatto di tutto, dal vedere, al mangiare, all'accarezzare i gatti. Ieri vi ho parlato della mia prima visita della città (guardate l'articolo qui, se non l'avete già fatto), quindi mi sembra giusto che ora riprenda da dove ho lasciato e vi racconti del mio secondo giorno lì. Come al solito, ho un sacco di cose su cui aggiornarvi, quindi prendetevi uno snack e sedetevi comodi, e cominciamo!

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

Giorno 8 (4 settembre)

Se avete letto il mio ultimo articolo, saprete che ho passato il mio primo giorno a Istanbul esplorando i quartieri Karaköy e Nişantaşı della città. La mattina dopo, poi, ho deciso di dedicare qualche ora alla visita del quartiere Sultanahmet, visto che era vicino al mio ostello. Dopo l'ennesima abbondantissima colazione turca, sono partita per visitare il rinomato Palazzo Topkapi. Questa magnifica struttura - che un tempo era la casa o il posto di lavoro per oltre diecimila persone - risale al XV secolo, ma ora è notevolmente più grande di quanto non fosse allora. È talmente grande, infatti, che bisogna considerare che ci vogliono almeno un paio d'ore per vedere tutte le sue varie sale.

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

Il Palazzo Topkapi

Dopo aver acquistato i miei biglietti - questo, di per sé, ha richiesto circa mezz'ora a causa della lunga coda! - ho attraversato il grande cancello e ho girato a destra nelle Cucine del Palazzo. Qui ho imparato tutto quello che c'era da sapere sul cibo che si è mangiato a Palazzo attraverso i secoli: tutto, dalla dieta quotidiana dei sultani ottomani, ai piatti serviti nelle occasioni speciali, agli ingredienti usati per prepararli (la varietà di questi ultimi, naturalmente, è aumentata notevolmente dopo la scoperta delle Americhe). Anche qui, ho visto molti diversi tipi di stoviglie -piatti, pentole, teiere da caffè, ecc. - così come i vari attrezzi che venivano utilizzati per raccogliere il cibo (forchette, cucchiai, ecc. )

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

Non vi annoierò descrivendo ogni stanza che ho visto, ma mentre passavo da una all'altra, non ho potuto fare a meno di sperare che un giorno io mi possa sposare con un uomo ricco (o riesca ad avere un successo pazzesco da sola!), così sarò in grado di decorare la mia casa in questo modo. Infatti, le varie camere da letto, biblioteche e stanze per la preghiera erano piene di splendide piastrelle, coloratissime vetrate e intricate pitture murali. Devo essermi fermata un centinaio di volte per scattare delle foto, ma non sono sicura che qualcuna di queste possa rendere giustizia alla bellezza reale del posto.

touring-turkey-turkey-part-4-second-day-istanbu

Dopo aver guardato velocemente il Padiglione del Santo Manto e le Sacre Reliquie - la coda era lunga, ma scorreva abbastanza velocemente - e una esposizione di armature - le spade e gli scudi non mi interessano molto, ma devo dire che questi erano piuttosto spettacolari - sono passata alla sezione più impressionante di tutte: l'Harem.

Dovrete pagare un biglietto extra per vedere gli abiti privati dei sultani, ma vi garantisco che valgono ogni centesimo speso (o dovrei dire 'kuruş'?) Non solo sarete circondati da straordinarie decorazioni nelle pareti e sui soffitti, ma anche qui, più che in qualsiasi altro luogo, vi farete davvero un'idea degli stili di vita lussosi dell'epoca. Come per le case a schiera di Ephesus, questo è il posto dove andare se volete vedere come viveva l'altra metà della società!

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

La Moschea Blu

Dopo un rapido acquisto di cartoline , sono tornata all'aperto, dirigendomi verso un'altra delle attrazioni più visitate di Istanbul: la Moschea Blu. Ho pensato di fare un salto a Hagia Sophia durante il tragitto, ma la cospicua somma necessara per l'ingresso mi avrebbe fatto spendere quasi tutto il mio budget giornaliero, così ho deciso di risparmiarla per un altro giorno.

Per fortuna, l'ingresso alla prima visita era totalmente gratuito. Niente lunghe code, quindi: mi è bastato mettere un maglione e un foulard sulla testa, e togliermi le scarpe. C'erano, purtroppo, dei lavori di restauro all'interno di questa casa di culto, quindi non tutti i soffitti erano visibili (anche se, in modo piuttosto divertente, le foto di quello che c'era sotto erano state attaccate all'impalcatura per darci un'idea di cosa ci stavamo perdendo!) Quelle che ho potuto vedere, però, sicuramente ha soddisfatto le mie aspettative e ho passato una ventina di minuti a guardarle.

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

Bazar Arasta

A questo punto, il mio stomaco aveva iniziato a brontolare. Così dopo una rapida tappa all'ostello per ricaricare il mio telefono, sono partita alla ricerca di qualcosa da mangiare. Lungo il tragitto, mi sono imbattuta nel Bazar Arasta, un'incantevole strada pedonale fiancheggiata da bancarelle di ogni tipo. Ogni paese ha quel souvenir, quella cosa caratteristica che vedrete più volte, in ogni forma e dimensione immaginabile: in Turchia, sono le lanterne di vetro colorate (e i tappeti, e i divertimenti turchi). In realtà sono stata piuttosto tentata di comprarne una piccola da appendere nella mia stanza a casa, quindi forse ad un certo punto ci tornerò. (Speriamo che il mio acquisto non si distrugga sull'aereo verso casa!)

touring-turkey-turkey-part-4-second-day-istanbu

Comunque, in questa particolare occasione, sono uscita dal quel posto non più povera di quando sono entrata, e dopo aver rifiutato l'offerta di un servizio fotografico turistico, ormai ero quasi a quota 50 offerte - ci sono stand in tutta la città dove si può posare in costume tradizionale per circa 50TL - ho girato l'angolo e ho trovato un ristorante chiamato Doy Doy.

Doy Doy Doy

Il pranzo in questo punto di ristoro, una perla nascosta, è stato sublime: sulla meravigliosa terrazza del tetto, ho sgranocchiato ogni sorta di prelibatezze deliziose, mentre guardavo il mare blu scintillante. Questo è tutto quello che dirò su questo posto per ora: come per i ristoranti di cui ho parlato ieri, dovrete aspettare di sentire la mia recensione completa!

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

L'Ippodromo

Da qui, erano solo due minuti a piedi per raggiugnere l' Hippodromo, o 'Horse Square' (Piazza dei cavalli) come è conosciuto oggi. Questo grande quadrilatero, un tempo sede di un antico stadio ippico romano, sarebbe oggi piuttosto insignificante, se non fosse per i vari monumenti e colonne disseminati in questo luogo. Forse la più famosa di queste è la colonna dei serpenti, un pilastro contorto composto da tre serpenti intrecciati (ora senza testa). Trasportata fino a Costantinopoli dal Tempio di Apollo a Delfi: è uno dei beni più preziosi della città.

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

Altre attrazioni interessanti sono: la Fontana tedesca (o Fontana del Kaiser Guglielmo II), l' Obelisco egiziano e la Colonna di Costantino. Assicuratevi di vederli tutti se visitate questo luogo!

Cisterna di Basilica

Dopo essere stata fuori sotto il sole cocente per un paio d'ore, la mia pallida me stessa aveva bisogno di un po' di ombra, così il mio tour successivo a Sultanahmet è stato la sotterranea Basilica Cisterna. Questo bacino idrico - che una volta riforniva il Palazzo Topkapi, ma cadde in disuso alla fine del XV secolo - è uno dei tanti sparsi per la città, ma tra tutti, è di gran lunga il più conosciuto, e, credo, il meglio realizzato. L'ingresso costa solo 20TL (quasi 3 euro), e permette di esplorare una serie di camere interne illuminate, ognuna riempita da colonne ioniche e/o corinzie.

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

La mia guida consigliava ai turisti di riservare un'ora o due per questo spettacolo. Io, tuttavia, ho visto tutto quello che c'era da vedere in circa trenta minuti. Gironzolate per la cisterna velocemente o lentamente, come volete, facendo attenzione in particolare alla Colonna delle grida (un pilastro che è bagnato a differenza dei suoi simili, e si pensa che sia stato costruito in commemorazione degli schiavi che hanno perso la vita durante l'erezione di questa struttura), e le due sorprendenti Teste di Medusa, che giacciono - una sul fianco e una a testa in giù - nell'acqua. Avrete bisogno di una torcia per vederle bene, quindi assicuratevi di averne una a portata di mano!

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

Yerebatan Caddesi

Tornata a livello della strada, in superficie, ho fatto una rapida deviazione per vedere le case di Yerebatan Caddesi (nella foto sotto), prima di decidere di andare a visitare altri edifici colorati in un'altra parte della città: il quartiere Balat, che era la mia destinazione successiva. Così ho vagato, attraverso il sereno e frondoso Parco di Gülhane, per poi proseguire verso il ponte Galata. Quando sono arrivata a quest'ultima attrazione, mi sono resa conto che avevo ancora quarantacinque minuti di cammino da fare, così ho deciso di abbandonare i miei piani per ora, e di avventurarmi in questa zona un altro giorno.

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

Bazar delle Spezie egiziane

Decisa a non rendere questa passeggiata una totale perdita di tempo, tuttavia, ho fatto una svolta a sinistra nel rumoroso Bazar delle spezie egiziano del XVII secolo, l'Egyptian Spice Bazaar. Qui, erbe e spezie aromatiche di ogni colore erano disposte in file ordinate, richiamando anche me, la meno avventurosa dei cuochi. Mi aspettavo di essere maledetta da tutti i venditori che incontravo, ma per fortuna la maggior parte mi ha lasciata passare indisturbata. Un uomo, tuttavia, ha cercato di farmi pagare per aver fotografato il suo stand (abbastanza giusto, mi sa), ma io ho giocato la carta del turista incapace, e lui ha presto ammesso la sconfitta.

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

Kubbe Istanbul

Se avete letto alcuni dei miei altri articoli, saprete che adoro vedere le città dall'alto, quindi non vi sorprenderà che Kubbe Istanbul - un punto di vista sul tetto - sia stato uno dei momenti salienti della mia giornata. Nascosto in una strada secondaria poco appariscente, è ancora un po' un segreto nascosto, ma che vale la pena di scoprire (per le migliori indicazioni, date un'occhiata a questo articolo). Su questa terrazza infestata da gabbiani, vengono ora serviti spuntini, e i tradizionali cuscini e stuoie sono disposti per chiunque voglia scattare foto scenografiche.

touring-turkey-turkey-part-4-second-day-istanbu

Avevo letto che l'ingresso in questo posto era gratuito, ma una volta arrivata, ho scoperto che era stato preso in gestione da alcuni locali, che ora fanno pagare 100TL per visitatore. Ho scattato qualche foto prima che me lo dicessero, ma ho promesso a queste persone che sarei tornata (e per una volta, non lo dicevo solo per uscire da una situazione spiacevole!)

touring-turkey-turkey-part-4-second-day-istanbu

Gran Bazar

Dopo essermi fermata in un caffè per ricaricare il mio telefono (solo per scoprire, già con la mia bevanda in mano, che avevo lasciato il mio caricabatterie in ostello... ), ho proceduto per qualche isolato verso il Gran Bazar. Questo famoso complesso commerciale è uno di quei punti di riferimento che hanno un posto nella lista delle cose da fare di ogni turista: in fondo, non c'è niente di meglio di un buon affare! Quel giorno, ho appena dato un'occhiata (e ho rifiutato un paio di appuntamenti che mi sono stati proposti dai venditori - nulla di nuovo insomma), ma non credo che riuscirò a tenere a bada la mia voglia sfrenata di shopping, resistere e non tornare indietro per fare qualche acquisto...

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

Yeniçeriler Caddesi

Ormai mi facevano male le gambe e il mio telefono stava morendo, così (per paura di rimanere intrappolata senza la mia fidata applicazione Google Maps) ho iniziato a camminare lentamente per tornare all'ostello, passando per Yeniçeriler Caddesi. Lungo la strada, mi sono imbattuta in un paio di moschee classiche in stile ottomano - la Koch Sinan Pasha Kulliyesi e la Moschea Atik Ali Pasha - così come la tomba e il cimitero del sultano Mahmud II.

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

Il Mausoleo del Sultano Ahmed I

Sulla stessa strada, ho scoperto, nel Parco Sultanahmet, il magnifico Mausoleo del Sultano Ahmed I, dove questo sovrano, insieme ad altri, è sepolto. L'arredamento interno sontuoso di questa tomba - con il soffitto a forma di cupola e i lampadari brillanti - servono a sottolineare l'importanza estrema di queste figure nella storia turca.

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

Il negozio di budini

Dopo una rapida ricarica del telefono all'ostello (ho comprato un caricabatterie portatile per questo viaggio, ma la sera prima di partire mi sono resa conto che non si adattava al mio telefono!), il negozio di budini hippie Pudding Shop è stato il mio punto di ristoro per la serata, ma anche in questo caso, dovrete aspettare per vedere cosa ne penso. Una volta che mi sono riempita con il piatto principale, ho ordinato un pudding al cioccolato da portare via, e me lo sono goduto sulla terrazza del mio hotel, mentre scrivevo il mio ultimo post!

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

Pensieri finali

Istanbul sta davvero crescendo con me, e non vedo l'ora di esplorare ulteriormente il posto quando tornerò in aereo dalla Cappadocia tra qualche giorno! Quali perle di saggezza ho acquisito dopo questa giornata? Continuate a leggere per scoprirlo:

  1. Mettete sempre in valigia un caricabatterie portatile (i telefoni morti non sono divertent e vi causeranno ogni sorta di stress quando viaggiate!)

  2. Se il proprietario di una bancarella del mercato dice di volervi solo chiedere una cosa, continuate a camminare (a meno che, naturalmente, non vogliate che qualcuno finga di interessarsi alla vostra storia, prima di implorarvi di comprare qualcosa da loro)

  3. Giocare la carta del turista 'confuso' di solito funziona

  4. Utilizzare solo la 'media del tempo trascorso in questo luogo' come linea guida approssimativa quando si visita la città (ognuno vede cose diverse con tempi diversi)

  5. Se volete motivarvi a lavorare di più, visitate i palazzi (vedrete subito cosa state trascurando)

  6. Ricercate punti nascosti ogni volta che si sta esplorando una nuova città (Kubbe Istanbul è stata una delle cose più straordinarie che ho visto quel giorno, e, dato che è relativamente sconosciuta, avevo quasi tutto il posto per me)

touring-turkey-part-4-second-day-istanbu

Fine della quarta parte

Ecco fatto: la quarta parte della mia serie 'Il mio viaggio in Turchia'! Spero che vi sia piaciuto leggere l'articolo di oggi e che siate eccitati per quelli che pubblicherò presto quando sarò in Cappadocia. Non ho ancora capito cosa farò mentre sarò lì, ma una cosa è certa: vedrete un sacco di fotografie in mongolfiera!


Galleria foto



Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!