Il Deserto, in Georgia | Blog Erasmus Georgia
Advertise here

Il Deserto, in Georgia

desert-georgia-db530e81ecd346ea91df9fa6a

Introduzione

Ciao a tutti, come state?

In questo articolo vorrei parlarvi di un posto fantastico che si trova in Georgia. È come se fosse un deserto e, infatti, viene chiamato proprio così! Però, se in questo momento state pensando al deserto del Sahara o a qualsiasi altro deserto visto in TV, siete completamente fuori strada. In questo luogo fantastico non ci sono né sabbia, né dune e non somiglia per niente a quello africano o australiano. È un deserto fuori dal comune ed è davvero meraviglioso. Ci sono anche dei piccoli laghi!

Ad essere onesta, ci sono andata pochissime volte. Di solito, però, molta gente tende a tornarci diverse volte durante l'anno, per passare anche a far visita al Monastero di "Davit Gareja", una vera bellezza architettonica. In questo Monastero è conservata una pietra sacra proveniente da Gerusalemme e portata direttamente da uno dei Padri sauri, Davit appunto. La leggenda dice che andare tre volte al Monastero di Davit equivale a recarsi una sola volta a Gerusalemme.

desert-georgia-e3f43440c4dde73f56119d1bc

La gente ama andare a visitare il Monastero, non è lontano dal deserto ed è davvero bellissimo. Credo che ne valga veramente la pena andarci almeno una volta l'anno: non solo si può approfittare della bellezza architettonica del complesso, ma si può anche stare a contatto con la natura. Il deserto è pieno di alberi e di vegetazione di ogni sorta. Il nome originario del paesino in cui si trova è "Udabno", che in italiano significa appunto deserto. Ci sono stata una volta, quando ero piccola, in occasione di uno spettacolo di danza. Ero insieme ai miei compagni ed eravamo emozionatissimi al pensiero di dover danzare con un altro gruppo di bambini. Era la nostra prima volta, volevamo divertirci e fare anche bella figura. Lo spettacolo si sarebbe tenuto nella scuola del paese: i bambini sono stati molto simpatici e siamo riusciti anche a fare amicizia! Purtroppo non ricordo quale fosse l'occasione e il reale motivo per cui eravamo lì, ma è stato bellissimo. Ci hanno trattati molto bene, abbiamo pranzato e giocato insieme a tutti i bambini nella palestra della scuola. Ho davvero un bel ricordo di "Udabno". Nonostante all'epoca non si usassero molto le macchine fotografiche, siamo comunque riusciti a fare qualche foto. Le conservo ancora e alcune le ho anche scannerizzate, così da averle nel computer e poterle guardare ogni volta che voglio ricordare quel giorno. Google Photos è davvero una rivoluzione: puoi conservare tutte le foto che vuoi e rivederle in qualunque parte del mondo tu sia!

desert-georgia-139b2b8860da68e3234cb1255

Raggiungere il deserto non è difficile e, come ho già detto in precedenza, è un luogo molto frequentato. I ragazzi ci vanno spesso perché è vicino alle città di "Kakheti" e "Tbilisi" e ci vogliono solo due ore per raggiungerlo. Tutto dipende da dove vieni! Ad essere onesta, nonostante non sia quel tipo di persona che ama visitare i paesini, tantissima gente si reca ad Udabno per varie ragioni: per andare a vedere il Monastero di Davit Gareja, di passaggio mentre è di ritorno a casa, per mangiare qualcosa o addirittura per accendere un fuoco e gustare del "mtsvadi". È sempre un'ottima idea andarci, anche se ci sono alcuni periodi dell'anno in cui è consigliabile evitare di andare al Monastero. Potrebbero esserci serpenti o animali pericolosi, soprattutto quando fa caldo. Ovviamente è possibile incontrare questi animali in qualsiasi periodo dell'anno e non sempre è facile notarli tra i cespugli, quindi bisogna davvero fare attenzione ed evitare di andare quando la temperatura è eccessivamente elevata.

Una delle cose principali di cui volevo parlarvi in questo articolo riguarda delle foto che mi ha inviato, questo inverno, mia zia mentre si trovava nel deserto vicino Kakheti. In queste foto la neve copre praticamente tutto, anche il villaggio di Udabno! . Si trovava lì per caso, con degli amici, ed ha avuto la fortuna di scattare queste bellissime fotografie! Ci sono alberi e cespugli innevati, rami completamente ghiacciati che saranno stati sicuramente ancor più meravigliosi dal vivo. Mia zia mi ha raccontato che la neve si era attaccata solo agli alberi, mentre il suolo era rimasto completamente pulito: che cosa strana e affascinante! Ho pensato che deve essere davvero fantastico andare a Davit Gareja d'inverno, quando tutto è innevato. È il tipico paesaggio naturale che potrebbe diventare il soggetto della tela di un pittore.

desert-georgia-550592e64d8dcf974558db030

Credo di essere andata al Monastero di Davit Gareja solo tre volte, ma mi piacerebbe tornarci di nuovo. Nonostante sia molto vicino a Tbilisi, a circa 70 km di distanza, e potrei andare tutte le volte che voglio, io ed i miei amici non lo facciamo mai. Comunque, è più facile andarci prenotando escursioni o tour in anticipo, da fare con gli amici o la famiglia. Ci sono anche dei bus che ti permettono di visitare il Monastero di Davit Gareja e, al tempo stesso, di fare amicizia! È sempre bello fare delle gite come queste: non devi neanche preoccuparti di guidare! Basta sedersi e rilassarsi, godere della meravigliosa vista e della natura che vi circonda.

Non ho intenzione di annoiarvi raccontandovi la storia del Monastero ma, dato che ne ho parlato, penso che dovreste sapere qualcosa in più. Prima di tutto, c'è una sorta di guerra in corso tra i Georgiani e gli abitanti del paese vicino, l'Azerbaijan, che rivendicano quei territori come propri (sebbene non lo siano). Il fatto è che il confine territoriale tra questi due paesi è molto vicino, il che rende tutto più problematico. Il Monastero è stato fondato durante il sesto secolo da uno dei 13 monaci assiri, Davit, e da quel momento è sempre stato un luogo importantissimo per i Georgiani.

Bene, questo è tutto quello che volevo dirvi sul deserto della Georgia. È un luogo fantastico e, se mai doveste trovarvi in Georgia, dovete assolutamente visitarlo per rimanere colpiti dall'architettura del Monastero e dalla vastità del deserto. Ne vale veramente la pena.

Ricorda però che se non sei sicuro di quale sia il momento migliore dell'anno per andare, è meglio chiedere a chi conosce il luogo: potrebbe essere pericoloso!


Galleria foto



Contenuto disponibile in altre lingue

Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!

Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!