I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen | Blog Erasmus Copenaghen, Danimarca

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Ciao, e benvenuti al sesto e ultimo post della mia serie 'I Diari della Scandinavia'. In realtà sono tornata a casa un paio di giorni fa, ma per un motivo o per l'altro, mi sto dedicando solo ora al montaggio e al caricamento di questo articolo. L'ultimo giorno del viaggio è stato un po' frenetico - avevamo un aereo da prendere la sera, e quando mai questo non è fonte di stress? - ma comunque una delle mie preferite.

Anche se eravamo in Svezia, l'aeroporto di Copenhagen si è rivelato il luogo più adatto per tornare in Inghilterra, così abbiamo deciso di passare quella mattina e quel pomeriggio a fare uno stop tour della città. Mia madre, mio fratello ed io ci siamo separati e siamo andati ad esplorare la capitale della Danimarca nel nostro modo speciale. Ora passo al mio passato per un rapporto più approfondito su quello che ho fatto in quelle cinque ore preziose!

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

17:30

Ciao da qualche parte nel cielo! Sono stanca, dolorante e piuttosto scottata dal sole, ma ho avuto una fantastica giornata esplorando Copenhagen. Mia madre, mio fratello ed io volevamo tutti visitare la città prima di andare all'aeroporto, così siamo partiti da Lund subito dopo le nove, e siamo arrivati dall'altra parte del Ponte di Resund subito dopo le dieci. Le prime mattine non sono il mio forte, quindi, come potete immaginare, durante il viaggio ero piuttosto nervosa, ma non appena ho messo piede sulla piattaforma soleggiata della capitale danese, ero impaziente di cominciare.

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Dopo aver messo le valigie negli armadietti, ci siamo tutti messi d'accordo a fare strade separate e ci ritroviamo di nuovo alle tre. Il Statens Museum per KunstSMK (la Galleria nazionale danese) era in cima alla mia lista delle cose da fare, così ho lasciato la stazione passando per ilGiardini di Tiboli. Ho dato una rapida occhiata a questo parco di divertimenti dall'esterno, ma dato che non era ancora aperto, tutto quello che ho potuto vedere sono state le giostre fisse. Eppure, sembravano piuttosto divertenti, e spero che un giorno sarò in grado di provarne alcune!

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Dietro l'angolo, mi sono imbattuta nel Copenhagen City Hall, una magnifica struttura, che quel giorno aveva una sorta di gara di fitness all'esterno. Mi sono fermato brevemente a guardare vari uomini arrampicarsi sulle corde, e varie donne che facevano addominali con i pesi attaccati al petto. Oh, essere sportive come loro...

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Dopo aver camminato per un po' in un'area di shopping (e mi sono rallegrato quando ho visto una sede di Flying Tiger nella sua città d'origine), alla fine mi sono trovato di fronte alla Cattedrale di Copenaghen. Sembrava più un tempio Greco dall'esterno, con le sue colonne imposte, ma all'interno era simile a una chiesa come qualsiasi altro luogo di culto. Ho camminato velocemente su e giù per la navata, ammirando le statue che fiancheggiavano le pareti mentre andavo, poi ho attraversato la strada per vedere un altro edificio religioso.

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

La chiesa di Sankt Petri - l'edificio più antico del centro città - era un po' più piccola della cattedrale, ma più affascinante. Mi piaceva girovagare per i suoi interni ombrosi, guardando il soffitto a volta e i lampadari decorati. All'esterno, sono rimasto incantato da un'adorabile scuola, Sankt Petri Schule, il cui parco giochi si affacciava sul cortile della chiesa.

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Dopo aver superato l'edificio principale dell'Università di Copenhagen e la Grande Sinagoga (tristemente sorvegliata dai poliziotti), mi sono imbattuta in uno dei luoghi più visitati della città: la seicentesca Torre rotonda. Se avete seguito il mio blog da un po', saprete che adoro vedere i luoghi dall'alto, quindi non ho potuto resistere all'acquisto di un biglietto (solo 25 corone danesi - circa 3 sterline!) per salire su questa struttura. La coda era fortunatamente piuttosto breve, e in cinque minuti, stavo iniziando la mia salita.

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Piuttosto insolitamente, questa torre non aveva una scala (almeno non fino a quando non si era vicini alla cima), ma piuttosto un percorso in pendenza. Questo rendeva la salita molto meno faticosa del solito, e non soffrivo di fiato corto che tali attività normalmente mi provocano.

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Lungo la strada, mi sono imbattuto in varie stanze: la vecchia sala della biblioteca, dove era in corso una mostra d'arte moderna; un ex armadio (che era sorprendentemente pittoresco, con la sua piccola lanterna a candela); e un soppalco. Vicino al tetto dell'edificio, c'era anche un piccolo angolo dove si poteva stare in piedi su un pavimento di vetro a venticinque metri. Non ho paura delle altezze, ma non riuscivo comunque a farlo!

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Le viste dall'alto della Torre rotonda erano fantastiche! I cartelli segnaletici erano sparsi intorno al balcone per aiutare i visitatori a identificare i vari edifici che si potevano vedere. In lontananza, ho visto il Castello di Rosenborg, e improvvisamente mi sono ricordato che dovevo visitare il vicino museo d'arte! Sono sceso dalla torre e sono uscito in strada.

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Mentre andavo allo Statens Museum for Kunst, mi sono fermato molto brevemente per vedere il castello e il tranquillo Giardino del Re appena fuori da esso. Ormai il sole era al massimo, così tante persone si erano radunate in questo parco per fare un picnic. Ho attraversato un ponte e ho visto dei pesci enormi che nuotavano nel corso d'acqua sottostante. Quanto mi piacerebbe un tuffo rinfrescante!

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

E poi - dopo essermi lasciata distrarre un numero infinito di volte - sono finalmente arrivato a destinazione. Mi ha divertito vedere che nella fontana proprio di fronte all'istituto erano state installate delle sedie. Alcune persone avevano preso posto al loro interno e si stavano raffreddando i piedi nell'acqua rinfrescante.

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Non ho avuto molto tempo per esplorare il museo, quindi purtroppo ho dovuto sfrecciare nella maggior parte delle stanze. Tuttavia, credo di aver avuto un buon feeling con il luogo e, semmai, la brevità della mia visita mi dà un'ottima scusa per tornare in futuro. La sezione arte moderna era di gran lunga la mia preferita, e mi è piaciuto soprattutto cercare di capire le opere surrealiste. Lassù c'era anche la sala principale dell'area, con le sue sculture di marmo e le lanterne di carta.

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

A un certo punto mi sono imbattuto in un enorme cartello arancione che recitava, in maiuscolo, "Stranieri, per favore non lasciateci soli con i danesi". Non sono ancora del tutto sicuro di cosa significasse - anche se, naturalmente, deve avere a che fare in gran parte con i problemi d'immigrazione del Paese - ma ho preso uno dei poster gratuiti accanto ad esso, e sono sicura di appenderlo nella mia stanza dell'università, il prossimo ottobre.

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Dopo aver caricato il mio telefono nel caffè del museo per un po' (sfacciata, lo so), sono tornata fuori, e sono partita in direzione di Nyhavn. Questo lungomare, con le sue splendide case colorate, è lo spettacolo che vedrete sulla copertina di qualsiasi guida, ed è tanto bello di persona quanto nelle foto. C'erano, naturalmente, folle di turisti lì nello stesso momento in cui c'ero io, ma dato che ero una di loro, non potevo davvero lamentarmi.

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Mi sono fermata, a destra del canale, nel cortile del Kunsthal Charlottenborg, un grande palazzo che ha ormai assunto la funzione di museo d'arte moderna. In quest'area esterna ho trovato una piccola mostra, con manifesti relativi alla Brexit e all'UE. Essendo un forte 'sollecito', sono stata molto contenta di vederlo, e mi sono trovata totalmente d'accordo con tutti i punti che i cartelloni cercavano di far passare.

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Dopo di che mi sono incamminata fino alla fine del porto e, visto che le tre si stavano avvicinando velocemente, ho deciso di dirigermi lungo il fiume, di nuovo verso la stazione ferroviaria. Come al solito, ho fatto qualche deviazione lungo il percorso. La prima di queste è stata la visita all'esterno del Christiansborg Palace, che è attualmente la sede del governo danese, ed è stata, in passato, la principale residenza dei monarchi del Paese. Nonostante fosse per metà coperto da impalcature, era una splendida vista da vedere, e mi sono goduto il mio tour del suo esterno.

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Mi sono anche fermata appena fuori dall'edificio per curiosare in un piccolo mercatino delle pulci. Sapevo di non poter comprare nulla - non avevo con me denaro e la mia valigia era piena fino all'orlo - ma mi sono comunque lasciata andare di bancarella in bancarella, ammirando la bigiotteria, i libri e i giradischi vintage.

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Il mio ultimo scalo è stato, mi dispiace dirlo, McDonald's (in mia difesa, stavo soffocando dopo la mia lunga camminata, e cercavo disperatamente di mettere le mani su una qualsiasi bevanda fredda a buon mercato ). Armato di un frappuccino al mango, tornai lentamente alla stazione e mi buttai su una panchina per aspettare mia madre e mio fratello.

I Diari della Scandinavia (6° giorno): Un giro per Copenhagen

Tutte le cose buone devono finire

E ora, poche ore dopo, sono su un aereo per tornare in Inghilterra. Questa vacanza è passata in un lampo, ma come si dice, il tempo vola quando ci si diverte. Un enorme grazie a mia madre per aver organizzato questo fantastico viaggio - non sono sicura di conoscere un pianificatore di itinerari migliore - e a lei e a mio fratello per essere stati dei fantastici compagni di viaggio! Scandinavia, sei stata un sogno assoluto, e tornerò sicuramente.


Galleria foto



Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!