Advertise here

Budapest, quando il Danubio ci separa (2/6)

2 giugno 2016

Giorno 2: dall'oro della sinagoga a quello della basilica

La tela del bar dell'ostello Casa de la musica situato proprio sotto camera mia, si fa sentire tutta la notte fino al risveglio. La pioggia o l'incubo dei viaggiatori. Sono stato bloccato nella hall per tutta la mattina, approfittando del mal tempo per sistemare alcun dettagli del mio volo di ritorno.

Verso del 10, ha smesso di piovere. Quindi sono potuto uscire. Ho iniziato ad interagire con degli universitari estasiato dal loro ambiente di lavoro, degno di essere il municipio di una grande città di provincia. Molto belle sono state anche la vista della struttura in acciaio del Mercato al coperto del 1987 (Központi vasarcsarnok) o l'architettura neogotica del Museo d'arti decorative (Iparmüvészeti múzeum).

Kippah di carta, Kippah alla sinagoga

budapest-danube-separe-26-8bf576b0434e46

La Grande Sinagoga di Budapest merita davvero questo nome... È la più importante d'Europa per le sue dimensioni!

Ma ciò che mi ha colpito di più di questo giorno è la sinagoga (zsinagogua). Costruita tra il 1854 e il 1859, disegnata da Ludwig Forster, è una delle più antiche e più grandi al mondo. All'esterno, con le sue due torri, sembra un minareto. Una volta entrato nelle sue mura, con le sue tre navate e il suo altare che non si si trova al centro come negli altri edifici. La sinagoga sembra quindi una chiesa cattolica. Con i suoi dipinti molto orientali, nei toni del rosa salmone, non sembra per niente in Europa centrale. È la sinagoga più grande del continente.

Nella cattedrale di Cracovia, mi sono fatto rimproverare per non essermi tolto il cappellino. Alla sinagoga di Budapest, stessa cosa, solo che non avevo cappelli. "Hep! " mi ferma il guardiano porgendomi una kippah di carta. "Indossatela". Il tempo che raggiungo un gruppo di francesi per ascoltare le spiegazioni della guida, la kippah mi è caduta quattro o cinque volte, scivolando sui miei capelli lisci.

Da seduto è la stessa cosa. Allora in francese, un uomo sulla quarantina, capelli scuri e radi, mi consiglia: "se hai un cappellino, lo puoi mettere. La cosa importante è che ci sia qualcosa che separa il tuo spirito dalla divinità. Molto erudito, quest'uomo completerà la guida. Colto di sorpresa da questa concezione diversa tra religioni, indosso il mio cappellino.

La visita è finita e mi metto a parlare con questa turista. Non riesco a fare a meno di parlargli lentamente, perché in Slovacchia ero abituato a parlare con studenti che stavano studiando francese e quindi dovevo parlare lentamente perché mi capissero. Se avessi parlato veloce, avrei ricevuto solo un sorriso imbarazzato mentre nella testa avrebbero pensato: "Che cosa ha detto? ". Gli racconto che ho appena trascorso quattro mesi in Slovacchia. Ricevo un "Bravo! " di ammirazione, accompagnato dalla tipica espressione con le labbra che si rivolgono verso il basso.

La mano destra di Santo Stefano, sempre lì dopo circa 1 000 anni

Sento parlare francese abbastanza spesso per le strade. Budapest non è la Slovacchia, dove se mi andava bene, incontravo una persona che veniva da qualche paesino sperduto.

Così davanti a delle foto di una reliquia alla basilica di Santo Stefano (Szent Istvan bazilika), sento due uomini lamentarsi in francese: "Si vede meglio la mano destra del santo nelle foto... Nel reliquiario non si vede molto! " La mano destra, scura, è infatti l'unica parte del corpo di Santo Stefano che ha mantenuto la sua forma, una specie di calco di un pugno chiuso con lunghe falangi.

budapest-danube-separe-26-85cbe5cd34a8b6

La mano destra di Santo Stefano, fondatore del regno di Ungheria.

Per gli ungheresi, Santo Stefano è IL personaggio del romanzo nazionale. Nell'anno 1000, è stato incoronato primo re d'Ungheria. Infatti, è anche il fondatore dello Stato dell'Ungheria, avendo reso il territorio indipendente a livello religioso, della Germania. Alla sua morte nel 1038, è stato canonizzato, da qui il suo nome per questa basilica. Sono rari i re che sono diventati santi. In Francia, San Luigi (Luigi IX) è un caso simile ma pur sempre unico.

I pensionati non hanno avuto la mia stessa fortuna. Quando sono passato, dei turisti americani hanno inserito una moneta da 200 fiorini (70 centesimi) nella macchinetta per illuminare la scatola d'oro.

Cosa dire delle basilica stessa? Come molti monumenti di Budapest: ricca di decori in oro e marmo rosa. Come il Parlamento e la sinagoga, risale al XIX secolo. La cifra spesa per questi tre edifici dimostra la potenza dell'Impero ungarico a quel tempo, prima del suo smembramento a seguito del trattato del Trianon dopo la disfatta della Prima Guerra mondiale nel 1920. L'Ungheria è stata privata di un terzo del territorio (tra cui la Slovacchia). Ancora oggi, è un tasto dolente per gli ungheresi! È un po' come se i francesi non avessero l'Alsazia e la Lorena.

Ho concluso la giornata che continuava ad essere minacciata da nuvole, sul viale chic Andrassy, lo stesso dove ieri sono andato all'Opera. Stasera invece sono solo di passaggio.


Galleria foto



Contenuto disponibile in altre lingue

Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!