Advertise here

Bruxelles in due giorni

Dopo un anno incredibile sul suolo britannico, il mio cuore di viaggiatrice non poteva e non voleva stare fermo. Volevo di più. E lo stesso succedeva al cuore della mia amica. Prima di andare a Lille a studiare per un mese, non potevamo perdere l'occasione di vedere un po' della capitale belga di cui ci è stato parlato tanto all'università. Quindi, non abbiamo neanche dovuto discuterne. Abbiamo comprato subito due voli con destinazione Bruxelles.

L'unico problema è che per sfruttare al meglio la giornata abbiamo deciso di prendere il volo alle 7 e mezza del mattino, il che significa svegliarsi alle 4 e mezza. Già da quel momento sapevamo che sarebbe stata una giornata molto lunga.

Giorno 1: il centro città

Non appena siamo arrivate all'aeroporto ci siamo quasi perse, e i treni a Bruxelles non aiutano molto. Nemmeno il treno dall'aeroporto di Bruxelles ha porte così ampie per trasportare grandi bagagli. No. Ha addirittura alcune scale per salire.

L' hotel che abbiamo trovato all'ultimo minuto non era poi così male. Era abbastanza vicino al centro, e la verità è che per una notte non ci importava molto. Abbiamo lasciato le borse e ci siamo lanciate alla scoperta della città. Ovviamente, anche se era inizio luglio, il tempo a Bruxelles non ci ha soddisfatte. Noi che avevamo pensato a "estate", cercando di sfuggire alle piogge inglesi abbiamo trovato un nord Europa che non è molto diverso dal Regno Unito. Comunque, cosa ci si può fare, grazie a Dio abbiamo portato un ombrello.

La prima cosa che abbiamo visto entrando in città è la Borsa di Bruxelles. Sapevate che fu fondata per decreto di Napoleone nel 1801? Ebbene sì. E qualche anno fa, nel 2000, si è fusa con la borsa di Parigi e la borsa di Amsterdam per creare l 'Euronext, una delle prime borse paneuropee.

bruselas-dias-3c70ee42ca3cbf337e08289b24

Abbiamo continuato a piedi verso il centro della città e raggiungiamo la Grand Place di Bruxelles. Una vera meraviglia, tutta piena di colore e dettagli dorati. Peccato che sia stata una giornata così grigia.

bruselas-dias-4369d48e12a2160a305da538a9

bruselas-dias-663b39e56c62a8f1c89e2ff78e

Fonte

Se siete abbastanza fortunati da venire in primavera, questa piazza si riempie di un tappeto di fiori di begonia, che le danno ancora più colore e vita.

bruselas-dias-5b38598f751020589bd81a7b2a

Fonte

A circa quattro minuti a piedi dalla piazza si trova il famoso Manneken Pis. Non è niente di più o di meno di una piccola statua di un bambino che fa pipì. È piuttosto piccola e si trova in un angolo. Quando ci siamo andate noi, era stato vestito con i colori della squadra di hockey canadese, non so molto bene perché. Nella parte superiore si trova un'iscrizione che recita “In petra exaltavit me, et nunc exaltavi caput meum super inimicos Meos”. In italiano potrebbe essere tradotto come "Il Signore mi ha sollevato su una roccia, e ora alzo la testa sui miei nemici" e si riferisce alla vittoria di Bruxelles contro l 'assalto francese della città nel 1965. L'unico problema è che questa statua è stata rubata intorno al 1960, scatenando uno scandalo internazionale. Da allora, la statua del Manneken Pis è una copia.

bruselas-dias-3ff6fd36961637b9de97f6e013

La cosa divertente è che intorno al 1980 è stata realizzata un'altra statua molto simile, la Jeanneke Pis, ma questa volta è una ragazza. Anch'essa si trova molto vicino alla Grand Place.

Bruxelles in due giorni

Fonte

Poi siamo andate alla Place du Petit Sablon, con un piccolo spazio in cui la natura si mescola con l'architettura. Si tratta di un piccolo giardino in cui alla fine dell'Ottocento si voleva esaltare il nazionalismo belga. Lungo il giardino si trovano statue delle varie corporazioni medievali, come muratori o scultori. Sono incluse anche statue di famosi personaggi storici belgi, come il geografo Ortelius.

bruselas-dias-31b34946499db46c44d7075ef2

Dopo aver trascorso ore a camminare per la città, siamo tornate all'hotel completamente morte. Ma c'era ancora una cosa da vedere, l'ultimo simbolo della città: L'Atomium. Lungo la strada, ci siamo imbattute nella Chiesa Notre Dame de Laeken, che risulta essere dove sono sepolti i re belgi.

bruselas-dias-d0430c91b7a61d35fdb6b63adb

Fonte

Infine, abbiamo raggiunto l'Atomium, che è un monumento in acciaio e alluminio che rappresenta un cristallo di ferro, ma 165 volte più grande. È stato creato nel 1958 per essere presentato all'Esposizione Universale e da allora è diventato uno dei simboli della città. Non appena l'ho visto, ho provato un'emozione stranissima. È davvero enorme. Poi un po' di vertigini. Infine, una grande ammirazione per chi l'ha costruita.

bruselas-dias-874bbcdff0e65090194a308153

bruselas-dias-71fe028b78d506e42c7cc0b735

Accanto All'Atomium c'è questo altro pezzo di colore rosso, che non rappresenta nulla di speciale. È di Arik Levy, e lui stesso spiega che è stato fatto per metterlo sotto la grande scultura dell'Atomium.

bruselas-dias-a03d71926da2d52e0526b63be1

Poi è arrivato il momento per noi di tornare a casa e Bruxelles ci ha premiate con un po' di sole, così siamo tornate a vedere di nuovo la Grand Place. Ne è valsa la pena fare quei passi in più, davvero incredibile. E in secondo luogo, siamo andate sulla vetta del Mont des Artsper contemplare il tramonto. Senza dubbio, il miglior punto panoramico di Bruxelles, da cui è possibile vedere la Grand Place e la Torre del Municipio.

bruselas-dias-dd1c4fdb6e9901d7656ebc5a5d

Giorno 2: nelle periferie di Bruxelles

Giá che siamo state a Bruxelles non potevamo perderci il Quartiere Europeo. Essendo studentesse di Relazioni Internazionali e forse future lavoratrici dell'Unione Europea, è stata una visita obbligatoria. Bruxelles è considerata la capitale dell'Unione Europea, anche se non lo è ufficialmente. In questa città si trovano alcuni degli organismi più importanti dell'UE. Questi includono laCommissione Europea , ilConsiglio dell'Unione Europea , il Consiglio europeo e il Parlamento europeo. Infatti, i colori della bandiera Dell'Unione europea sono stati scelti in base a quelli della bandiera di Bruxelles: blu e giallo.

bruselas-dias-c196d9e41ca7d4fe2b03c17654

Fonte

Questa è una foto del Parlamento europeo, che presenta anche un pezzo del famoso muro di Berlino.

bruselas-dias-aff11cea79816dc7220f11e3e0

Non lontano si trova il Fifty anniversary Park, con un enorme complesso architettonico a forma di U pieno di archi e sculture. Questo monumento fu eretto da re Leopoldo II nel 1905 in commemorazione del cinquantesimo anniversario dell'indipendenza del Belgio. Ai lati dei tre enormi archi si trovano sculture che rappresentano le diverse province del Belgio personificate.

Qui, una foto di noi di fronte al complesso architettonico.

bruselas-dias-b41bc838651d9474ea012820a3

Siamo andate a mangiare con una nostra amica di qui che ha deciso di mostrarci stra velocemente le ultime cose che ci erano rimaste da vedere di questa città.

In primo luogo, la Cattedrale di San Michele e Santa Gudula, in stile gotico e costruita tra il 1226 e il 1500.

bruselas-dias-9ace62811a1b61d82aeff7e78d

E in secondo luogo, la Place Royale, una delle mie preferite, non so perché. Il ciottolo e lo stile mi danno la sensazione di antichità, ma allo stesso tempo di essere in una città completamente moderna.

bruselas-dias-30780c3d00f441f4407965603a

Fonte

Proprio in quella piazza, da una strada semi-nascosta, si può raggiungere il Museo Magritte. Non siamo riuscite a entrare, ma ancora una volta la sua architettura mi ha colpita molto.

bruselas-dias-bb520d2c5d9ddb3d19a6571db5

Fonte

Ecco, questa era Bruxelles. La verità è che è una città molto internazionale, cammini per strada e senti parlare mille diverse lingue. Tutti sembrano molto formali e seri, ma allo stesso tempo aperti. Sono molto amichevoli in tutti i negozi anche se rimani bloccato con il francese e ti accoglieranno sempre con un sorriso. La verità è che se non fosse per il tempo, che non ha smesso di piovere, sarebbe una città in cui mi piacerebbe vivere. Comunque, non si sa mai.

Spero che questo post vi abbia aiutati a organizzare un viaggio a Bruxelles. Se vi è piaciuto, date un'occhiata ai miei post Viaggio express a Parigi o Road trip in Italia.


Galleria foto



Contenuto disponibile in altre lingue

Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!