Il Parco di Ueno

Vivevamo vicino al Parco di Ueno e, in effetti, avevamo passato lì la prima sera con la scusa di non voler andare subito a dormire e di cercare di abituarci all'orario giapponese nonostante il jet lag.

Il Parco di Ueno

La differenza oraria è di otto ore in avanti rispetto al Belgio. Per me l'andata è stata meglio del ritorno, soprattutto perché sono andata a dormire presto per l'ora che era in Giappone, verso le nove, e ho dormito dodici ore. Forse vi chiederete come sia potuta andare a dormire così presto, dato che era solo l'una di pomeriggio in Belgio, beh semplicemente perché non avevo dormito durante le nove ore di aereo. Devo ammettere che era piuttosto comodo, avevamo a nostra disposizione Flyaerobic, dvd, tappi per le orecchie, cibo a volontà, una coperta in regalo, auricolari e musica di qualsiasi tipo disponibile sulla nostra radio personale, ecc. Ma insomma, nonostante tutto non ero riuscita a dormire! Infatti le dodici ore di sonno della prima sera mi hanno rimesso in sesto per il resto del viaggio, ma mi hanno anche fatto perdere una bella serata in cui i miei amici hanno conosciuto dei Giapponesi che gli hanno offerto da mangiare, ma non importa. Energia o cibo, dovevo scegliere!

Quindi, dopo aver trovato l'hotel (il Koyo Hostal era molto vicino a Ueno) e aver lasciato lì le nostre cose, siamo andati a fare una passeggiata. Non abbiamo preso la metro perché eravamo già nella zona di Ueno, dove c'è un grande parco in cui, teoricamente, c'è un tempio, ma noi non siamo riusciti a trovarlo! E mentre andavamo verso il parco abbiamo sperimentato i primi "shock culturali" e abbiamo avuto le nostre prime impressioni.

Siamo passati in una via commerciale dove i Giapponesi vendevano i loro prodotti per strada, su delle bancarelle: polpo sotto vuoto, verdure, strani crostacei, spezie, ecc. Si potevano già scorgere alcuni luna park. Abbiamo provato il famoso gioco a cui giocano tutti i Giapponesi, il pachinko. In questo gioco ci sono delle sfere di metallo che cadono a seconda del senso il cui si fa girare una rotella dove passano le sfere, che valgono come punti, per poi cadere in un contenitore nella parte inferiore della macchina. Poi abbiamo cenato lì, siamo andati in un bar e abbiamo mangiato l'Undon, una zuppa con dei grossi noodles spessi, simili a dei grandi spaghetti collosi insomma, immersi in un brodo con delle verdure sopra. Di solito si possono scegliere le verdure da aggiungere e spesso ci mettono anche un uovo sopra. Anche le luci delle strade mi hanno colpito, era tutto molto illuminato! Ci sono anche delle enormi insegne, che ricordano quelle di Time Square a New York.

Il Parco di Ueno

Il Parco di Ueno

Il Parco di Ueno

L'entrata della famosa strada verso Ueno:

Il Parco di Ueno

Poi siamo arrivati al Parco di Ueno.

Nel parco ci sono molte piante acquatiche, come potete vedere nella prossima foto, infatti al centro si trova un grande lago con attorno delle torri di un tempio (ma non siamo mai riusciti a vedere il tempio in sé! ).

Il Parco di Ueno

Il Parco di Ueno

Il Parco di Ueno

Come potete notare, è un vero e proprio bosco all'interno della città. D'altronde questa è un po' la particolarità di Tokyo e alla fine non ci si stupisce di quanto sia grande, dato che ci sono dei parchi enormi ovunque nella città, sto pensando ad esempio a quelli vicini al Palazzo Imperiale. In breve si è fatta sera ed è stato bello poter vedere il parco sia di giorno che di notte.

Oltre al lago, c'era anche un museo molto interessante che abbiamo visitato. Era un museo tradizionale dove potevamo vedere delle ricostruzioni delle antiche case giapponesi. Era un modo per conoscere le tradizioni e gli usi dei Giapponesi (c'erano tavolini bassi dove ci si siede per terra per mangiare, spiegavano come si beve il tè, quali erano i mestieri di un tempo, ecc. ). Era davvero carino perché c'erano ricostruzioni di qualunque cosa, potevamo vedere le casette di legno, le strade e si poteva anche entrarci all'interno, però solo dopo essersi tolti le scarpe! Questa è uno degli strumenti del museo:

Il Parco di Ueno

Ecco alcune foto alla rinfusa del museo del Parco di Ueno:

Il Parco di Ueno

Il Parco di Ueno

Qui sopra potete vedere un piccolo altare di un tempio con alcuni doni e origami.

Il Parco di Ueno


Galleria foto



Contenuto disponibile in altre lingue

Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!