E poi arrivai a Donostia-San Sebastián...


Prima di Donostia...

Non ricordo quando sia iniziata questa storia... forse il giorno in cui ho deciso di partire per uno scambio culturale, forse il giorno in cui si è presentata l'opportunità di farlo, o forse il giorno in cui mi dissero che non sarei potuta andare verso la mia prima scelta, o quando ho deciso di andare a Donostia e in nessun altra città... forse non è stato nemmeno quello l'inizio, forse era già scritto nel mio destino. Infondo, tutti abbiamo un destino, che creiamo e allo stesso tempo è già segnato.

Il conto alla rovescia era terminato, il giorno era arrivato, forse nel peggiore dei modi, con troppe valigie e gli occhi lucidi, salutavo la quotidianità che avevo creato durante 21 anni, ma infondo, sapevo che l'avrei ritrovata...

e-poi-donosti-e0623c941b4e83c4bbd8102401

Ho attraversato l'oceano in compagnia... iniziavano le coincidenze. E finalmente siamo arrivate; un altro continente, un altro paese e con esso esperienze, luoghi, persone, tutto è nuovo. Fu allora che mi resi conto di aver lasciato lontana la mia zona di confort, là dove le cose mi erano familiari, dove sapevo che le persone potevano aiutarmi; ora non avevo nulla di certo e non lo nego, all'inizio è stato difficile.

Prima di tutto c'è stata Madrid e il mio primo contatto con la Spagna. Ineffetti, con l'Europa. Che belli che sono stati quei cinque giorni: spostarsi con valigie che trasportavano la nostra vita, la prima serata fuori, attraversare la città alle 3:00 del mattino senza sapere esattamente come raggiungere la nostra destinazione, camminare, passeggiare, divertirsi così tanto da dimenticare l'ora, correre, correre, correre per raggiungere il treno che non mi aspettavo.

La vita sa come mostrarti il vero valore delle persone, ti rendi conto che per quanto tu ti trovi lontano da casa troverai persone che si trasformeranno nella tua famiglia. Persone a cui non importerà correre come pazzi, trasportare le tue valigie, cadere e nonostante ciò essere pronti a consolare il tuo dolore, accompagnarti il giorno dopo ed assicurasi che tu prenda il treno. Treno che mi ha portato verso il mio destino, certo, senza prima versare qualche lacrima. Piangerai, è inevitabile avere nostalgia, ma riderai anche come non hai mai fatto prima. In così pochi giorni mi era successo di tutto.

e-poi-donosti-68deff87d4fbf895787de29b1a

E poi arrivai a Donostia...

Donostia è arrivata a me come un onda travolgente, di quelle che senti arrivare, ma rimani immobile, perché vuoi bagnarti, inzupparti in quell'acqua gelida, così azzurra.

"Donostia sa di mare, tutta la costa, ognuna delle sue spiagge(1)perfino ogni granello di sabbia che spazzavo ogni giorno durante le pulizie di casa mia. Odora di alga e pesce, nel porto(2) dove sedevamo di solito a mangiare il gelato. "

Spiagge e luoghi principali

  1. Sicuramente il luogo più famoso di Donostia è la "Bahia de la Concha"(Baia della Conchiglia) e la sua famosa ringhiera. Perché puoi vivere la sensazione dell'immensità contenuta. Si, l'immensità del mare azzurro contenuto da quelle montagne verdi e l'isola al centro. Ed è per questo che è chiamata così, perché ha una forma identica ad una conchiglia.

    La ringhiera è un'icona di Donostia, e ha avuto un significato enorme per me, una volta all'anno, la ringhiera si trasforma in una sbarra per moltissimi ballerini di danza classica e dà spazio ad uno spettacolo bellissimo: una lezione di danza di fronte al mare.

    Questa ringhiera aveva (prima della sua ristrutturazione che è avvenuta proprio l'anno in cui sono stata a Donostia) una piccola particolarità, uno e uno solo dei suoi pezzi era al contrario, il fiore al centro della decorazione era rivolto verso il mare e non verso i passanti.

    e-poi-donosti-94775ec1ee474851f91bdb43f1

    La baia, lungo la sua spiaggia, oltre la ringhiera ha diversi edifici emblematici della città. Iniziamo da "el barco" (la nave) o il Real Club Nautico (che in realtà si chiama Gu), il Municipio, la giostra e il giardino Alderdi Eder. Poi c'è l'"Hotel Londres"(Hotel Londra) e più al centro si trova un complesso architettonico che comprende un bar "La Concha", una discoteca "Bataplán", un centro sportivo per talassoterapia e un ristorante chiamato "La Perla".

    Sotto a tutto questo ci sono delle volte, dove ci si può riparare dal sole durante il giorno e bere in compagnia la notte.

    e-poi-donosti-d3b67afef41f300b320f59ef07

    Nella spiaggia della Concha, ma più verso Miramar, si trova uno dei miei posti preferiti di Donostia, "la banca" (la panchina). In realtà sono due panchine di legno collocate di fronte al mare, dalle quali si può osservare il tempo di Donostia che cambia, tanto in cielo come in terra. Amavo contemplare la città da lì.

    e-poi-donosti-48b237a6e97515eaeef550d1be

    La Zurriola è la spiaggia dei giovani, dove puoi fare di tutto. Per me era un punto d'incontro, per giovare a pallavolo, provare a fare surf (si, provare), per fare un picnic, bere, raccogliere le conchiglie del mare o un posto dove semplicemente stare.

    e-poi-donosti-16297a5a57779878a3a84d4e9a

    I miei luoghi preferiti erano le rocce che dividono l'Urumea dal mare, quel muro antecedente al Kursaal dove ci mettevano a chiaccherare dopo il pitxo-pote e prima della festa.

    e-poi-donosti-d06a2f3c2b7765319ea2a2cfb0

    L'Ondarreta è una spiaggia un po' più familiare, ma questo non le toglie la sua peculiarità. È la più vicina all'Isola di Santa Clara, dove in estate si può fare stand up paddling e arrivare fino la spiaggia, anche a nuoto. In questa stagione la spiaggia si riempie anche di quelle particolari tende da sole "txuri-urdin" (bianche e blu).

    e-poi-donosti-93c37366a8a36d5d1d51bd38dd

  2. Il Porto senza dubbio è uno spazio di ritrovo, dove fare un tuffo dalle scale (dove anche se è proibito immergersi, tutti lo fanno), dove godersi il tramonto, mangiare qualcosa, dove ogni giorno prima della festa si fa il "botellón" (bere in compagnia). È a metà tra il Boulevard e la spiaggia della Concha, per cui, ci si passa di sicuro.

    e-poi-donosti-09848116602bb535a7a4509076

  3. Il Boulevard è tra le zone con più affluenza di gente, è dove ti incontri con i tuoi amici per andare al McDonalds (perché è l'unico in tutta la città) o nel suo bel chiosco. È dove si passa più spesso, perché collega Gros con la "Parte Vieja" (parte vecchia) e questa con la Concha.

    e-poi-donosti-a895d73f3c048c278a03fa0938

    Succede un po' lo stesso con la "Avenida Libertad", parallela a Boulevard. Lungo la via ci sono un'infinità di negozi e questa sbocca al "Paseo de la Concha" (Passeggiata della "Concha") o al Ponte di Santa Catalina. Se vai a fare compere a San Sebastián questa è una strada obbligatoria.

    e-poi-donosti-d8597b19c65cbfa737c9f5e62d

    In un punto a metà tra Boulevard e Avenida Libertad c'è la "Plaza Guipúzcoa" (piazza Guipúzcoa). Uno dei suoi edifici è il Consiglio Provinciale di Guipúzcoa, ma ciò che risalta di più nella piazza è la bellissima bandiera svolazzante dei Paesi Baschi. Il suo ambiente cambia molto a seconda delle stagioni, la mia versione preferita è la primavera, quando si possono vedere i cigni del laghetto; anche se l'autunno possiede le bellissima tonalità calde della chioma degli alberi.

    e-poi-donosti-803615084e010a2f1f399bd4c5

Clima e attività

"Donostia sembra immensa nel mio letto così grande e così piccolo comparato con la mia città di origine(1). È fredda, quando soffia il vento, umida quando le onde sono giganti, quando il txirimiri(3) scende, mi bagnava il viso e mi scombussolava i capelli. È calda quando esce il sole e incontravo i miei amici in spiaggia, quando uscivo per fare festa(4) "a tope" (alla grande). "

  1. Donostia è un chiaro esempio di come le cose migliori arrivano a piccole dosi. È una città piccola se si compara con Città del Messico (la mia città di origine), ma l'essere piccola la rende unica; puoi attraversarla in bicicletta e incluso a piedi, puoi godere della sua diversità di ambienti a tutte le ore del giorno, puoi cambiare bar tutte le volte che vuoi, puoi fare colazione, pranzare e cenare con una scelta gastronomica immensamente varia e squisita, puoi scalare le montagne, visitare le chiese ed i musei, puoi nuotare, fare surf o navigare in mare. Senza dubbio il fatto di essere piccola non significa non avere la possibilità di svolgere un infinità di attività.
  2. A Donostia senza alcun dubbio il vento soffia, e molto forte... ma questo permette che in città accadano momenti unici, come ad esempio fermarti ai piedi dei fori nel pavimento del "Peine del Viento" (Pettine del Vento) e ascoltare e sentire il vento in tutto il corpo. A febbraio si creano onde immense nel "Paseo Nuevo" che quando si scagliano contro gli scogli sono un piacere visivo e uditivo.

    e-poi-donosti-55d2aaefa602fdbb1b3121095b

  3. Qualcosa che ogni viaggiatore deve mettere nella valigia se vuole viaggiare a Donostia è un parasole resistente, forse meglio un impermeabile, in quanto a volte i parasole non sono abbastanza resistenti al vento e ogni volta che piove si possono trovare un infinità di parasole rotti abbandonati nei marciapiedi o nei cassonetti. Perché si, piove molto. Il "txirimiri"però è qualcosa di speciale... non è pioggia normale, è sottile, tranquilla, leggera. Questa quasi non bagna, ma spettina molto i capelli.

    e-poi-donosti-b69d3f25c8f6f0bc343fd23269

  4. Locali per tutti i gusti

  5. C'è da dire che per quanto la città sia piccola, trattandosi di una città spagnola ha di dovere bei posti dove fare festa. Ci sono locali per tutti i gusti. Da bar tranquilli dove sedersi a bere una birra Keler, un "kalimotxo", o una sangría; perfino discoteche dove ballare follemente.

    I miei posti preferiti erano:

    Gros

    • Ondarra: bar in cui si ritrovano molti surfers e luogo d'incontro dopo un bel "pintxo-pote".
    • Ondarra 16 bis: dopo aver bevuto un po' ad Ondarra se vuoi ballare, puoi scendere degli scalini stretti e trovare un bel ambiente. E per continuare, il giovedì di pintxo-pote potete trovare musica dal vivo.

    Parte Vieja

    • Calle San Juan de Bilbao (per noi: la strada basca): è una strada con molti bar che sono famosi per avere un atmosfera basca più tradizionale, ma dove si può trovare musica di ogni genere.
    • Belfast: per me, per molti, si tratta del miglior bar della Calle Bilbao. Mettono musica di ogni genere; reggaeton, salsa e musica in euskera; inclusa la hit dell'anno "Aldapan gora". È il luogo perfetto dove provare un "patxaran", bibita tipica dei Paesi Baschi.
    • Arkaizpe: è sempre aperto come bar ma la notte l'atmosfera diventa più da discoteca, era sempre un buon posto da dove iniziare la festa.
    • Iguana: gli erasmus si riuniscono obbligatoriamente lì, ma l'atmosfera è più rilassata. Qui puoi bere i migliori e più economici mojito di tutta Donostia.
    • e-poi-donosti-f5ba2ef6b04857d658786ca05e

    • Molly Malone: è uno dei bar di ritrovo per gli erasmus, forse perché si trova vicino a Bataplán, per i giovedì di karoke, per la musica o per ambientarsi in una notte di festa.
    • Bataplán: si tratta di una discoteca che ogni giovedì riunisce moltissimi studenti, sia del posto che erasmus, per ballare con la musica di moda. Ogni sabato ha una proposta diversa di DJ set che accenderà la notte. Senza contare che al Bata ci sono diversi tipi di festa ed ogni giorno è buono per divertirsi. E come se non bastasse, è situato in un posto perfetto: di fronte al mare, quasi a metà della Bahìa de la Concha.
    • e-poi-donosti-0dc7adea2cafea9d77fc07156e

    • Dabadaba: una discoteca più underground, con proposte musicali alternative, ma che ha tutto per rendere le serate del giovedì, venerdì e sabato le migliori. Inoltre ha un fantastica entrata; un corridoio con vari dipinti appesi alle pareti.
    • e-poi-donosti-90058ad1dc80a98dd3d65757e6

    • Victoria Eugenia: il venerdì l'entrata è libera, per cui quel giorno diventa una buona opzione dove andare a ballare.
    • Gu: è una discoteca un po' più fancy, per così dire. Anche se la sera è un bel posto per godersi il tramonto del sole, accompagnando quello spettacolo della natura con un bel bicchiere di vino.
    • Friends: questa discoteca ha un bel spazio, ma a volte manca l'atmosfera giusta. Dipende dall'allegria della gente e dall'età che hai.

    Antiguo

    • Platero: una bella birra (c'è da dire che le birre che servono qui sono deliziose), pintxo-pote o meno, sarà sempre una buona opzione.
    • Doka: nella zona di Antiguo, si trova il miglior luogo per le feste universitarie, e come in Calle Bilbao, l'atmosfera è più basca. La musica per ballare è molto varia, puoi trovare dalla bachata fino ad alla musica che nemmeno immagini ballare.

    e-poi-donosti-c458305da46fec3cdfef8b900a

Tradizioni e Festival

"Donosti si può ascoltare con i tamburi, "trikitixas" e "txalapartas"(1), in quelle feste basche che ci piace festeggiare; ma anche nella musica che ci accompagnava tutte le sere che uscivamo a ballare. Si ascolta nell'"euskera"(2), quella lingua unica che possiede un'incredibile storia, che cerchiamo di imparare. Si può ascoltare nelle voci familiari, anche se parlano in un'altra lingua(3), in tutte le storie condivise. Si può ascoltare anche nel silenzio di un nuovo giorno. "

  1. Scoprirai che la cultura basca è bellissima, e che, musicalmente parlando, non rimane indietro. I ritmi della musica tradizionale basca sono unici e grandiosi, di solito allegri, ti fanno venir voglia di ballare un bel aurresku. Senza dubbio un giorno pieno di musica è il 20 di gennaio.
    • La Tamborrada / San Sebastián (20 Gen): si, come suggerisce il nome si potranno ascoltare tamburi suonare a ritmo di marcia per 24 ore. Imparerai una canto peculiare "Sebastian bat bada zeruan Donosti bat bakarra munduan hura da santua ta hau da hierra horra zer den gure Donosti". Potrai ammirare la Plaza de la Constitución ("Piazza della Costituzione") affollata di gente e bere bevande basche tipiche senza alcun rimpianto. Senza dubbio si tratta di una delle migliori feste di Donostia, ma senza lasciare indietro altre festività della città.
    • e-poi-donosti-112c0a3119a0d3b773c7bc0659

    • Santo Tomás (21 Dic): Grande fiera che trasforma la città in un mercato, dove berrai sidro di mele fino a scoppiare, mangerai della deliziosa "txistorra", conoscerai un maiale gigante, vedrai come una città che di solito è tranquilla può affollarsi di gente e anche di bottiglie vuote di sidro di mele.
    • e-poi-donosti-fe0aa89d95c74dfb6c74444f50

    • Aste Nagusia / Semana Grande (11-19 Ago): senza dubbio la settimana più vivace di Donostia, ogni giorno l'agenda è piena di eventi, a partire dalla cannonata dell'artigliere maggiore. Ogni sera potrai godere di uno spettacolo di fuochi d'artificio che illuminerà la città, si tratta infatti di una vera e propria competizione pirotecnica.
    • e-poi-donosti-27aa701901adce6b65ef1288d3

      Fonte

    Parlando di feste non dimentichiamoci dei festival, tra i più conosciuti ci sono:

    • Zinamaldia (16-24 Set): l'incredibile festival del cinema. Durante i giorni del festival vari punti nella città si trasformano in sale cinematografiche che offro una amplia gamma di film. Anche se non avevo abbastanza denaro per assistere ai grandi eventi, sono riuscita a vedere alcuni tappeti rossi e senza rendermene conto, conoscere uno dei miei attori preferiti: Joseph Gordon-Levitt. Ho potuto apprezzare uno dei film nello spettacolare Kursaal. Senza dubbio ho visto quel film proprio nel momento giusto: "Ho iniziato a piangere prima del tempo, poi ho sentito la sala piangere e allora ho pianto di gusto. " il film era "A monster calls".
    • e-poi-donosti-c3599a587883a585b87340db94

    • Jazzalandia (20-25 Lug): Favoloso festival della musica jazz. Si tratta di cinque giorni in cui si distribuiscono in vari palcoscenici in giro per la città spettacoli jazz. Il palco verde di Heineken, nella Zurriola era il mio preferito, cosa chiedere di più? buona musica in spiaggia e la visuale della luce del Kursaal e delle onde del mare.

      e-poi-donosti-2b12f68128c187acb500e1b228

      Fonte

    La lingua

  2. Una delle cose che più mi ha impressionata e allo stesso tempo incantata è stata la lingua (oltre al castigliano e il francese) che si parla in "Euskal Herria" (Paesi Baschi): l'"euskera". Inizialmente, ho notato che tutti per salutarsi (andando via) non usano un semplice: "adiós" (usato come "ciao"), "a presto" o "bye" (che pronunciato allo stesso modo significa "si" in euskera: "bai", la gente si saluta con un bellissimo e melodico "agur"; questa parola, che all'inizio ti suonerà strana, poi non riuscirai a toglierla dal tuo vocabolario quotidiano (si, anche trovandoti in un paese in cui quasi nessuno parla euskera il tuo cervello ti spingerà a dire "agur"per salutare).

    Semplicemente mi ha sorpreso l'unicità delle loro parole. Ascoltavo ammaliata le loro conversazioni, leggevo le pubblicità in strada, ascoltavo la musica in euskera per individuare parole familiari. Era una sensazione fantastica riuscire a capire il significato di una parola e, relazionandola con il contesto dove l'avevo sentita tutto tornava, anche con parole composte. Mi sono così innamorata di questa lingua che stando a Donostia ho frequentato delle lezioni e anche ora che sono tornata in Messico continuo a studiarlo.

  3. e-poi-donosti-9e7dd83ff23092b64dd3b20583

  4. Donostia è sicuramente una hit del turismo, a partire da aprile la città inizia a riempirsi di turisti e la lingua che meno ascolterai in strada sarà il castigliano.

    Senza contare che anche durante l'anno nella città ci sono una considerevole (considerando le dimensioni della città) quantità di studenti erasmus da ogni parte del mondo, ma senza dubbio gli italiani, i tedeschi e i messicani sono in maggioranza. In ogni caso la lingua non importa, le storie sono quelle che davvero conservi.

I sapori

"Donostia in ogni momento ha un sapore differente, potrebbe essere dolce con il gelato(1) e la cioccolata milka(2) che mangiavamo, potrebbe anche avere il sapore dei migliori hamburger al formaggio philadelphia(3) o di un buon boccone di tortiglia con "txaka"(4)e perché non ai pintxos(5), o al percorso che facevamo ogni giorno. "

  1. I migliori gelati del mondo non li troverai in Italia, li troverai a Donostia. In realtà una delle cose di cui ho più nostalgia sono quei deliziosi gelati che mangiavamo anche se era freddo (finché le gelateria erano aperte, perché tendevano a chiuderle in inverno). Il fatto è che non si tratta solo di una gelateria, ce ne sono diverse che ti offrono molte varietà di gelato, con un sapore delizioso. A mio parere le migliori erano:
    • Boulevard: sono stati senza alcun dubbio per un po' i miei preferiti, erano così cremosi. Le mie combinazioni erano lampone/panna o cioccolato/frutti di bosco, cambiavo poche volte perché mi piacevano davvero molto, e anche cambiando gusti quei gelati erano la vita.
    • Oiartzun: deliziosi e non c'è opzione migliore se ti piacciono i gusti alla frutta. Meno cremosi e più freschi, adatti alle giornate d'estate.

    e-poi-donosti-06f535d9bad4f4426fe24f31c7

  2. Non mi ero mai resa conto di quanto mi piacesse la cioccolata finché non ho trovato la cioccolata Milka, perché anche se in Europa è molto comune, in Latinoamerica non lo è.

    Non c'era piacere più grande che godersi una buonissima tavoletta, che fosse guardando serie televisive o il tramonto.

  3. Anche se di solito non mangiavamo molto in giro per risparmiare soldi (a volte però cedevamo alla tentazione del "mangia e bevi" di Dominos e dei deliziosi kebap), da quando abbiamo scoperto Bideluze, una o più volte al mese ci concedevamo il piacere di mangiare un bel hamburguer al formaggio philadelphia con pomodoro e cipolla caramellata (numero 14 nel menù). Hanno una grande varietà di hamburger, bocatas, etc. come per il gelato, non potevo resistere a chiedere ogni volta la stessa cosa.

    e-poi-donosti-bf679eeef513ae5859e6593a76

  4. E per quella fame immensa che viene durante le lezioni non c'era scelta migliore che un bel boccone di tortiglia con txaka, dal Bar Campusche si trovava giusto accanto alla mia scuola.

    e-poi-donosti-d3546e038fe87993e005ff4440

  5. Era giovedì di "pintxo-pote". Quello che in principio pensavo fosse un unico bar, si è rivelato una forma di chiamare quello che si conosce come: per 2, 00€ chiedere un pintxo e un pote (qualsiasi bibita; birra, vino, sidro di mele, sangría, etc.. ) E da quando l'abbiamo scoperto era raro che mancassimo il giovedì al nostro giro (che si concentrava in Gros).

    e-poi-donosti-4fccdc770c06e64f88fb193020

    • Virua II: dove ordinavo sempre un buon pintxo al formaggio di capra caramellizzato con prosciutto crudo.
    • Kelly's: dove se arrivi presto puoi trovare un'incredibile varità di pintxos, inclusa quella piccola ma gustosa porzione di paella che puoi chiedere come pintxo, accompagnata da un bicchiere di lambrusco.
    • Utxori-bi: si trova accanto al mio supermercato preferito (Lidl). Ha i migliori mini hamburguer della storia, che si solito accompagnavo con della birra o del vino bianco.
    • e-poi-donosti-1a42d04e70049be605d48db716

    • B siete: dove probabilmente ho conosciuto il mio pintxo preferito (che quasi tutti i miei amici odiavano). Pan bebé messo in forma di croissant, con dentro del txaka. Dal mio punto di vista semplicemente delizioso.

    Arriviamo dunque nella zona in cui si sviluppa il pintxo-pote nella sua massima espressione: "Calle Zabaleta".

    • La Gaviota Bar(per noi: patate bar): hanno molti pintxos e certamente le deliziose porzioni di patate, che siano bravas (che per un messicano non sono piccanti), al alioli o con erbe (non sono sicura di cosa ci mettevano) erano deliziose. Questo posto ha solo uno svantaggio: è sempre troppo pieno.
    • Il bar accanto a La Gaviota (scusate non ho mai realmente saputo il nome dei bar dove andavamo a fare pintxo-pote, di fatto, ho trovato i nomi in google maps): di base vende dolci, ma rientra comunque nel pintxo-pote. La torta red velvet e i brownies sono deliziosi.

    E parlando di dessert e cibo... devo parlare sei seguenti posti, anche se non rientrano nel "pintxo-pote".

    • Antojitos: anche questo si trova in Gros, molto vicino a Zurriola. Vedono le torte più deliziose, dalla cheescake alla red velvet e cioccolate. Per me e i miei amici inizialmente erano una tentazione al ritorno dalla festa, passavamo davanti e ci attiravano molto, ma ovviamente era sempre chiuso a quell'ora. Un giorno abbiamo deciso andare all'ora adeguata, e non ce ne siamo pentiti.
    • e-poi-donosti-038b6d79854dad5573e24f6a23

    • Belgrado: È una caffetteria che offre un atmosfera confortevole e relax, con una vista bellissima dalle sue vetrate. Un caffè caldo e una bella torta erano la scelta giusta nei giorni freddi o nei giorni in cui ci riunivamo per fare i compiti.
    • e-poi-donosti-bf1169c477749b78d23b72088a

    • Québec Krep'Herria: nella Parte Vieja un'opzione per mangiare qualcosa di molto dolce e delizioso è questa crȇperia, dove oltre alle crȇpe vendono waffles e milkshake buonissimi.
    • La Mejillonería: passiamo dai dolci ai piatti di cozze, nel mio caso alle migliori patatas bravas in tutta Donostia; si tratta di una combinazione di due salse semplicemente succulente e hanno un sapore ancora migliore con una bella sangría. E un altro spuntino intramontabile era il bocata alla brava.
    • È stata una fortuna che nei miei primi giorni a Donosti, quando ancora non avevo affittato una stanza, il signore del mio albergo ("Pensión Aries", super raccomandato per la posizione, la comodità, il prezzo, i servizi e la migliore attenzione al cliente) abbia trovato la mia amica e me camminando per le strade della Parte Vieja, con molta fame e ci abbia portate quindi fino all'entrata della Mejillonería.

      e-poi-donosti-2933082fdc698efb3ad84fc5be

    • Juantxo taberna: ha le migliori bocatas; di tortiglia con txaka, di prosciutto cotto o di calamaro, sono semplicemente deliziose, enormi e sazianti.
    • e-poi-donosti-77a64e59298805f5d4ca32b228

    • Kizkurra: deliziose bocatas, veramente gustose. Tristemente, anche se si trovava molto vicino casa mia l'ho scoperto troppo tardi.

I colori

"Donostia è azzura(1), di un azzurro profondo, perché l'acqua, che sia inquieta o calma, rimane il riflesso di tutte le tonalità di una giornata di sole, quando mi godevo i tramonti(2) o di un giorno di pioggia, quando mi rannichiavo o mi inzuppavo. (3) Donostia sembrava brillare ogni alba e ogni tramonto. (4) È di colore verde perché ogni volta che salivo sulle montagne(5) potevo sentirmi a contato con la natura. È di colore marrone per le sue sculture(6) di acciaio arrugginito che contemplavo nei giorni tranquilli. "

  1. Se Donostia si riassumesse in un colore, sarebbe l'azzurro. E non solo per il mare, ma anche per la bandiera, lo stemma, la sua squadra.

    e-poi-donosti-e0357d375990b33a32e7668d37

  2. Un rituale che ogni persona che vive a Donostia fa in modo cosciente o senza rendersene conto è osservare il tramonto. In vita mia non ho visto tramonti più belli di quelli che ho visto in questa bellissima città. Perfino in inverno i colori si fanno notare.

    Secondo noi il punto migliore per osservare il tramonto era Sagües, è la zona alla fine della Zurriola, alle falde dell'Ulia, dove pochi turisti arrivano.

    Il muro a filo della spiaggia si riempie di persone che desiderano osservare il finale della giornata, quando se ne va il sole. Questo va a nascondersi dietro ad un orizzonte di solo mare. Durante un periodo dell'anno il sole si nasconde proprio accanto al Urgull, e tutto l'anno il mare lascia nella Zurriola scie d'acqua che servono da riflesso, che ci fanno apprezzare doppiamente lo spettacolo che ci offre il sole.

    Un'attività che per me era normale a Città del Messico, a Donostia riuscivo ad apprezzarla, qualsiasi cosa stessi facendo, anche correndo dopo la mia lezione di balletto; perché aveva così tanto significato ogni tramonto: un'altro giorno finiva, quindi un giorno in meno in quella città bellissima, ma scandiva anche l'inizio della notte, che era un'altra opportunità per godersela.

    e-poi-donosti-dbc91a4aefcc98e0b4fbf9c350

  3. Come ho detto prima, a Donostia piove, molto. Per cui inizi ad apprezzare la pioggia, che sia dalla finestra o decidendo di bagnarti, di rimanere completamente zuppa.
  4. Qualsiasi persona che non abbia potuto apprezzare un'alba o un tramonto a Donostia non può capire di cosa parlo, perché il sole fa davvero accendere la città, la fa brillare, in modo che quei colori caldi prendano vita. Persino con una foto non si riesce ad apprezzare quanto magnifica appaia la città grazie al sole.

    e-poi-donosti-ec905b3e2331e0faafbbf63980

Le montagne

Emblematiche a Donostia oltre alle spiagge, sono le montagne.

e-poi-donosti-ad34fb580b77aa9abcb37ba7a2

  • Monte Ulia: È la mia montagna preferita, in quanto, anche se dalla cima non si riesce a vedere tutta la Concha come dal monte Igueldo, è il monte più selvaggio e naturale rispetto agli altri due e perché per arrivare in cima bisogna marciare "aldapan gora" (in salita) e percorrere il cammino Ulia-Pasaia, (che avrei fatto volentieri più di due volte). La vista verso il mare aperto, le tonalità dell'acqua al confine con le rocce, le tonalità chiare delle rocce stesse, il verde intenso, gli acquedotti abbandonati in mezzo alla natura, raggiungere il Faro de la Plata e finalmente riposare contemplando la vista verso Pasaia, un esperienza unica. Percorrere Pasaia, dopo questa camminata è obbligatorio.
  • e-poi-donosti-2c03c63d35e759461059ab1342

  • Monte Urgull: in questo monte puoi trovare diversi modi per raggiungere la cima; per esempio percorrendo le scale di San Telmo, oppure le strade che stanno dietro Santa Maria, o le scale dell'Aquarium, perfino diversi percorsi da seguire a piedi. Arrivare in cima dove si innalza il Sagrado Corazón de Jesús ti permette di avere la vista completa sulla Concha e dall'altro lato la Zurriola.
  • e-poi-donosti-a553b5a9e1a854fbf6b89445e9

  • Isola di Santa Clara: pur essendo così piccola ha dei luoghi spettacolari. Ti permette avere altri punti di vista di Donostia; tra rocce che delineano la vista verso il mare aperto e le spiagge di Ondarreta e la Concha di fronte a noi, e da un lato il "Peine del Viento" (Pettine del Vento). Ci sono panchine dove puoi pranzare o semplicemente riposare. Dalla parte più selvaggia ci sono molti gabbiani quindi devi fare attenzione a non farti fare i loro bisogni addosso.
  • e-poi-donosti-7f2244cb0aa548e83d5e2681d8

  • Monte Igueldo: Secondo me è quello con le migliori viste di tutta Donostia, perché puoi apprezzarla nella sua totalità. A parte delle viste, si può trovare una Funicolare, che ti trasporta dalle falde della montagna ad un Parco di Divertimento, e anche se si può salire camminando, prendere la funicolare è molto comune a Donostia. Il Parco di Divertimento dispone di giochi per bambini e grandi; il "rio misterioso" (fiume misterioso) e la "Montaña Suiza" (montagna russa svizzera) sono i più conosciuti. Poi c'è il "Torreón"(la torretta), da dove puoi apprezzare la vista di entrambi i lati del monte; il lato della città e il lato selvaggio, con ancora più natura.
  • e-poi-donosti-81ae47c5701ab16d2f4e9c9578

Arte

La cultura di Donostia ha influenzato scultori meravigliosi come Chillida e Oteiza. Questi due scultori hanno regalato a Donostia due ulteriori icone:

  • "Peine del Viento" (pettine del vento): la scultura più emblematica di Donostia che è composta da tre pezzi di acciaio corten, ma più del suo materiale colpisce il modo in cui rimarca la linea del mare e il suo moto. È sicuramente uno dei miei posti preferiti nella città, proprio perché ti senti separata da questa e hai la sensazione che ci siate solo tu ed il mare. Questa scultura si può ammirare in una giornata di bassa marea, quando si può arrivare alle rocce sottostanti, in una giornata di forti onde quando la scultura oltre a pettinare il vento pettina anche le onde del mare, al mattino per vedere il sole uscire dall'Urgull o al tramonto per apprezzare le tonalità del cielo sfumate a quelle della scultura.
  • e-poi-donosti-caa59d71441939787833d845d7

  • "La Construcción Vacía" (La Costruzione Vuota): questa seconda scultura emblematica è fatta dello stesso materiale della prima (acciaio corten) e il modo in cui questo materiale fa risaltare l'azzurro del mare e del cielo è incredibile.
  • e-poi-donosti-16fcec734eee9166ee1e04a33c

  • "La Paloma de la Paz" (La Colomba della Pace): la terza scultura irrompe con il suo colore e da la sensazione di essere una cornice, la colomba è più una pietra miliare, che in cima all'Ulia segna la fine del cammino di Sagüés e ne apprezza tutti i magnifici tramonti.
  • e-poi-donosti-fd38eba63cedc77cde4b3aeafd

  • A proposito di elementi artistici nella città, nel tunnel di passaggio di Miramar è stato realizzato di recente un intervento artistico chiamato Miramart. Questo trasmette la sensazione di essere sott'acqua e di notte ha delle luci che ravvivano i colori, è davvero bello.
  • e-poi-donosti-68506ca8c5efec81941e306423

  • Allo stesso modo, l'intervento architettonico fatto nell'antica fabbrica di tabacco è un vero pezzo d'arte, oggi chiamato "Tabakalera". È uno spazio aperto e magnifico dedicato al richiamo dell'arte e la cultura con diverse aree dedicate, ha una biblioteca, una sala per le esposizioni, ma senza dubbio il mio posto preferito è la terrazza, che ti permette di osservare la città con il vento che ti arriva in viso.
  • e-poi-donosti-86f93f30980c5f0eb4d95feaa0

"Donostia per me è casa(1), anche stando a migliaia di kilometri dalla mia famiglia, Donostia mi accoglieva ogni volta che tornavo da un viaggio. "

  1. Prima di uscire da casa, non ho mai pensato di poter sentire un posto mio come sento mia Donostia. Ogni volta che viaggiavo sentivo una gran voglia di tornare e quando arrivano sentivo pace interiore, vedendo quei ponti che attraversano l'Urumea, i lampioni così caratteristici della città, mi facevano dire: "sono arrivata a casa". Dopo aver riposato dai viaggi era obbligatorio uscire a vedere il tramonto e sentire che semplicemente non c'era nessun altro posto nella terra nel quale avrei voluto essere, che lì.

    e-poi-donosti-db7175df4831ce4674c0250aea

Donostia mi ha fatto sorridere, perché ho conosciuto persone stupende che anche se venivano da lontano, ora sono vicine, sono la famiglia che ho scelto(1). "

  1. Allo stesso modo del mio concetto di casa, il mio concetto di amicizia è cambiato dopo Donostia. Non ho mai creduto che legami così forti si potessero formare in così poco tempo, ma il fatto è che durante il mio anno di erasmus non ho vissuto esperienze simili in vita mia, e sono quei momenti che ti vincolano per sempre ai tuoi amici. Ringrazio ognuna delle persone che ho conosciuto durante il mio soggiorno a Donostia, perché ognuna di loro ha piantato un semino dentro di me che cresce con amore e affetto. Grazie per ognuna delle conversazioni, ogni gioco, ogni viaggio, per ogni lezione, ogni ballo, ogni festa, ogni notte, per ogni momento vissuto insieme.

    Ho ripetuto molte volte che Donostia si può descrivere con la montagna (Igueldo), la scultura (Peine del Viento), la spiaggia (Ondarreta), l'isola (Santa Clara), la spiaggia (la Concha), la scultura (Construcción Vacía), la montagna (Urgull), la spiaggia (Zurriola), la scultura (Paloma de la Paz), la montagna (Ulia); ma ho ben chiaro che questo non significa nulla, sono cosciente del fatto che anche con più di 2. 000 caratteri non riuscirei a contenere la vera essenza di Donostia.

    e-poi-donosti-d2a79fd5eaff3226bc2841a793

    Donostia si deve vivere, per poter captare i suoi migliori momenti, ma non ci saranno mai le parole adatte a descrivere la bellezza di questa città.

"Donostia è il mare, la montagna, la spiaggia, la cultura... è il mio posto nel mondo. "

e-poi-donosti-a6f7407ae6d005b96244758c7d

L'anno che ho trascorso a Donostia mi ha fatto innamorare completamente della città. Quando sono andata via dal Messico avevo chiaro quando sarei tornata. Andandomene da Donostia il momento del mio ritorno è molto incerto, ma farò di tutto per poter tornare in quel bellissimo posto.

"Donosti da nirea... laster arte! "

(Donostia è mia... a presto! )

e-poi-donosti-010ad3c7903934cf374735410f


Galleria foto



Contenuto disponibile in altre lingue

Condividi la tua esperienza Erasmus su San Sebastian!

Se conosci San Sebastian come abitante nativo, viaggiatore o studente in scambio... condividi la tua opinione su San Sebastian! Vota le varie caratteristiche e condividi la tua esperienza.

Commenti (0 commenti)



Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!