Pola: mare, cibo e uno degli anfiteatri più grandi d'Europa | Blog Erasmus Pola, Croazia
Advertise here

Pola: mare, cibo e uno degli anfiteatri più grandi d'Europa

Ciao a tutti! Oggi voglio parlarvi di una città speciale: Pola, uno dei luoghi più incredibili in cui sia stata recentemente, al pari di Les Clanques, in Francia.

Ce ne siamo andati da Bratislava un giovedì in macchina, approfittando del fatto che fosse festa. Ci siamo presi il venerdì libero e così ci siamo goduti il fine settimana e abbiamo potuto vedere i luoghi più importanti in 4 giorni. In questo articolo vi parlerò solo di Pola: di cosa visitare, dove mangiare e delle mie impressioni. Invece, in un altro post vi parlerò delle spiagge e della natura. Che abbia inizio il post!

1. Il monumento più bello della città è il suo anfiteatro. È uno dei più grandi d'Europa. Io non sono stata a Roma ma credo che sia bello tanto quanto il Colosseo. L'orario migliore per visitarlo è intorno alle 19:00 perché non ci sono tanti turisti e il caldo non è così intenso. L'altra opzione è andarci molto presto la mattina. Per entrare, dovete sapere che non accettano gli euro (ovviamente), ma si può pagare con la carta. Se siete studenti, avrete uno sconto. Il prezzo per entrare è di circa 4 €. Quando ci siamo andati noi, l'anfiteatro era allestito per uno spettacolo di luci (che durava due settimane), con gradinate, platea, riflettori e casse. Ci ricordava molto Il Gladiatore e così non smettevamo di ripetere frasi celebri del film.

pula-mar-comida-anfiteatros-mas-grandes-

pula-mar-comida-anfiteatros-mas-grandes-

2. A Pola ci sono molti edifici dell'epoca romana. Oltre all'anfiteatro, potrete vedere il Tempio di Apollo, particolare per i suoi capitelli corinzi (eccomi, cercando di mettere in pratica le mie conoscenze di Storia dell'Arte). Il Tempio fu distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale, ma venne ristrutturato più tardi. È il protagonista di una piazza piena di ristoranti e negozi, in cui dei ballerini si esibiscono durante la sera per guadagnare qualcosa.

3. Lì vicino si trova l'Arco dei Sergi, anch'esso di epoca romana. Esso è in contrasto con il resto degli edifici che lo circondano e che sono in stile contemporaneo, come vedete dalla foto. La piazzetta in cui si trova ha molto fascino ed è circondata da ristoranti, gelaterie e negozietti. Quando ci siamo andati noi, era piena di musicisti che suonavano e si respirava un'atmosfera davvero speciale.

pula-mar-comida-anfiteatros-mas-grandes-

4. Passeggiare per le sue vie è indispensabile. Tutte sono particolari, incantevoli e ricordano un po' l'Italia. Infatti, a Pola si promuove molto la cultura italiana. C'erano bandiere tricolore ovunque, menù con i piatti tipici della penisola e addirittura sentivamo le persone parlare italiano per strada. Ovviamente ciò non significa che non valorizzino anche la cultura croata. Erano molti i negozi che vendevano bandiere croate e addirittura le magliette dei giocatori della Nazionale di calcio. Si stava giocando il Mondiale e tutti avevano i nervi a fior di pelle. Nei bar trasmettevano la partita contro la Russia e tutte le macchine sventolavano la bandiera croata. Gli abitanti di Pola, dal canto loro, indossavano la maglietta del proprio giocatore preferito. Quella notte la Croazia ha vinto contro la Russia, accedendo alle semifinali: era da 20 anni che non succedeva. Così, abbiamo iniziato a sentire baldoria, petardi e fuochi artificiali per celebrare la vittoria. È stato un miracolo riuscire a dormire perché il nostro appartamento si trovava in centro, ma alla fine ce l'abbiamo fatta.

Ad ogni modo, le vie sono molto pittoresche e piene di persone, ma non al punto da rendere impossibile fare una passeggiata piacevole. Ci sono tanti negozi, alcuni più speciali di altri. Ce n'era uno che mi piaceva particolarmente in cui vendevano borse fatte a mano, ma erano un po' costose. In altri, invece, si potevano comprare souvenir e c'erano anche bancherelle per strada. In centro si trovano ristoranti in cui abbondano i piatti a base di frutti di mare (ma attenzione! A volte sono bastoncini di granchio), così come gelaterie e negozi di caramelle, che ci hanno colpiti.

Un punto importante riguarda i negozi di cambio valuta. Noi abbiamo avuto fortuna perché ne abbiamo trovato uno in cui le commissioni erano basse. Si trova in centro, vicino all'Arco dei Sergi. Ce ne sono molti in realtà, anche prima di arrivare a Pola, ma non lasciatevi abbindolare.

5. Osservate nei particolari l'architettura delle case. Sono edifici vecchi ma molto belli, pieni di vetrate e scuri di diversi colori. Molti hanno dei balconi decorati con vasi di fiori, che caratterizzano tutta la città. Ci sono molti vicoletti, vedrete che farete dei giretti per il centro e tornerete sempre al punto di partenza.

pula-mar-comida-anfiteatros-mas-grandes-

pula-mar-comida-anfiteatros-mas-grandes-

6. Passeggiate nella zona del porto, se possibile fatelo la mattina presto o verso la sera, per non morire di caldo. Se passerete per questa zona, vedrete che le gru che servono per alzare le barche sono illuminate di diversi colori. A volte sono di colori a caso, che cambiano ogni qualche minuto. Ma la notte della partita di calcio erano dei colori della bandiera croata: rosso, azzurro e bianco.

È importante che sappiate che al porto non ci sono spiagge per fare il bagno, bisogna camminare circa 30 minuti per trovarne una. Però sì, ci sono barchette che vi portano verso diversi punti della penisola o ad altre isole e parchi naturali.

7. Godetevi il cibo. A Pola ci sono moltissimi ristoranti, ma tutti con la stessa offerta di cibo: pizza, pasta e frutti di mare. Il primo giorno siamo andati al Kantina. È costoso, non lo nego (fanno pagare il coperto), ma il cibo è davvero squisito. Noi abbiamo ordinato un'insalata di polipo e calamari. In più, ci hanno aggiunto un formaggio con il tartufo, che è tipico della zona e mmmm che buono che era!

pula-mar-comida-anfiteatros-mas-grandes-

pula-mar-comida-anfiteatros-mas-grandes-

Il secondo giorno siamo andati in un locale più economico, ma non per questo abbiamo mangiato meno bene. Abbiamo assaggiato la pizza della pizzeria più famosa della città, che si trovava a 3 minuti dall'appartamento. Si chiama Pizzeria Jupiter e le pizze lì sono squisite. Io ho ordinato una "Jupiter", con carciofi e prosciutto crudo: squisita! Alla fine abbiamo speso 6 € a testa e ci è piaciuto così tanto che il giorno dopo ci siamo tornati. Quel giorno avevamo voglia di un dolce e così abbiamo ordinato un pancake ripieno di nutella e cookies. Era talmente grande che l'abbiamo mangiato in 4. Se lo dovesse mangiare una persona sola sarebbe come una portata principale, sicuramente non un dolce. In più è costato poco, 4 € su per giù. Il cameriere ha insistito affinché lo chiamassimo pancake e non crêpe. Giuro, sembrava offeso ogni volta che lo chiamavamo per sbaglio "crêpe". Comunque vi consiglio anche questo ristorante.

pula-mar-comida-anfiteatros-mas-grandes-

8. Parcheggio. Secondo quello che ci avevano detto, pensavamo che parcheggiare sarebbe stato impossibile. In realtà, ci sono solo 3 parcheggi gratuiti e gli altri sono a pagamento. Durante tutto il nostro soggiorno, però, abbiamo lasciato la macchina in una specie di vicolo cieco, senza pagare, accanto ad altre macchine. Si trovava ad 8 minuti a piedi dall'Anfiteatro, perciò era perfetto. Il segreto è spostarsi un po' dal centro. Tutti vogliono parcheggiare davanti all'Anfiteatro, ma è impossibile e soprattutto bisogna pagare. La cosa migliore è camminare un po', anche se non si parcheggia proprio nel centro. In questo modo si risparmia abbastanza. Se ci pensate, noi avremmo speso 11 € al giorno per parcheggiare la macchina in una zona privata che ci offriva il proprietario di casa.

9. I paesi dei dintorni di Pola. Pola è ben collegata agli altri paesi dell'Istria, come Rovigno o Parenzo. Il pedaggio per raggiungerli non è affatto caro, non potrebbe andare meglio. Quando ci siamo andati, non c'era neanche tanto traffico. Rovigno ci è piaciuto molto, è un paesino della costa con viette strette, piene di gelaterie, ristoranti e case con scuri tutti colorati. Nella parte più alta, c'è una Basilica. Da lì il panorama con vista mare, sull'isola che si trova di fronte, è pazzesco! C'era un mercato in cui vendevano soprattutto tartufi, all'interno di contenitori piccoli, e lavanda. Rovigno dispone di una zona in cui fare il bagno. Si tratta di piscine naturali, con scale sulle rocce per scendere e alcune che formano delle circonferenze sotto forma di piscine di acqua di mare. C'erano molte persone il giorno in cui le abbiamo viste. Tuttavia, anche se ci sarebbe piaciuto, non ci siamo fatti il bagno perché eravamo stati tutto il giorno in spiaggia. Per parcheggiare a Rovigno abbiamo dovuto pagare, ma non era molto costoso. Da Pola dista 40 minuti, quindi vale la pena andarci! Molti lo considerano il paese più bello della Croazia. La città è piena di dettagli da non perdere. È molto suggestiva, per rendere l'idea.

pula-mar-comida-anfiteatros-mas-grandes-

pula-mar-comida-anfiteatros-mas-grandes-

In generale, per concludere, Pola ci è piaciuta molto. Con tutti quegli elementi e edifici romani, è unica! In più, si trova accanto al mare, il che le fa guadagnare punti in più. Vivendo in Slovacchia, è qualcosa che ci manca tantissimo. Così, sapere di avere il mare vicino è un sollievo al 100 %. Nonostante il centro sia un luogo molto frequentato, non è per niente claustrofobico o fastidioso farci una passeggiata. Anzi, le persone creano un'atmosfera molto vivace in cui turisti e gente del posto si mescolano. Ci è piaciuta così tanto che penso che un giorno ci tornerò.

pula-mar-comida-anfiteatros-mas-grandes-

Qui concludo il mio articolo di oggi! Se vi è piaciuto, vi assicuro che l'articolo successivo sarà ancora meglio perché riguarderà la natura e le spiagge di Pola, che sono il meglio del meglio che ha da offrire. Il nostro viaggio in Croazia si è concentrato su questi aspetti quindi sono piena di informazioni da darvi e di luoghi da mostrarvi. Senza dubbio è stata la parte più bella del nostro viaggio! Ci vediamo presto e grazie a voi, fedeli lettori che arrivate alla fine dei miei post.


Galleria foto



Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!

Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!