Advertise here

In vacanza a Parma #3

Questa storia è una continuazione della "Vita in transito #2.5" situato nella categoria "Esperienze". È conclusa quando il mio amico che l'ho incontrai mentre era in Erasmus in Australia, venne a prendermi dalla stazione verso alle 23. Venne a prendermi in macchina e scoppiammo subito in chiacchere. Sembrava che avessimo lanciato un paio di Molotov in un pozzo petrolifero.

Aggiornamento

Quando eravamo in Australia, siamo diventati amici molto legati perché avevamo tante cose in comune. Siamo due chiaccheroni, rilassati e sempre pronti ad andare in giro. Mentre ci aggiornavamo, mi portò in giro a Parma. Ero rimasto stupito dalla bellezza dell' architettura. Non avevo nessuna aspettativa in particolare perché non mi sono mai immaginato di visitare questa città fino ad oggi.

Dopo aver girato per mezz'ora, siamo finalmente arrivati a casa sua. Il suo quartiere era molto pulito e verde. La zona era praticamente piena di giardinetti, parchi e boschi. Abitava in un complesso con quattro edifici alti. Andammo verso l'ascensore e uscì uno dei suoi vicini che stava andando a spasso con il suo cane. Parlarono veocissimamente in Italiano. Dato che parlo lo spagnolo quasi perfettamente, riuscì a capire di cosa parlavano. Ma ero sommerso dalla quantità di parole che dicevano. Nonostante ciò, l'italiano è una lingua molto vivace e piena di vita. Dopo il loro scambio veloce, ma condensato, gli abbiamo detto ciao e siamo saliti sull'acensore....

La prima sera era tranquilla, incontrai la sua famiglia, chiaccherammo per un po' e poi mi addormentai dopo un viaggio lungo. Il mio amico mi promise che sarebbero successe tante cose belle nei prossimi giorni.

Ci svegliammo presto la mattina per cominciare la giornata intera. Ci facemmo la doccia, mettemmo dell'acqua in borsa e andammo nella pasticceria più vicina. Comprammo dei dessert locali deliziosi e anche del cheesecake per colazione. Il programma di oggi era di esplorare i monumenti della città, la piazza principale e il centro storico.

Esplorazione della città

Guidammo da casa sua sotto un cielo blu limpido. Dal momento che ho cominciato a viaggiare, il meteo estivo fu favorevole. Non è facile trovare parcheggio durante la settimana, dopo aver girato per un po', abbiamo finalmente trovato un posto. Cominciammo a passeggiare nella città sul pavimento acciottolato in pietre che irradia la storia. Mi immmaginai mille anni fa quando gli eserciti romani passarono questa città e quando i nobiluomini e i contadini andavano via. E a pensare quanto siamo avanzati. Non riesco a smettere di pensare a questi contesti storici. Aggiunge un elemento di divertimento a tutto il processo. Dopo aver caminato per ancora un po', abbiamo finalmente completato la nostra pima sosta.

Teatro Farnese

Abbiamo cominciato a visitare il Teatro Farnese. Mi innamorai subito. L'esterno presenta una struttura spettacolare, ma la vera bellezza si trova all'interno. Era ispirante osservare questa stanza grande con la progettazione interna in legno e pietre. Immaginate questo posto affollato e tutto incasinato. Salimmo e scendemmo dalle scale, esplorammo il posto un po' di più e sentì la storia e bellezza di questo posto.

Dopo feci una ricerca e devo ammetterche le foto online di questo posto non sono giuste. Vi consiglio di visitare questo posto per prima se venite mai a Parma. Fa anche parte della Galleria Nazionale e merita essere visitata.

Questo posto mi è rimasto fissato in testa. Ma, non mi ricordo la cronologia delle visite e eventi successivi perché vedemmo talmente tante cose, infatti mio padre mi fa degli scherzi dispettosi sulla mia memoria.

Ad un certo punto entrammo in un paio di vicoli e vedemmo molti negozi piccoli che vendevano libri usati e panetterie con il sapore più straordinario immaginabile. La città di Parma è un posto ottimo per perdersi e godersi ciò che offre.

Battistero di Parma VS Basilica di Santa Maria della Steccata

Durante la nostra guida programmata che pian pianino si trasformò in una passeggiata a caso con l'obbiettivo di trovare cose interessanti, scoprimmo questa bellezza. L'architettura era straordinaria. Vidi pochi edifici simili a questo. Era affacciato ad un'area grande aperta vicino alla Basilica di Santa Maria della Steccata. La maggior parte delle volte, quando un monumento è vicino ad un altro, lo oscura. Ma in questo caso, entrambi erano al centro dell'attenzione.

Malgrado abbia scritto VS sul titolo, non c'è nessuna confrontazione. Ciascuno ha la sua propria storia unica, architettura e maestosità. Sarebbe una gaffe confrontarli.

holiday-la-parma-e116bb69b999ae68ba719ed

(Fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/Sanctuary_of_Santa_Maria_della_Steccata)

L'interno della Basilica di Santa Maria era incredibile. Non sono riuscito a vedere bene l'esterno per farmi un'idea di quanto grande potrebbe essere il posto, ma era molto più di quanto me l'aspettavo. C'erano libri di centinaia di anni fa, mosaichi di vetro, piedistalli dove salivano i preti sei secoli fa e la lista continua. Il posto era gigante e c'erano molte cose, quindi siamo rimasti quaranta minuti nella Basilica.

holiday-la-parma-37406e36daa0a0ce2e2973a

(Fonte: http://www.travelandleisure.com/trip-ideas/bertazzoni-parma)

Tratorria

Abbiamo deciso di prendere una pausa e mangiare una merendina. Gli ho proposto di andare in un ristorante piccolo vicino, così potevo mettere una crocetta sulla mia lista dei cibi culturali. Andammo in un ristorante isolato in zona a conduzione familiare, in un posto dove prevedibilmente il mio amico aveva dei buoni rapporti. Mentre il mio amico e il proprietario (che lavorava come cameriere) chiaccheravano allegramente in italiano, mi immersi nell'atmosfera del posto. Era un ristorante piccolo con solo cinque tavoli. I muri erano coperti di foto della famiglia e dei bambini quando erano piccoli. C'erano dei ritratti in bianco e nero un po' dappertutto e c'era una chitarra acustica antica posata in angolo.

Era un bel posto accogliente da visitare. Il mio amico mi spiegò che Parma conservò molti dei suoi ristoranti a conduzione familiare. Ero molto contento di imparare questa novità perché ero abituata alle stesse catene e ristoranti che cambiavano manager nel giro di pochi mesi. Questo tipo di ristorante fornì un senso di familiarità, sopratutto ai clienti regolari che gli conoscevano bene. Ordinammo un vassoio con diversi tipi di carne, formaggi e salse. Una delle salse strane che ci hanno dato era con il lardo. Non ero abituato a mangiare lardo, nemmeno come salsa.

Ma ero pronto ad assaggiare dei nuovi piatti e potevo garantirvelo. L'ho aggiunto nella carne. Sicuramente non era l'ultima volta che mangiai a Parma. Il nostro vassoio ci ha fatto saziare. Ci avevano dato un dessert in omaggio per completare il nostro pasto. Un piatto di Bruttiboni. Il proprietario e il mio amico ci spiegarono che non era un dessert locale ed è originale del centro Italia. Il proprietario mi raccontò con entusiasmo in un inglese stentato che si trasferì in Centro Italia (in una città piccola che non mi ricordo più) quando era giovane per abitare con sua zia prima di tornare un paio di anni dopo, quando era più grande, a casa dei suoi genitori a Parma. Ve gli consiglio.

Dopo il nostro pasto saziante, abbiamo deciso di camminare verso la piazza principale. Mi ricordai di nuovo della bellezza dell'architettura. Ho subito capito che i parmigiani erano benestanti per permettersi di avere queste statue ed edifici meravigliosi.

Finalmente raggiungemmo la piazza principale soleggiata e decidemmo di sederci per un po'. Da lontano si vedeva la statua di Giuseppe Garibaldi, l'uomo che aiutò ad unire l'Italia conosciuta oggi.

Cittadella di Parma

Decidemmo di trascorrere il resto della giornata nell'area ampia di Cittadella di Parma. Prima di entrare, c'è un ponte che vi dirige verso l'ingresso della Cittadina in pietra costruita a mano accuratamente. Il ponte vi fa passare sopra al fossato vuoto che fu una volta usato per difesa. Passando questa entrata storica dove passarono molti uomini forti e contadini, vedete i resti della Cittadella. Era stato costruito per difendere i suoi abitanti. Ma poi fu convertito in una caserma, una prigione politica e in un posto per applicare la pena di morte fino al 20esimo secolo quando fu cambiato in un giardino.

È una zona di jogging adesso. Non è rimasto molto, a parte i cumuli nei dintorni dove gli arcieri e altri difensori sarebbero stati posizionati. Camminammo attorno alla zona dove c'erano molti alberi sparsi e tanti spazi verdi, era un'area molto serena dato che non c'erano molte persone a quell'ora. C'erano anche dei parchi di avventura non più usati come le giostre a cavalli.

Il mio amico salutò molte altre persone che conosceva che facevano esercizio sul prato, altre chiacchere in italiano che non riuscivo a capirle del tutto. Abbiamo fatto un giretto all'interno della Cittadella prima di completare la nostra gita e andare verso la macchina.

Cibo a casa

Quando siamo tornati a casa, siamo stati accolti da un bel tavolo pieno di cibo. Il padre del mio amico ci cucinò un pasto semplice ma straordinario. Dopo avergli detto che amo il Parmigiano Reggiano, il padre decise di preparare la pasta con il Parmigiano Reggiano e aglio. Mi raccontò di aver comprato il formaggio migliore per la pasta che può essere trovato in zona. Entrambi abbiamo mangiato una quantità abbondante. Aveva un gusto naturale pieno di sapore, molto meglio della maggior parte delle paste che abbia mai mangiato, sebbene abbia usato pochi ingredienti. Mi spiegò che gli ingredienti erano di buona qualità e rappresentano il gusto principale anziché le spezie e erbe diverse.

Dopo un pranzo delizioso, il mio amico mi raccontò che in Italia si mangiano due pasti per pranzo. All'inizio mi spaventai. Era come se fossi morto e andai in paradiso. Mi mangiai un'altra porzione abbondante senza esitazione. Non volevo "offendere" i miei ospiti. Dopo aver mangiato due piatti, rimasi assonnato al mio posto. Ho vinto la mia prima prova italiana.

Però ho subito scoperto che non era la fine. Ho sentito spesso dire che dopo un pasto abbondante gli italiani bevono vino per digerire. A questo punto ho pensato che gli italiani soffrono di alcolismo. Nonostante ciò ho deciso di provarlo perché avevo promesso di essere pronto a provare i cibi tradizionali.

Non era un'esperienza molto piacevole. Era tipo bere uno shot di vodka molto saporito. Non penso di riprovare questa tradizione. Nonostante ciò era un'esperienza molto divertente. Dopo il pasto abbiamo bevuto del caffé e chiaccherato per un po'. Ora conosco meglio la cucina tradizionale italiana, per esempio ho imparato del vino per digerire e degli aperitivi.

Poi abbiamo fatto un pisolino dopo un pasto così abbondante. Abbiamo trascorso il resto della serata a parlare e fare il programma per il giorno dopo. Siamo andati a letto presto e abbiamo programmato diverse attività divertenti per il giorno dopo.

Ci svegliammo presto la mattina, ci facemmo la doccia, indossammo il costume da bagno e ci preparammo per l'avventura anticipata. Salimmo in macchina mentre il sole cominciava a sorgere e andammo nella pasticceria più vicina per colazione. La pasticceria era piena di gente che andava a lavorare la mattina presto. Dovevamo cominciare la nostrra giornata presto perché la nostra destinazione era circa un' ora e mezza di distanza. Oggi, la nostra destinazione è La Spezia.

La Spezia

Questa città si trova nel nord-ovest dell'Italia. È vicino al mare, a Genova e a Pisa. Eravamo fortunati che c'era sole durante il nostro tragitto. Il paesaggio era bellissimo, c'erano tanti spazi verdi e certi posti sembravano aridi. È sempre meglio avere una macchina o un amico che guida quando si viaggia. È vero che si può viaggiare e visitare i luoghi storici in taxi o in bus, ma per apprezzare bene il paese, bisogna vedere anche le aree locali. Godetevi viaggiare tra le città piccole e i parchi nazionali.

Dopo il lungo viaggio scenico, siamo finalmente giunti a destinazione. La città era pericolosamente ripida. Se un autista inesperto guiderebbe in questa città, sverrebbe. Ma il mio amico riuscì a guidare in tutte le stradine e curve senza problemi. Grazie alla ripidezza della città, il mare lo si vede dall'alto. Ci siamo stati venti minuti per trovare un posteggio. Abbiamo girato per trovare un parcheggio libero perché quelli regolari costano tanto per poter approfittare dal flusso dei turisti e dalle persone locali che vanno in spiaggia.

holiday-la-parma-2207c85b1dfe28fb329194f

(Fonte:https://www.bellaitaliatour.com/tours/cinqueterre-pisa-shoreexcursion-from-laspezia/)

Trekking

Dopo aver parcheggiato, siamo scesi dal sentiero ripido e lungo. Siamo passati molte casette, tanti sembravano essere costruiti all'inizio del 20esimo secolo. Camminando abbiamo incontrato una famiglia piccola dalla Colombia. Ci hanno chiesto in inglese se sapevamo come andare in spiaggia. Entrambi parliamo lo spagnolo e quindi gli abbiamo risposto nella loro madrelingua. Erano contenti, sopratutto perché avevano incontrato un'altrio spagnolo (anche se sono solo metà spagnolo).

Gli abbiamo detto di seguirci dato che anche noi andavamo in spiaggia. Abbiamo passato una decina di minuti a parlare delle loro avventure e della loro famiglia. Erano stati in Spagna e in Portogallo, e stavano concludendo la loro vacanza estiva in Italia. Lo trovo interessante scoprire le storie delle persone provenienti da tutte le parti del mondo.

Dopo una camminata pericolosa, siamo finalmente arrivati in spiaggia. Gli abbiamo detto arrivederci e siamo andatti sulla sabbia. La spiaggia era meravigliosa. Era un'area stretta che sembrava una baia piccola. Il posto era circondato da rocce seghettate che sporgevano per un paio di metri in aria.

Abbiamo tirato fuori i nostri teli da mare e gli abbiamo stesi sulla spiaggia affollata. Poi abbiamo fatto un tuffo in acqua. L'acqua era pulitissima. E il clima era mite. Ho fatto un paio di giretti visto che non avevo nuotato da mesi. Era un bel sentimento. Quando nuoti e guardi la spiaggia, ti rendi conto di quanto belle siano le spiagge della Spezia.

Il mio amico mi raccontò che molte spiagge qui erano molto simili a causa della natura montagnosa della regione. Dopo aver nuotato, decisi di tornare in spiaggia e abbronzarmi sotto al bellissimo sole di agosto. Avevo un po' di fame e chiesi al mio amico se c'era un posto dove potevamo prendere una merendina. Qualcosa di "italiano" dato che mi piacciono provare diversi cibi tanto quanto vedere nuovi posti.

Alla ricerca di uno spuntino in Spezia

Il mio amico pensa che uno spuntino contenente carboidrati, è leggero. Ma è la porzione il problema. Abbiamo preso le nostre cose e siamo andati nella strada più vicina a cercare se c'era una pasticceria. Dopo cinque minuti e un altro vicolo, abbiamo trovato una pasticceria piccola gestita da una signora anziana simpatica. Appena entrati, il mio amico ordinò una Focaccia senza esitazione.

Visto che non ho mai visitato l'Italia e non ho mai mangiato cibo italiano a parte quello fatto in casa e quello dai ristoranti e pizzerie, non mi aspettavo granché. Quando ero in Australia, ho lavorato in un ristorante italiano per un po' dove vendevano focaccce. Non mi aspettavo quello che stavamo per ricevere. La signora andò dietro alla porta e tornò con due focacce grandi rettangolari. Ero scioccato, non sapevo cosa fare. Mi sentivo come se avessi comprato una focaccia quadrata e la mangiai senza niente. Ma la differenza era esponenziale.

C'era un po' di olio d'oliva e sale sulla focaccia. Il gusto era sublime. Amo i cibi che prendono il loro sapore dagli ingrediente principali e non quelli con troppo sale, spezie e pieni di un ingrediente come l'aglio o formaggio per renderli commestibili. Questo pane così semplice aveva più gusto degli altri panini che abbia mai mangiato. Era unico e lo aggiunsi sulla mia lista dei cibi nuovi assaggiati.

Eravamo soddisfatti del nostro acquisto, siamo tornati in spiaggia con le nostre focacce in mano. Abbiamo trascorso le prossime ore sotto al sole, nuotando e parlando con il mio amico. Dopo un po' la spiaggia si affollò di più.

Una cosa che mi è piaciuto di più in questo posto è che mentre camminavo sulla spiaggia, sentivo la gente parlare solo in italiano. Io e la famiglia colombiana eravamo probabilmente gli unici turisti in zona. Era un piacere essere nel posto preferito dei residenti senza la pressione sovra-turistica causata dai compagni di viaggio infiniti che affollano diverse aree. È brutto vedere certi posti dove ci sono più turisti che residenti della zona. Questo mi rovina l'esperienza del viaggio. Per godermi un paese straniero e avere una bella esperienza, devo mangiare il loro cibo tradizionale (lontano dai ristoranti occupati dai turisti), parlare con le persone del posto, andare nei bar e nei posti dove vanno le persone che abita la.

La cucina a tema medievale

Decidemmo di pranzare verso mezzogiorno. Il posto dove decidemmo di andarci era speciale. Il mio amico ha lodato la qualità del ristorante più di una volta qualche settimana prima della visita (dato che insistivo di voler mangiare il vero cibo italiano). Sfortunatamnte, non mi ricordo il nome del ristorante e nemmeno il nome della città. Ci sono due motivi per questo. Innanzitutto, il mio amico non me l'ha detto e la città e il ristorante dove abbiamo mangiato non indicavano nessun nome. Era un posto molto discreto.

Era a quaranta minuti in macchina da Parma. È una piccola città medievale situata in campagna a Parma, nelle zone non frequentate. . La strada era davvero ripida e stretta. Ovviamente, il mio amico, essendo un esperto in manovre, non ha avuto nessun problema. Dopo circa un'ora di guida dalla Spezia, siamo finalmente giunti a destinazione.

L'apparenza della città indica che è un posto medievale abbandonato. Tutti gli edifici erano fatti di mattoni di pietra messi uno sopra all'altro. Sembrava essere tornati indietro una centinaia di anni. Mi sono immagginato i cittadini di questa città camminare su e giù sulle strade acciotolate ogni giorno per fare la spesa, andare a lovoro o per incontrare i conoscenti.

Passammo davanti a una casa abitata da una famigli. Il mio amico guidava con una porta aperta e osservai il posto con curiosità, l'interno sembrava un soggiorno incredibilmente moderno. Immagino che la casa in pietre dove abitava quella famiglia fu totalmente rinnovata all'interno, la parte esteriore sembrava avere una centinaia di anni. Siamo giunti nel centro della piccola città dove c'era il ristorante, dietro alla casa grande in pietre. Era situato sobriamente.

Abbiamo parcheggiato la macchina in un posto dove sembrava un parcheggio e sallimo le scale per andare nel ristorante. La vista della nostra macchina in questa città mi fece ridere sommessamente. Sembrava così tanto lontana. Nonostante ciò, entrai subito nel ristorante perché stavo morendo di fame da un'ora. Apprezzai il pasto.

L'interiore

Entrammo nel ristorante e due camerieri amichevoli ci accolsero. Ci sedemmo e ci potarono il menu. Il mio amico mi spiegò che questo posto fa la pizza migliore che abbia mai mangiato. È un ristorante a condotta familiare, aperto da molti anni. Il mio amco mi disse di aver scelto la pizza migliore sul menu. Dato che il menu era tutto in italiano, mi fidai del suo giudizio ed ero d’accordo con la pizza che aveva scelto.

Mentre il mio amico ordinava il nostri pranzo, feci un giretto nel posto. Era un posto abbastanza grande. Non me l'aspettavo di essere così. Poi ho scoperto che ci vanno tante persone per mangiare. Anche se è sproporzionatamente grande per la popolazione di questa piccola città medievale, era di solito pieno di clienti provenienti da altrove. Il ristorante aveva anche un lampadario grande in mezzo e sembrava un ristorante classico dove andresti per un appuntamento importante o dove festeggeresti una laurea o altri eventi importanti.

Dopo un paio di miinuti, uno dei camerieri arrivò con un vassoio. Non ci riuscivo a credere che le nostre pizze erano già pronte. Invece erano solo le due bibite. A dir la verità non sono una persona che beve alcool per occasioni o ad ogni pasto. Il mio amico lo sapeva e mi disse che era il famoso aperitivo. La versione leggera del digestivo. Alzai le spalle in testa mia, e poi mi ricordai che ero pronto a provare tutto.

Mentre bevavamo le nostre bibite, il mio amico mi raccontò che questo posto è anche bello per divertirsi in famiglia. C’era la possibilit di ordinare una pizza extra per sei persone. Scoprii di aver ordinato una pizza per tre persone. Dato che conosco diversi ristoranti e le loro porzioni, la pizza per tre dovrebbe essere un imbroglio perché la porzione per due persone non è sufficiente.

Mi accorsi che entravano sempre più clienti. Era relativamente presto quando arrivammo. Amo i posti animati quando mangio, aggiunge più atmosfera e mi fa godere il mio cibo meglio. Questo è particolarmente vero quando ci sono gruppi di italiani che parlano la loro lingua adorabile.

La pizza

Dopo quindici minuti passati lentamente e che la nostra pancia brontoava, la nostra pizza arrivò. Era stupenda. Questa pizza grande con il profumo del paradiso e la bellezza della nascita di Venere fu appoggiato sul nostro tavolo. Ci abbuffammo senza dire una parola.

Il gusto era divino, era una delle pizze migliori che abbia mai voluto assaggiare. Era divisa in quattro gusti diversi. Una era con il pesto e formaggio, l'altro con patate coltivate localmente e pezzi di agnello e gorgonzola (ovviamente era il più buono), una era semplice con i pomidoro romani e il formaggio locale tradizionale (era molto gustosa con ingredienti semplici) e l'ultima era con il formaggio locale e spezie con uno strato di lardo sopra. Quest'ultimo era straordinario per me dato che, come l'ho già detto prima, non sono abituato a mangare lardo.

Sebbene mangiassimo la pizza velocemente, ci stemmo tanto tempo a causa della grandezza. Mi accorsi appena dopo aver guardato l'ora sul mio cellulare. Ero soddisfatto. Dovevamo prendere una pausa verso la fine perché il mio amico era sazio. Dopo qualche minuto, finii la sua ultima fetta. Ero in Italia, nel paese con il cibo migliore. Quindi non potevo controllare la mia dieta.

Dopo aver finito di mangiare e ci stavamo per addormentare sulla sedia, il mio amico chiamò la cameriera e le disse qualcosa in italiano. Gli chiesi cosa le disse e mi rispose "vedrai". Dopo qualche minuto, la cameriera tornò con due shot di digestivi indesiderati. Se non l'ho già spiegato prima, l'aperitivo è di solito una bibita alcolica leggera che "prepara" lo stomaco per il cibo che sta per arrivare. Il digestivo è vodka che ti da energia (non ho mai chiesto se era un unico tipo di alcool o diversi tipi tra cui bisogna scegliere) e ti aiuta a digerire.

Ovviamente, ho cominciato a lamentarmi, ma il mio amico non mi dava interesse. Alla fine, ho deciso di berlo. Non avevo voglia di litigare con il mio amico testardo. Mi resi anche conto che non è rispettoso evitare questa bibita dato che appartiente alla cultura italiana. Bevvi lo shot velocemente e mi risedetti sulla sedia perché ero esausto dalla sazietà. Spero che questa tradizione sia vera, altrimenti avrò problemi a digerire questa pizza per una settimana.

Dopo il festino abbondante, decidemmo di tornare a casa prima del tramonto. Dopo un viaggio lungo e stancante, arrivammo a casa. Trascorremmo le prossime ore a parlare di artisti classici italiani, di opere e a confrontare i cibi del mondo. Guardammo anche un film italiano con i sottotitoli, ma mi addormentai a metà del film. Non mi ricordo il titolo e di cosa si trattava.

Bar

Il pisolino era cronometrato perfettamente. Il riposo mi caricò di energia sufficiente per godermi la serata fuori. Io e il mio amico decidemmo di andare in un bar locale in città. Mi hanno detto che è molto frequentato e la maggior parte delle volte è pieno durante la settimana grazie alle loro birre e al loro cibo economico. C'era anche un concert live quella sera. Per fortuna, ci siamo andati a piedi, la pizza continuava a girarmi in pancia. Fa bene fare una passeggiata per digerire.

Decidemmo di uscire verlo alle 21 per arrivare in tempo per lo spetacolo live. Entrammo al bar, sembrava abbastanza vicino a casa sua. Dovevamo passare due porte pesanti prima di arrivare alle chiacchere e sentire il rumore dei piatti e delle birre. Il posto era abbastanza affollato, ma non era ancora fastidiso. Il posto era relativamente piccolo. Il palcoscenico era nell'angolo ed era medio, c'erano già gli strumenti dei musicisti. Il bar è di fronte all'ingresso dove ci sono i tavoli e gli sgabelli.

Andammo nel bar e ordinammo un paio di limoncelli e birre, poi trovammo un tavolo libero.

Lo spettacolo comiciò qualche minuto dopo esserci seduti. Cantavano in particolare canzoni indiane e rock classici in italiano. Era un'esperienza carina visto che abbiamo bevuto ancora un paio di birre. Mi ha fatto piacere fare ciò che fanno di solito i parmigiani la sera. Sembrava più autentico. Ero più immerso nella cultura e nello stile di vita.

Due persone si sedettero al nostro tavolo dato che non c'era più spazio libero. Il mio amico cominciò a parlare con loro in italiano, quindi decisi di concentrarmi sulla banda. Quando la banda finì il loro concerto, un paio di persone salirono sul palcoscenico per divertirsi a fare karaoke.

Sembrava che i cantanti avevano bevuto troppo. Per me non era un problema, anzi mi divertivo e anche loro sembravano divertirsi. Certi erano davvero dei bravi cantanti. Certi presero la chitarra del bar e strimpellarono un paio di canzoni. Ma la maggior parte cantavano.

Prendemmo il resto delle nostre bibite e uscimmo per fumare. Non sono un vero fumatore, ma volevo respirare l’aria fresca. Il bar era leggermente nella periferia della piccola città. Quindi c'era un venticello fresco proveniente dalle zone rurali che circondano Parma. Le strade erano tranquille.

In questo momento mi resi conto di quanto mi diverto in questi tipi di bar, in quelli dove quando entri, ti ritrovi in un altro mondo. In quei bar dove ti fai nuove esperienze senza capire la linga. Questo crea un'esperienza accogliente. È sempre meglio conoscere qualcuno della zona quando si va in un posto nuovo.

Verso mezzanotte, il concerto finì e tornammo ad una sera normale in bar. Non rimanemmo per tanto tempo perché il giorno dopo era il mio ultimo giorno a Parma e quindi ci aspettava un'altra avventura.

Incontro con quelli della zona

Questa volta dormimmo bene. Ci alzammo tardi di pomeriggio mentre la sua famiglia era fuori. Decidemmo di continuare con la nostra abitudine e quindi andammo nella pasticceria locale per colazione. Comprai un cheesecake grande e lo mangiammo a casa (mi innamorai dal primo giorni che assaggiai una fettina). Decidemmo di incontrare un suo amico a casa sua. Il resto del cheesecake lo mettemmo in frigo per mangiarlo per merenda e andammo a casa del suo amico in macchina.

Il suo amico Paulo era molto amichevole. Parlava l'inglese bene e mi raccontò che si stava preparando per andare in erasmus a Londra per un semestre. Lesse una lista di posti che il mio amico doveva farmi vedere e ci andammo in tutti.

Ci portò in camera sua mentre i suoi genitori erano con degli ospiti in soggiorno. La sua stanza sembrava un posto dove si fanno i concerti rock. Aveva una chitarra acustica e elettrica, un pianoforte elettrico, un microfono e un tamburo. Mi raccontò che suonò diversi strumenti durante la sua vita, ma preferiva suonare il tamburo e la chitarra. Ero davvero impressionato.

Siamo finiti a fare una jam session. Il mio amico era abbastanza bravo con la chitarra acustica, mentre Paulo (non ho ben capito il suo nome) suonava il tamburo. Io contribuivo con la mia presenza. Durante la jam session, parlammo dell'influenza della musica in Italia e in Spagna.

Gli raccontai che la maggior parte degli spagnoli hanno una chitarra. La chitarra fa parte della cultura spagnola. Ma la maggior parte non la sopportano più a meno che non frequentino le lezioni regolarmente durante l'anno.

Pasta alla carbonara

Continuammo con la nostra jam session per un'altra ora prima che decidessimo di pranzare. Il mio amico decise di fare la pasta alla carbonara. La mia pasta preferita ogni volta che volevo mangiare abbondantemente. Quindi andammo nel supermercato più vicino.

Comprammo tutti gli ingredienti, diversi tipi di formaggio, burro, pancetta (un tipo di carne, molto meglio dei pezzettini di bacon) e altri ingredienti.

Tornammo a casa del mio amico dato che la casa di Paula era abbastanza occupata. Cucinammo a casa del mio amico. Il mio amico è una persona esplicita e per questo siamo legati. Mi disse che la vera carbonara non era base di "bacon coperta di pasta e besciamella". Potrà sembrare esagerato, ma la pasta che preparò era divina. La finimmo subito e poi mangiammo il secondo pasto culturale e non mi lamentai.

Finimmo di pranzare, bevemmo un paio di birre che erano in frigo e cominciammo a chiaccherare. Una cosa che apprezzerò sempre è che gli italiani sono molto sociali e chiacchieroni se sei una persona decente (è una generalizzazione ma ha valore). Parlammo di molte cose, cose che di solito non ne parleresti con una persona che la conosci solo un paio di ore. Parlammo come se eravamo amici da tempo. Era un ottimo momento.

Dopo un'ora, tornò a casa sua per prepararsi per la serata. Da quello che ho capito, hanno programmato di portarmi nel loro ristorate locale preferito. Dopo due ore che volarono, eravamo pronti per uscire.

Il programma era di incontrare un gruppo dei suoi amici, compreso Paulo, e poi andare nel loro ristorante preferito. Abbiamo incontrato gli amici in un parcheggio. Mi sono presentato e abbiamo fatto amicizia. Non parlavano bene l'inglese, a parte due che l'hanno studiato bene. Sono riuscito a parlare con un terzo dato che parlava bene lo spagnolo. La lingua era un po' il problema. Aspettammo l'ultimo amico che era in ritardo, ci salutammo e poi salimmo in macchina. Dopo quindici minuti di guida, arrivammo in un piccolo paesino fuori città.

Trattoria 2.0

Era appena tramontato quando arrivammo nel ristorante. Era un ristorante grande diviso in tre parti, ma come la maggior parte dei posti che ci sono stato, era molto accogliente (accogliente e comodo sono le parole chiavi per questa gita). Entrammo e ci sedemmo in un tavolo grande per tutti noi. Eravamo fortunati di aver trovato un tavolo grande libero perché era abbastanza pieno. Abbiamo occupato il tavolo più grande del ristorante perché eravamo in tanti. C'era un casino, urle ed era pieno di italiani. Mi è piaciuta l'atmosfera.

Il mio amico decise di ordinare tutto quello che si può mangiare di speciale. Non mi hanno ben spiegato di cosa si trattava, ma sapevo che potevo fidarmi di quelli della zona. Ci sedemmo e parlammo per un bel po'. Parlammo dell'università, concerti in programma e altri argomenti di cui mi sono dimenticato.

Finalmente, arrivarono dei grandi vassoi in legno a forma di cerchio. Come fu promesso, ci darono tanti tipi di carne diversa e c'era il prosciutto di Parma sparso attorno al vassoio. Ci darono cinque tipi di salse diverse che variavano dal pesto al lardo. Ci darono anche un barattolo di Nutella e dei cestini di pane. La parte migliore? Era tutto illimitato. Potevamo continuare ad ordinare per accontentare i nostri cuori. E l'abbiamo fatto. La carne era assolutamente deliziosa. Anche le salse erano buone. E anche il lardo, anche se mi sembrava ancora strano mangiarlo, ma era sicuramente un'ottima scelta.

Un'altra cosa bella di questo accordo è che potevamo prendere quanto vino e limoncello che volevamo. Non mi aspettavo che questo posto sia così. Mangiai una quantità industriale di carne e mi godetti il vino. Il limoncello era troppo dolce per goderselo, quindi abbiamo bevuto quasi solo il vino rosso e rosato. Dopo circa due ore di cibo e chiacchere, decidemmo di concludere questo banchetto. Bevemmo ancora qualche bicchiere di vino e poi chiedemmo di portarci il conto. Il prezzo non era male per la quantità che mangiammo.

Pagammo il conto e uscimmo dal ristorante. Mentre il gruppo fumava, fecero il programma per concludere la serata. Mentre parlavano in italiano, io mi godevo il bel tempo estivo. Finalmente, decidemmo di rincontraci in un giardino grande vicino al parcheggio dove ci eravamo incontrati all'inizio per rilassarci sulle panchine mentre farebbero il programma.

Salimmo sulle nostre macchine e andammo in quel posto. Parlammo per un'altra oretta, certi amici erano simpatici e mi parlavano in inglese in modo che non mi senta escluso dal gruppo. Sinceramente, non mi sarebbe dispiaciuto stare solo perché ero esausto, ma sono sempre contento di avere una conversazione cordiale.

Dopo un po' decisero di andare in discoteca. Mi ero dimenticato che era normale cominciare a ballare tra mezzanotte e all'una in Italia (come in Spagna).

A questo punto ero esausto e volevo riposare un po' dato che dovevo alzarmi presto la mattina. E non ero contento di trascorrere un mercoldì sera in discoteca. Nonostante ciò, io e il mio amico passammo a casa prima di andare in discoteca. . Andai subito a letto.

Mi svegliai a metà mattinata e il mio amico aveva trascorso quasi tutta la notte fuori, ma sembrava ancora fresco come una margherita quando lo vidi. Mi raccontò che la discoteca non era molto animata e tornarono nel giardino. Mi sentii meno in colpa quando sentii questo. Per colazione, mangiammo corn flakes e il cheesecake che ci era rimasto. Una colazione di campioni. Preparai la mia valigia, mi feci l'utima doccia a casa del mio amico e passai il resto della mattinata a parlare con lui e la sua famiglia. Avemmo le ultime risate.

Gli ringraziai per avermi ospitato come se fossi qualcuno della famiglia e gli promisi di rivederli. Il mio amico mi accompagnò nella stazione ferroviaria in macchina. Seebbene abbia dormito bene, ero comunque stanco. La nostra conversazione era ancora accesa. Il sole brillava sul bellissimo cielo blu. Le strade erano animate con gente che andava avanti e indietro a fare quello che la gente fa ad agosto.

holiday-la-parma-a1b3161e0a5b7983293054d

(Fonte:http://turismo.comune.parma.it/en/thematic-channels/travel/getting-here/by-train/railway-station-of-parma)

Arrivammo in stazione, avevo ancora venti minuti. Ci salutammo e lo ringraziai per tutto quello che mi offrì e gli promisi che se un giorno verrà in Spagna o in Australia, lo ospiterei a casa mia. Ci salutammo per un'ultima volta e poi entrai in stazione. Ora continua la mia avventura solitaria, prossima sosta: Venezia.


Galleria foto



Contenuto disponibile in altre lingue

Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!