Advertise here

Terzo giorno a Londra: Il nostro giorno 2x1 e addii che non volevamo accettare.

Se c'è qualcosa che abbiamo imparato se dovessimo rifare un euro Tour è sicuramente la modificazione dei giorni in cui si rimane in ogni città. Ho imparato che è meglio dedicare 5 o 6 giorni a una città per conoscerla bene, piuttosto che dedicargli solo 3 giorni e rimanere con la voglia di tornare perché senti che ci sono ancora molti luoghi da conoscere. Il lato positivo è che, per lo stesso motivo, si dovrà tornare a Londra in futuro.

Questa giornata è stata un 2x1

Mi piace riferirmi al nostro terzo giorno a Londra come la nostra giornata "2x1". Perché questo nome? Forse tutto era a metà prezzo? Noooo! Magari! Gli abbiamo dato questo nome perché è stato il nostro ultimo giorno a Londra e precisamente è stato il giorno dove abbiamo visto di più e per questo posso dire che abbiamo fatto in un giorno quello che un turista potrebbe fare in due. La sera, dovevamo arrivare alla stazione Vittoria, che si trova a dieci minuti dal Palazzo di Buckingham per prendere l'autobus con destinazione Parigi. Sì, anche io sono rimasta impressionata quando ho comprato il biglietto perché non pensavo che si potesse arrivare a Parigi in autobus. Per un momento ho pensato che l'autobus passasse per l'euro tunnel, ma pare che sia molto caro, quindi siamo arrivati al sud di Londra in autobus e da lì l'autobus è salito su un traghetto con molti altri autobus e macchine per attraversare il famoso canale della Manca per arrivare in Francia.

In teoria, la nostra giornata doveva iniziare presto, per iniziare il Walking Tour alle otto del mattino che era incluso quando abbiamo comprato i biglietti dell'autobus del HOp on and Hop Off con la Golden Tours. Questa compagnia offre due diversi Walking Tours, che si concentrano su diverse tematiche, il primo è "The Royal Walking Tour" che parla della famiglia reale inglese, percorrendo i luoghi dove si sono sposati i diversi membri. L'altro è "The Beatles Walking Tour" che, come dice il nome, parla della traiettoria dei Beatles. Non sapevamo davvero quale scegliere perché non ci emoziona tanto la famiglia reale, però neanche i Beatles, se ce ne fosse stato uno sulla storia, avremmo scelto quello. Comunque non importa, perché alla fine non siamo arrivati in tempo perché non ci siamo svegliate. Tutti i Walking Tour finivano nello stesso luogo e alla stessa ora, con un grande finale: il cambio della guardia a Buckingham Palace.

Cambio della guardia a Buckingham Palace

Abbiamo perso il Walking Tour per non esserci svegliate in tempo, però eravamo decise a non perderci il cambio della guardia per nulla al mondo. Sapevamo che iniziava più o meno alle 10:00 - 10:30, quindi siamo andate a King's Cross per prendere l'autobus del Golden Tours e arrivare fino a Buckingham Palace. L'autobus ci ha messo un paio di ore perché percorre tutta la città, però, dato che ci stavamo divertendo, non abbiamo avuto nulla da ridere a percorrerla ancora una volta. Così facendo avevamo imparato a memoria alcuni dati storici di molte attrazioni turistiche.

3 giorno a Londra: Il nostro giorno 2x1 e addii che non volevamo accettare.

(In questa foto si può apprezzare come le guardie che si trovavano fuori da Buckingham Palace si incaricavano di controllare la gente per fare in modo che non si trovassero sul percorso dei cavalli che passavano per realizzare il cambio della guardia)

Dopo un paio di ore l'autobus è arrivato a Buckingham Palace. Eravamo un po' preoccupate perché in teoria erano giù passati 10 minuti dall'inizio del cambio della guardia, quindi siamo scese correndo, però ci siamo tranquillizzate quando abbiamo visto che non avevano ancora iniziato. L'unico lato negativo di essere arrivate tardi è stato che non abbiamo trovato un buon posto per osservare l'atto, dato che, anche se era bassa stagione turistica, c'erano circa mille persone lì fuori a Buckingham Palace che, come noi, volevano solo vedere il cambio della guardia. Trovare un posto dove vederlo bene era impossibile, infatti mia cugina, mia madre e la mia amica si sono perse tra la folla, per cercare un luogo dove vedere un po' meglio. Se era così durante la bassa stagione turistica, non oso immaginare quanta gente ci possa essere in estate, che è il periodo dove ci sono più turisti a Londra.

3 giorno a Londra: Il nostro giorno 2x1 e addii che non volevamo accettare.

(Questa foto mostra meglio la quantità di persone che morivano dalla voglia di vedere il cambio della guardia. A quanto pare non eravamo le uniche a non vedere nulla, tutti utilizzavano i loro bastoni da selfie e le loro mani sperando di fare una buona foto dell'evento)

Il cambio della guardia è qualcosa di importante da vedere, però credo che la gente esageri un po' circa la sua importanza. L'unica cosa che succede è che arrivano uomini a cavallo da lontano con musica e trombe, per sostituire la guardia precedente ed entrare al palazzo per continuare a vigilarlo. Niente di speciale, perché ho visto i cambi delle guardie del Palazzo Reale di Madrid e non sono molto diversi, solo che qui ci sono più soldati. Non so perché, però per qualche ragione vedere il cambio della guardia è qualcosa che si trova nella "lista delle cose da fare" di quasi tutti i turisti.

3 giorno a Londra: Il nostro giorno 2x1 e addii che non volevamo accettare.

(I soldati ben vestiti e a cavallo si preparano per il cambio della guardia: mi sarebbe piaciuto vedere i soldati delle poste, quelli che indossano le uniformi rosse con i loro cappelli lunghi, tuttavia portavano le uniformi d'inverno di colore grigio. )

Andiamo nella zona più cara di Londra!

Dopo il cambio della guardia abbiamo passeggiato per Picadilly, molto vicino al Green Park c'era la nostra fermata numero 6, dove passava la linea rossa che ci avrebbe portato nell'unico luogo che ci mancava, la zona più cara di tutta Londra. Una delle cose più difficile di questa giornata è stata dover portare le nostre valigie con noi durante tutto il giorno, dato che era il nostro ultimo giorno a Londra e non avevamo nessun modo di tornare dove stavamo alloggiando a prendere i nostri bagagli. Credo che questo abbia reso il nostro giorno 2x1 ancora più faticoso.

3 giorno a Londra: Il nostro giorno 2x1 e addii che non volevamo accettare.

(Aevavamo più o meno quattro valigie da dieci chili ognuna. Immaginatevi portarle avanti e indietro durante tutto il giorno. La cosa buona è che almeno non sono rimaste nelle nostre foto)

La linea rossa si trovava di fronte a un Hard Rock, questo è uno dei più importanti del mondo perché è stato il primo. Alla fine il nostro autobus è arrivato, ed è passato in tutto Park Lane, girando attorno al Marble Arch per poi tornare indietro e passare vicino all'Hyde Park. Uno dei più grandi parchi di tutta Londra. Avevamo poco tempo e non abbiamo potuto percorrerlo tutto, tuttavia ci sarebbe piaciuto perché al suo interno c'erano alcuni luoghi che erano molto interessanti. Avremmo voluto goderci un pomeriggio vicino al lago Serpentine, così come visitare il Wellington Museum, Kensington Palace e la fontana in onore alla Principessa Diana di Galles. Kensington Palace è la residenza ufficiale di William e Kate.

Dopo abbiamo continuato in autobus per una lunga strada chiamata Kensington Road, dove abbiamo potuto vedere il famoso Royal Albert Hall. Questo è una famosa sala concerti dove si sono esibiti molti cantanti importanti, come Lady Gaga, Juan Luis Guerra, Adele, Depeche Mode, Deep Purple, ecc. In realtà io me la immaginavo più grande di quanto sia realmente.

Alla fine di Kensington Road, l'autobus ha girato a sinistra in Gloucester Road, dove si trova il Kensington Plaza Hotel, un hotel molto caro dove di solito vengono ospitati i presidenti di altri paesi o gente importante che viene a Londra. Siamo potute entrare anche in una colonia le cui case erano decisamente più sofisticate rispetto ai molti edifici e quartieri che si trovano più verso il centro.

3 giorno a Londra: Il nostro giorno 2x1 e addii che non volevamo accettare.

(Non è raro trovare macchine lussuose parcheggiate, che sono molto comuni nella zona. Ci sono tante macchine di questo tipo che la gente si è praticamente abituata e passano perfino inosservate, mentre una macchina di medio valore potrebbe veramente uscire dagli schemi. Impressionante! )

La guida turistica raccontava che questo è quel luogo dove vivono i ministri e gli ambasciatori di altri paesi. Alla fine siamo tornati in Brompton Road dove abbiamo visto due dei musei più importanti di Londra oltre al British Museum, cioè il Natural History Museum e il V&A Museum. Molta gente è scesa in questa fermata per vedere gratuitamente i musei, però noi sapevamo che se fossimo scese avremmo perso molto tempo, quindi abbiamo deciso continuare con la linea rossa, che ci ha portate nel punto dove l'avevamo presa, fino ad arrivare in uno dei luoghi che volevamo vedere: Trafalgar Square, che è il luogo dove si svolgono le manifestazioni politiche. Era una piazza bella e importante, però noi avevamo molta voglia di vedere la nostra prossima fermata.

3 giorno a Londra: Il nostro giorno 2x1 e addii che non volevamo accettare.

(Questa è la zona dove vivevano i politici e gli ambasciatori. Le case sono più grandi e eleganti, si può vedere una netta differenza a partire dalle macchine lussuose che si trovano per strada)

3 giorno a Londra: Il nostro giorno 2x1 e addii che non volevamo accettare.

(Uno dei luoghi più conosciuti di Knights bridge è "Harrods", uno dei negozi più importanti e lussuosi di Londra)

Passeggiata in barca lungo il fiume Tamigi

Un'altra attività inclusa nel prezzo del nostro autobus turistico era un giro in barca gratis lungo il fiume Tamigi ed evidentemente non volevamo sprecare l'opportunità, dato che il prezzo, se l'avessimo comprata a parte, era all'incirca di £7. 15, che sarebbero più o meno 9, 5 dollari americani con il tipo di cambio di oggi.

Per arrivare al molo abbiamo dovuto continuare con il tour fino all'altra parte della città, cioè attraversare il Tower Bridge, dato che il molo si trova vicino alla Torre di Londra. Ci sono sempre barche che partono e sono più che altro un'attrazione per turisti perché ci sono modi migliori e più veloci di attraversare la città.

Quando siamo arrivate al molo, abbiamo dovuto aspettare quindici minuti prima che arrivasse la nostra barca, però questo è una delle migliori cose che ti possano capitare perché lì si trova una delle migliori viste sul Tower Bridge. Così, mentre aspetti la barca, puoi ammazzare il tempo facendo una bella sessione fotografica.

3 giorno a Londra: Il nostro giorno 2x1 e addii che non volevamo accettare.

(La vista da qui è incredibile e difficile da ottenere in un altro punto della città. Sulla destra si può vedere la gente che fa la fila per salire sulla barca, però noi abbiamo voluto spendere meglio il nostro tempo e catturare per sempre dei momenti del nostro viaggio)

Una volta che siamo salite sulla barca, abbiamo deciso andare nella parte dietro perché è l'unica che si trova all'aperto. Non abbiamo capito perché molte persone preferissero stare nella parte chiusa della barca dove non si può apprezzarebene il paesaggio londinese dal finestrino. Comunque, noi abbiamo combattuto per un posto fuori e ci si può godere un bellissimo tramonto sulla città. Più che altro, abbiamo trovato varie imbarcazioni da carico, dato che lungo il fiume Tamigi si concentra una viva attività industriale e commerciale.

3 giorno a Londra: Il nostro giorno 2x1 e addii che non volevamo accettare.

(Sul fondo si può scorgere il Tower Bridge e una barca commerciale che era molto grande)

Dalla barca potrete vedere molto meglio altre attrazioni della città che non sono necessariamente turistiche. Ad esempio, The Shard of Glass, che è il grattacielo più grande di tutta l'Unione Europea. Non ti affannare per cercarlo perché ti prometto che vedrai un edificio enorme, che attirerà la tua attenzione con la sua peculiare forma triangolare!

3 giorno a Londra: Il nostro giorno 2x1 e addii che non volevamo accettare.

(Questa si può vedere dal molo. L'edificio non si sembra molto grande e si potrebbe pensare che non sia un grattacielo, però il suo design è elegante e bello)

Un'altra cosa che puoi ammirare è il Comune di Londra, che ha un'architettura abbastanza inusuale e moderna, dato che lo hanno costruito nel 2002. Troverai anche il Tate Modern, che è il Museo Nazionale Britannico d'Arte Moderna. Questo edificio risalta anche perché si trova lungo la riva del fiume Tamigi e perché un tempo era una centrale elettrica. L'arte moderna non richiama molto la mia attenzione, però gli appassionati devono sapere che è il Museo d'Arte Moderna più visitato al mondo.

Così sono passati questi venti minuti in cui siamo state affascinate dal paesaggio e abbiamo superato cinque ponti (London Bridge, Southwark Bridge, Millenium Bridge, Blackfriars Bridge y Waterloo Bridge) fino ad arrivare di nuovo al Westminster Bridge, dove si trova il Coca Cola London Eye e il Parlamento. Durante il viaggio non puoi scendere in nessun altro luogo, dato che la barca va parte molo e si ferma qui, senza possibilità di rimanere sopra.

Tristi per la fine ma felici di questa esperienza, abbiamo deciso di camminare lungo il Victoria Embankment e di goderci la bella vista sul fiume Tamigi e sul Coca Cola London Eye. Ci siamo fermate per alcune foto, mentre faceva sera eravamo sempre più tristi, dato che eravamo consapevoli che sarebbe stata l'ultima volta che avremmo visto un bellissimo tramonto a Londra. Il sole iniziava a nascondersi e noi eravamo sempre più nervose perché sentivamo che la nostra avventura non era ancora finita, e non volevamo vivere il resto nell'oscurità che portava la notte. Anche se Londra è una città relativamente sicura, la situazione non cambiava: eravamo quattro donne con le loro valigie che camminavano di notte per le strade di Londra.

3 giorno a Londra: Il nostro giorno 2x1 e addii che non volevamo accettare.

(Inizia a scendere la notte e sulla mia faccia si possono vedere molti sentimenti. Il Coca Cola London Eye, che era chiuso, si trovava dietro di me. Sorrido davanti alla camera, però è un sorriso un po' triste, ben sapendo che è quasi l'ora della fine... )

Una notte multicolore a Picadilly Circus

Eravamo stanche di camminare da un lato all'altro della città. La mattina dal nord al Tower Bridge, da ovest ad est, e da est a ovest ancora un'altra volta, per tornare in barca da est a finire camminando di nuovo verso l'ovest a Picadilly.

Abbiamo davvero percorso questa strada perché non avevamo mai preso l'Underground (la metro), e così non lo avremmo mai conosciuto. Abbiamo deciso di farci una foto fuori dalla fermata dell'Underground di Green Park, perché era quella più vicina. Con nostra grande sorpresa, fuori dalla stazione c'era un forte odore di urina, non so se era solo in quella stazione o se fossero tutte così. Non ci siamo tolte il dubbio...

Una strada illuminata dove si vedevano molti negozi e luoghi di cibo ha attirato la nostra attenzione. La fame si faceva sentire dopo tante ore a camminare, a visitare e a fare cose. Abbiamo deciso di camminare lungo quella strada illuminata che por fortuna era Picadilly Circus in uno dei suoi giorni più pieni e animati. Come ho già detto, tutto questo viaggio è stato pura fortuna.

3 giorno a Londra: Il nostro giorno 2x1 e addii che non volevamo accettare.

(Un po' di luci colorate in un parco vicino a Picadilly Circus, dove abbondavano negozi che ci hanno aiutate ad ammazzare il tempo libero e di attesa. )

Questa strada iniziava con l'affascinante Hard Rock Cafè. Quando finisce la strada e sulla destra inizia la Strada di Regent's potrai finalmente dire che sei arrivato a Picadilly Circus. Perdersi è impossibile perché praticamente sono le luci, i negozi, gli stand di cibo e i ristoranti a guidarti. È stato impressionante trovare i portachiavi e i souvenir che qui sono più economici rispetto ad altre parti della città. Pensavamo che qui fossero molto più cari, però ci siamo davvero sorprese e abbiamo comprato ricordini da portare alla famiglia e agli amici. Abbiamo girato a destra in Whitehall, che porta di nuovo al Parlamento, praticamente giravamo in tondo, per tornare per la quarta volta alla zona dove si trova il Parlamento. Lì è stato dove abbiamo fatto l'ultima foto simbolica di Londra di notte.

3 giorno a Londra: Il nostro giorno 2x1 e addii che non volevamo accettare.

(Ogni volta che vedo questa foto mi viene un po' di nostalgia perché l'ho fatta sapendo perfettamente che sarebbe stata l'ultima, almeno per quest'anno, perché come ho detto prima, farò di tutto per tornare a Londra. Forse in vacanza per vedere tutto quello che mi manca da vedere o anche per vivere, che sarebbe qualcosa che mi piacerebbe nonostante il brutto tempo)

Camminando verso Victoria Coach Station (Addio Londra! )

Questa è stata l'ultima parte e la più faticosa del nostro soggiorno a Londra, dato che dovevamo camminare circa 20-30 minuti con le valigie. Eravamo in piedi da tutto il giorno, quindi a quell'ora della sera non ne potevamo più. Siamo arrivate alla Victoria Coach Station in tempo, la stazione dalla quale partono diversi autobus diretti a varie città del Regno Unito, così come in Irlanda e in Francia, come il nostro. Una volta arrivate in stazione abbiamo dovuto aspettare un paio di ore, ma sono passate in fretta come succede spesso quando si chiacchiera con le persone a cui si vuole bene. Eravamo così stanche che non è stato un problema aspettare così tanto e ne abbiamo approfittato per andare in bagno e fare cena comprando qualcosa da mangiare vicino alla stazione.

Il nostro viaggio verso la Francia è stato uno dei peggiori della mia vita. Avevo deciso di prendere un bus notturno per non perdere tempo, risparmiare una notte in albergo e svegliarci in Francia. La mia idea era di salire sul bus, metterci comode, dormire tutta la notte e risvegliarci in Francia.

Siamo salite e a metà strada ci hanno detto che dovevamo cambiare autobus (viaggiavamo con la National Express). Ancora mezze addormentate, ci siamo spostate e la mia amica ha perso il cappello e mia madre il mio thermos preferito. Una volta sistemate sul nuovo autobus, pensavamo che non ci saremmo più dovute svegliare, ma ci sbagliavamo di grosso...

Siamo arrivate alla costa sud dell'Inghilterra e ci hanno svegliate per passare i controlli alla frontiera, dato che dovevamo mostrare i nostri passaporti. Quindi siamo risalite sul bus e abbiamo provato a riaddormentarci, ma ci hanno svegliate un'altra volta sul traghetto perché, anche se l'autobus non era in marcia, il regolamento stabilisce che nessuno può rimanere all'interno dei bus o delle macchine che si trovano a bordo. Siamo rimaste un'ora in una sala d'attesa finché non ci hanno detto che potevamo riprendere i nostri posti in autobus. Siamo arrivate a Parigi verso le 7 del mattino, stanche morte per aver camminato tanto il giorno prima e perché avevamo passato una notte terribile viaggiando in un modo che non ci saremmo mai immaginate. Ma alla fine... siamo arrivate a Parigi!


Galleria foto



Contenuto disponibile in altre lingue

Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!