Advertise here

On the top of Paris

Pubblicato da Irene Restivo — un mese fa

Blog: Couleurs de Paris
Tags: Blog Erasmus Parigi, Parigi, Francia

Dopo il triste incendio di Notre Dame, rallegrandomi giusto un poco per aver avuto la fortuna di visitarla prima che l'incidente avvenisse, è il momento di compensare questa grande perdita artistica con un grande classico: la Tour Eiffel.

Al di là della sua ben nota connotazione turistica, questa imponente costruzione, ideata in occasione de l'Exposition Universelle nel 1889 da Gustave Eiffel, è un vero capolavoro ingegneristico. Forse oggi non è facile rendersene conto, ma la torre data ben più di un secolo e, all'epoca, le tecnologie e le tecniche edilizie non erano comparabili con quelle odierne.

on-the-top-of-paris-bcf19c0389f85622a982

La torre si compone essenzialmente di quattro pilastri che sorreggono la struttura, da cui si può effettuare l'accesso a piedi o in ascensore, e che si riuniscono sinuosamente al centro, sviluppandosi in verticale su tre piani.

Al primo piano è presente un ristorante, le 58 Tour Eiffel (ma dire mai.. Per una ambiziosa cena romantica!) ma soprattutto ed estremamente interessante è presente uno schermo che racconta brevemente le fasi di costruzione, le tecniche usate, le cifre impressionanti nei retroscena di questo simbolo di Parigi.
Questa prima piattaforma è ambia ben 4250 metri quadrati, e alcuni tratti sono stati appositamente realizzati in cristallo trasparente, per rendere l'idea di camminare sul vuoto.
Eiffel volle inoltre che a livello del primo piano fossero posti, su un apposito cornicione che gira interamente attorno alla torre, i nomi di 72 tra scienziati, ingegneri, chimici, matematici, tutti francesi.

Al secondo piano, di ampiezza 1650 metri quadrati, ospita un secondo ristorante, il Jules Verne, quotato anche nella guida Michelin. Durante la mia visita non era aperto; comunque, sorge la spontanea la questione: con quanto appetito si può mangiare quando ci si trova a ben 115 metri da terra?

Il terzo vertiginoso piano è raggiungibile unicamente in ascensore; qui si trova un inaspettato piccolo appartamento che Eiffel aveva fatto costruire per se stesso, dove poter ospitare personaggi di rilievo, colleghi ingegneri, scienziati: attaulmente è presente una 'ricostruzione' del suo incontro con Thomas Edison.
A questo piano inoltre è presente una piccola rappresentazione di tutti i più alti edifici con cui compete la Tour Eiffel, tra cui la Torre di Pisa, e altri monumenti sparsi in tutto il mondo.

La vista su Parigi è davvero completa: da veri esperti e aguzzando la vista, dalla vetta è possibile vedere il Louvre, il Musée d'Orsay, Les Tuileries, il colorato Centre Pompidou, le Sacre Coeur, Notre Dame, tutto accompagnato dalla sinuosa Senna che attraversa il biancore di questa città. Proprio di fronte alla torre, dall'altro lato dei giadini che si trovano ai suoi piedi (Champs de Mars) si trova, nero e imponente, il grattacielo Tour Montparnasse, poco amato dai parigini per il suo stile per nulla conosono a quello della città. Molti sostengono di preferire montare qui piuttosto che sulla Tour Eiffel, perchè, effettivamente, essere sul grattacielo è il solo modo per non vederlo!

on-the-top-of-paris-4f1c1afec1ea41318fc1

on-the-top-of-paris-57afaa612de3b362f6ca

Alcune curiosità che ho scoperto nella (ahimé lunga) attesa per salire sulla torre:

  • Ogni sette anni viene interamente riverniciata, e talvolta i colori sono stati cambiati; attualmente è color bronzo ma in passato è stata anche rossa.
  • L'altezza della torre può variare di ben 15 centimetri, a seconda delle condizioni metereologiche, come vento e calore!
  • Piccolo aneddoto storico interessante: pare che i francesi abbiano impedito a Hitler di salirvi, fingendo un guasto agli ascensori e l'impossibilità di trovare un pezzo di ricambio a causa della guerra. Una volta ripartiti i nazisti da Parigi, gli ascensori ripresero a funzionare.

La vista migliore della torre, se volete la migliore foto d'effetto, è sicuramente da Place Trocadero, che si trova giusto di fronte: si tratta di un'area monumentale, a forma di semicerchio, che ospita l'enorme Palais de Chaillot; le due ali del palazzo sono decorate con frasi del poeta francese Paul Valery, e all'interno del palazzo si trovano più musei (Musée de l'Homme, Museo nazionale della marina, Cité de l'architecture et du Patrimoine, Musée National des Monuments Français) e un teatro. La piazza sarà facile da identificare, sia per le sue dimensioni imponenti, sia per la quantità di turisti che la popolano in ogni momento dell'anno!

on-the-top-of-paris-b624a22f37ce09cbf649

Per quanto riguarda questioni pratiche, è comprensibile: la vista a 324 metri su Parigi ha un suo prezzo. È possibile scegliere se pagare un biglietto 'parziale', ossia solo fino al secondo piano, oppure un biglitto intero fino al terzo. Inoltre scegliendo di salire non in ascensore ma per le scale, le tariffe saranno leggermente ridotte!

  • Biglietto per il 2 piano (in ascensore):
    - 11,00 € intero
    - 8,50 € giovani under 24
    - 4,00 € bambini e handicap
  • Biglietto per il 2 piano (a piedi):
    - 7,00 €
    - 5,00 €
    - 3,00 €
  • Biglietto in ascensore, fino al terzo piano:
    - 25,50 €
    -12,70 €
    - 8,50 €

Non esitate: vale davvero la pena di arrivare fino al terzo piano, e dopo le code di attesa, più o meno lunghe, sotto il sole, credetemi sarà un'ottima ricompensa. Perciò, meglio approfittarne, occhi bendati sul portafogli e godersi la vista su Parigi dai piani più alti! Tuttavia, la discesa per scale è un'ottima opzione: non c'è nessuna coda, e potrete comunque apprezzare la discesa su Parigi, osservando anche da vicino la perfezione con cui è stata costruita la Tour.

on-the-top-of-paris-d968cbb07e0f94c53679

Il fatto davvero impressionante, che non sono riuscita a smettere di pensare durante tutta la salita, è che, a parte lo straordinario e pericoloso lavoro di manodopera, tutti i calcoli ingegneristici perchè questa utopica struttura reggesse sono stati fatti con carta e penna.. qualcosa a cui oggi non siamo più abituati!

on-the-top-of-paris-c2d1e8f895b49cbdae95

Gli orari di apertura sono generalmente dalle 9.30 alle 23.30 per la cima; fino alle 24 per il secondo piano.
La visita di giorno e di notte sono estremamente diverse e uniche! Inoltre, allo scoccare di ogni ora, la sera la torre regala un piccolo spettacolo di luci, emozionante da vedere dall'alto.

on-the-top-of-paris-00545de7d89499d47059

on-the-top-of-paris-6c92336e4b642716075b

Una volta terminata la visita, forse apprezzerete un po' ritrovare la terra sotto i piedi; di fronte alla torre si trova il Champ de Mars, dal cui nome si può intuire che si trattava in passato di un luogo destinato all'addestramento militare. Da qui, per concludere, potrete ammirare l'eleganza della Tour Eiffel che svetta verso il cielo, comodoamente distesi al sole, in un perfetto stile parigino.

on-the-top-of-paris-47843565b74eb0ba8678


Questo contenuto partecipa al Concorso Viaggiatori Erasmus e ha accumulato 719 punti.

  • 6510 caratteri (651 punti)
  • 6 visualizzazioni (18 punti)
  • 10 foto (50 punti)
Questa competizione è stata possibile grazie a:


Galleria foto


Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!