L'arrivo

Dovrò parlare al passato. 

Purtroppo il mio erasmus nelle fredde e ventose Fiandre si è concluso ormai da più di tre mesi. Tengo però a raccontare la mia magica esperienza a chi verrà dopo, a chi è un po' titubante se muoversi o meno o per chi non sapesse dove andare. Andateci! Ovunque voi andrete l'importante è muoversi e sarà meraviglioso!

Torniamo indietro. Prendiamo la macchina del tempo della memoria, accendiamola, aspettiamo si riscaldi, osserviamo le luci lampeggianti e i suoni che rimbombano nel caos quotidiano, impostiamo "Settembre 2016", si parte. Le luci viaggiano veloci tutto attorno a noi mentre spazio e tempo si deformano: stiamo immaginando. Non siamo più qui, ma nel passato!

Sono ancora nella mia città natale, Vicenza, fa molto caldo e io è da una settimana che cerco una casa a 1.100 Km di distanza con il solo ausilio dell'internet. La mia scarsa conoscenza dell'inglese e il mio conseguente imbarazzo nel parlarlo non aiutano. Il risultato fu pessimo. Solo dei poveri ragazzi, con una casa molto figa, ma che cercavano un contratto annuale, mi hanno preso a cuore. Gli feci probabilmente pena dopo averli implorati per giorni offrirono un divano, gratuito, da cui poter cercare casa. Conoscenza molto imbarazzante tra l'altro: sconosciuti, skype, inglese e millemila chilometri di distanza non mettono propriamente a tuo agio.

Dopo giorni passati tra ansia e depressione avevo finalmente un posto dove andare! A solo una settimana dalla partenza. Gioia! 

Ci ho messo tre giorni per riuscire a fare la valigia e mi hanno anche dovuto aiutare la notte prima del volo. La mia parte femminile si dimostra nei modi più strani e scomodi.

Il viaggio è stato fantastico! Biglietti a poco da Venezia a Brussels Zaventem ringraziando Ryanair che sembra fare un pieno con 15€. Avrà aerei a GPL.

Mentre sorvolavo quello che avevo deciso fosse il Belgio mi sentivo una bambina a cui hanno appena regalato il giocattolo che voleva da anni. Era tutto verde, casine sparse a spruzzo qua e là tra boschi, fiumi e foreste, solo qualche bassa nuvoletta intralciava la vista di quelle belle villine monofamilari alla The Sims. Il verde, incorniciato da rigagnoli diffusi, si distendeva a perdita d'occhio fino all'orizzonte.

larrivo-0d80b4795cc3d3ce888cf98857b3d676

L'euforia scende in fretta quando devo portare il mio valigione di 20Kg fino al treno e sbaglio ascensore. Eh sì perchè dovete sapere che se siete a Zaventem e volete arrivare ai treni non potrete prendere un ascensore qualsiasi. Nono! Nossignore! Voi dovrete prendere quello esattamente preposto a portarvi al 3o piano che dovrete anche aspettare per tre quarti d'ora visto la celerità dell'aggeggio. Vedremo poi che essere precisi sarà una peculiarità belga.

Dopo essere salita e scesa un paio di volte perchè ci piace così ai belvegesi provo a prendere il treno. Ero pronta. Avevo il treno da prendere, avevo il biglietto e avevo il telefono da avvisare la tenera ragazza che mi avrebbe ospitato. Ah no. Il treno l'alvevo perso, il telefono era inutile oltre che scarico e io avevo chiesto che treno prendere alle persone sbagliate: turisti. 

Tra le sfortune non ho perso la calma, mi sono seduta tranquilla aspettando che le 2h tra me e l'arrivo del treno passassero, ma sono impaziente. Alla prima signora che mi si è seduta di fianco spiego la situazione e le chiedo di poter scrivere un messaggio ad Emily, la ragazza che mi aspettava a Ghent. La signora titubante all'inizio mi ha poi preso a cuore, indicandomi il giusto treno, lasciandomi chiamare Emily fino a portarmi al binario giusto. Adorabile vecchina resterà sempre nel mio cuore, lei e il suo cappellino alla pescatore.

Emily mi dice che non ha molta voglia di venirmi a prendere in stazione alle 11.30 di notte. Mentre piove. E tira vento. Mi chiedo, davvero, come mai. Mi assicura che però un taxy mi costerà molto poco: 10€ per arrivare fino a quel gran portone verde pisello/fluo che sarà la mia prima casa per i prossimi dieci giorni.

L'unica cosa che constato in tutto questo è stato il fatto che non sapessi assolutamente relazionarmi con la lingua inglese. Al tassista ripetei più volte, sapendo di sbagliare, "fifteen" anzichè "fifty" e quando Emily mi accolse, con un bicchiere di vino bianco in mano sulla soglia di casa, scoprii che avevo il terrore di parlare a lei (tedesca) e alle sue amiche di madre lingua inglese. La lingua si attorcigliava su se stessa e la bocca si seccava. Rinunciai in fretta alla conversazione vista la stanchezza.

Il mio primo giorno belga si era concluso così: tra le emozioni di gioia, ansia, noia e terrore per la nuova lingua. Andai quindi a dormire sul mio materasso gioendo del poter almeno avere un tetto sopra la testa.


Galleria foto


Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!

Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!