Advertise here

Bruxelles: da sconosciuta a familiare.


Mi trovo in una città sconosciuta, senza visi conosciuti e, di fatto, questo è tutto quello che mi serve. L'emozione della scoperta mi fa venir voglia di tuffarmi a capofitto verso l'ignoto. Per me, la definizione stessa di vivere è superare i limiti e vivere delle nuove esperienze. Questo permette di conoscersi meglio e di considerare il cambiamento come qualcosa di vantaggioso e per sentirsi a proprio agio di fronte al cambiamento, bisogna avere una mente aperta e fidarsi del prossimo.

Bruxelles: da sconosciuta a familiare.

Osservare è il primo vero contatto con la cultura. Bisogna stare attenti ai dettagli, perché ognuno di essi ci rivela qualcosa di unico. Percorrendo la città è possibile vedere il cuore della sua identità e proprio la cultura è il nucleo centrale, creatasi negli anni grazie alle relazioni tra le persone, grazie alle loro convinzioni, i loro valori e la loro individualità. La forza individuale non è niente a confronto di quella culturale, ma è da questa che la cultura viene definita.

Bruxelles: da sconosciuta a familiare.

Bruxelles è una città calorosa. Nonostante sia particolarmente turistica, si può notare l'impronta della gente del posto. L'aspetto più evidente è la diversità degli stili architettonici: il contrasto fra ognuno di loro è ben visibile e, stranamente, tutto ciò da alla città una certa uniformità. È sempre sorprendente vedere come un semplice edificio possa avere tante cose da raccontare, dalle incisioni alle sculture, dagli ornamenti alle dorature, e come vi si trovi la storia di una città.

Inoltre, gli spazi verdi della città sono per lo più parchi: luoghi di ritrovo, di festa, luoghi dopo poter fare tante attività, dove potersi incontrare e molto altro ancora, come rilassarsi e leggere pacificamente. In ogni caso, sono posti ricercati e apprezzati da tutti.

Bruxelles: da sconosciuta a familiare.

Bruxelles è, senza dubbio, una città vivace e non posso scrivere questo articolo senza menzionare la Grand Place. Tuttavia, c'è da dire che la Grand Place è considerata più importante come punto di ritrovo che come luogo di interesse storico e architettonico in sé; infatti, è qui che si organizzano numerosi eventi, le persone si incontrano per bere qualcosa insieme, per mangiare o comprare dei souvenir.

Bruxelles: da sconosciuta a familiare.

Per quanto riguarda il cibo e le bevande tipici di Bruxelles, sono stra-consigliati la birra, i waffle, il cioccolato e le patatine fritte!

Però, se si vuole veramente trovare la vera essenza di Bruxelles, bisogna andare oltre i luoghi emblematici, perché è attraverso le vie vicine che si scoprono posti eccezionali. Passando per i negozi di pizzo, di tessuto o di fumetti, a Bruxelles si trova di tutto! Anche il Manneken-Pis, l'emblema per eccellenza dei belgi, che rappresenta la libertà e il senso dell'umorismo. Certo, bisogna saper ridere di se stessi. Bisogna conoscersi, apprezzare ognu istante e fare ciò che ci rende felici: questa è libertà!

Bruxelles: da sconosciuta a familiare.


Galleria foto



Contenuto disponibile in altre lingue

Condividi la tua esperienza Erasmus su Bruxelles!

Se conosci Bruxelles come abitante nativo, viaggiatore o studente in scambio... condividi la tua opinione su Bruxelles! Vota le varie caratteristiche e condividi la tua esperienza.

Commenti (0 commenti)



Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!