10 Svantaggi di fare l'Erasmus in gruppo!

Nel seguito del post precedente, in cui parlo dei vantaggi di fare l'Erasmus in un gruppo, faccio esattamente il contrario, in cui parlo degli svantaggi o, almeno, dei vincoli iniziali che derivano dal dover pensare all'equilibrio e alla felicità di tutti.

Ecco dunque la riflessione contraria, in cui cerco di essere la più rigorosa e corretta possibile, non omettendo i lati più negativi né sopravvalutando i lati più positivi.

10-desvantagens-de-fazer-erasmus-em-grupo-482147

Fonte

1 - Imparare la lingua è un processo più lento

Imparare la lingua in modo rapido ed efficace obbliga alla pratica costante. Essere costretti a parlare italiano tutti i giorni, anche quando non abbiamo ancora la padronanza della lingua, è un modo eccellente se ci forziamo a uscire dalla nostra comfort zone.

È normale che all'inizio ci possa essere una certa vergogna nel parlare la lingua, che all'inizio non avverrà attraverso l'opera e la grazia dello Spirito Santo. È necessario insistere anche quando ci rispondono in inglese - cosa molto comune qui a Milano -, dobbiamo commettere errori e farli ridere dei nostri sbagli ingenui.

Scegliere di prendere lezioni di italiano è un modo eccellente per esercitarsi e per parlare con colleghi madrelingua, che capiranno che siamo Erasmus e che stiamo imparando la lingua. A Milano, al Politecnico, puoi scegliere tra prendere lezioni in inglese o in italiano, il che è un eccellente vantaggio per coloro che, come me, volevano scegliere una strategia più equilibrata e avere metà delle lezioni in italiano e l'altra metà in Inglese.

Sono ben consapevole che questa è una delle poche, se non l'unica, facoltà in cui è possibile farlo, ma è necessario sfruttare questo vantaggio. Fare l'Erasmus da soli ci costringe a cercare gruppi di lavoro che non sceglieremmo mai se formassimo un gruppo con altri colleghi nella stessa situazione e ci rifugiassimo nella nostra madrelingua o in inglese per "default".

2 - Abbiamo più tendenza a restare nella nostra comfort zone

Ad eccezione delle persone estremamente estroverse, la maggior parte di noi ha alcune riserve sull'eccessiva socializzazione che sembra far parte dell'esperienza Erasmus. Ci si aspetta che dobbiamo uscire subito la sera ogni notte della settimana, anche se in origine era un grande miraggio. Ci si aspetta che dobbiamo parlare e conoscere quante più persone possibile.

Certo, socializzare con nuove persone è inevitabile e per fortuna non dovrebbe essere forzato. Quando siamo in un gruppo è facile cadere nell'errore di mostrare forzatamente una personalità estroversa che in realtà non esiste, solo per eguagliare il livello di divertimento che dovremmo vivere. Da soli, per esperienza, tendiamo ad adottare un approccio molto più moderato, optando per un approccio più timido ma anche più genuino.

Ad esempio, facendo Erasmus a Milano con un gruppo numeroso di altri portoghesi, la verità è che all'inizio abbiamo organizzato e partecipato a feste, aperitivi e a tutte le iniziative dell'università sempre insieme. Si è rivelata una brutta esperienza, poiché siamo rimasti leggermente chiusi nel nostro piccolo mondo portoghese. Una delle notti migliori e più divertenti che ho passato, si è verificata quando un venerdì, prima di un invito a una cena polacca, tutti i miei colleghi hanno deciso di non partecipare ed io ero invece ansiosa di andare.

Ho corso un rischio. Mi sono presentata e ovviamente, all'inizio, ho dovuto ricorrere alle mie battute in inglese, non sempre ben studiate, per rompere il ghiaccio. Ho iniziato a parlare con una ragazza belga, una studentessa di cinema, e ho trascorso una serata molto piacevole perché sapeva molto sull'argomento e mi ha insegnato molto su un'area di cui non so molto. Non ho avuto la fortuna di trovarla di nuovo, prima del suo ritorno a Liegi, ma è stata una buona lezione: a volte devi allentare i tuoi legami e scommettere su qualcosa che non faresti se fossi accompagnata dagli stessi compagni di sempre.

Costruire una sequenza di relazioni un po' fuori dagli schemi apre i tuoi orizzonti. Milano è il luogo ideale per questo, in quanto ha più di 120.000 studenti universitari e mi permetto di dire che è possibile incontrare persone praticamente da ogni paese del mondo da queste parti. È possibile provare diversi cucine, scambiare opinioni su diversi aspetti culturali e obiettivi di vita. Dobbiamo solo lanciarci in queste opportunità!

3 - Non ci costringe a essere indipendenti e intraprendenti

Non avere nessuno su cui contare nella città in cui ci troviamo ci costringe a ingegnarci nel miglior modo possibile in tutti i campi della nostra vita quotidiana e universitaria. Non c'è nessuno che ci protegga e ci aiuti in compiti in cui non siamo molto bravi. Ci fa affrontare le nostre paure e i nostri maggiori fallimenti, costringendoci a "crescere" molto presto.

L'Erasmus serve anche per acquisire questo tipo di abilità, cioè non è solo sperimentare come funzionano le cose dal punto di vista accademico in un'università simile alla nostra. Fa anche parte dell'esperienza lo sviluppo di competenze che ci porteranno presto, preferibilmente in un prossimo futuro, ad essere indipendenti e a fare a meno del conforto e sostegno, di solito dei genitori, che rimane dalla nostra adolescenza.

In effetti, posso vedere dai casi a me vicini che fare l'Erasmus è stato un passo importante, perché non solo mette a confronto gli studenti con nuove problematiche, ma essi iniziano a pensare molto di più se stanno seguendo la giusta direzione, se sono contenti di quello che sarà la loro futura professione, oltre a meditare sullo stile di vita che vorrebbero avere, una volta economicamente indipendenti.

Ho vissuto da sola a Lisbona per due anni, condividendo un appartamento con altre due colleghe, prima di venire a Milano in Erasmus, e come tale, penso che a causa di ciò il passaggio da un paese all'altro mi sia stato più agevole rispetto agli altri miei colleghi che hanno sempre vissuto con i genitori o la famiglia.

Tuttavia, qui a Milano, non ho mia madre a 1 ora e mezza di distanza se mi ficco in qualche bel guaio. Si tratta, letteralmente, di restare senza un sistema di supporto e si deve costruirne uno da zero. Ad esempio, ho dovuto prendermi cura dei miei vestiti e assicurarmi di continuare a seguire una dieta sana e diversificata.

4 - Non è così facile trovare casa

A Milano, come ho già detto, i prezzi delle case sono piuttosto alti. È abbastanza difficile sfuggire al fatto di dover condividere una stanza - che può anche essere un'esperienza divertente, se la persona è scelta con cura ed è una brava persona.

Tuttavia, all'inizio dell'estate, quando abbiamo iniziato a cercare una casa in affitto a Milano per 4 persone, la nostra vita è stata tutt'altro che facile. Ovviamente, avere tutte le stanze disponibili in una casa è molto raro.

La maggior parte delle opzioni che abbiamo trovato erano stanze sparse qua e là, che nonostante fossero più economiche, non ci davano il conforto di sapere che eravamo vicini l'uno all'altro in caso di emergenza nei primi giorni di Italia.

Abbiamo visto diverse opzioni, ma nulla sembrava essere immediatamente disponibile per così tanti studenti contemporaneamente, finché non abbiamo parlato con una collega della nostra facoltà, che era già stato a Milano in Erasmus. La ragazza è stata molto gentile e ci ha inviato i dettagli di contatto del suo vecchio padrone di casa. Se non avessimo avuto tale aiuto, saremmo stati costretti a separarci.

È difficile garantire che in un gruppo tutti abbiano un livello di indipendenza simile e che nessuno ci resti male dalle separazioni, inaspettatamente, ma tutto si ottiene con una buona discussione, in cui tutti sanno su cosa possono contare.

5 - A volte è difficile non ferire la sensibilità altrui

Vivere in un altro paese è un grande cambiamento per la maggior parte dei giovani in Erasmus, in particolare per coloro che, per la prima volta, si trasferiranno e vivranno senza la loro famiglia. Questi sono periodi delicati e in cui le emozioni sono spesso al limite. I commenti che di solito potrebbero essere intesi come battute scherzose possono diventare molto personali e offensivi.

È essenziale capire che le persone che vengono con noi in Erasmus si trovano in momenti diversi della loro vita e che è necessario comprendere le sfide che ognuno dovrà affrontare, al fine di far sì che queste persone diventino una rete di supporto e non creare inimicizie.

È anche importante sottolineare che è essenziale per tutti avere la propria indipendenza e non usare nessuno come un appoggio continuo , in modo che ognuno si senta libero di vivere la propria esperienza Erasmus a modo suo. L'ideale è che ognuno trovi il proprio punto di equilibrio, aiutando di conseguenza il gruppo a trovare il proprio.

6 – I gruppi di lavoro non sono tanto diversificati

Questa è una situazione che non è molto piacevole e si applica solo ai corsi che hanno una forte componente pratica, come la mia, l'architettura.

Tendenzialmente i professori ci chiedono presto, non appena iniziano le lezioni, la prima o la seconda volta che vediamo quelli che saranno i nostri compagni di classe per il semestre, di formare gruppi di lavoro. Una vera lotteria, dal momento che non abbiamo la più pallida idea di quanto siano laboriosi e dedicati. L'unica cosa su cui possiamo contare è il nostro sesto senso e diciamo che, in questi casi, con tanta mancanza di informazioni, è molto facile fallire.

Al fine di evitare le difficoltà iniziali e il non sapere in che situazione si stanno mettendo, gli studenti Erasmus tendono ad unirsi con studenti dello stesso paese o della stessa facoltà, in modo da poter parlare la stessa lingua o sapere come lavorano i colleghi. Molte persone vogliono organizzare bene il loro semestre, trarre vantaggio dall'esperienza e non vogliono preoccuparsi di elementi di gruppo che non fanno la loro parte. Comprensibile!

Tuttavia, perché andare in Erasmus se non per lavorare con altre persone, conoscere nuovi modi di lavorare e conoscere nuove culture? È un vero peccato limitarsi a una relazione di fiducia per paura che una nuova possa non funzionare.

In questo semestre ho già avuto alcune delusioni con i gruppi di lavoro, ma la verità è che nonostante il fastidio di dover fare la parte anche delle persone che non lavorano come dovrebbero, è stato un piacere incontrare alcune persone che mi hanno insegnato qualcosa e questo mi ha regalato momenti di grande gioia e divertimento. Ho imparato molto sulle differenze culturali e sull'importanza del rispetto reciproco. Ho scoperto curiosità molto divertenti su diversi paesi del mondo che hanno senza dubbio arricchito la mia conoscenza generale.

7 – Cadere sempre nelle stesse abitudini

Se, da un certo punto di vista, è bellissimo tornare a casa e avere un'atmosfera accogliente, un luogo di rifugio simile a quello che abbiamo in patria, è altrettanto positivo uscire dalla propria routine. Fare l'Erasmus in gruppo ci rende di solito abitudinari, perché l'università ci obbliga a giorni più banali e ripetitivi in ​​cui le pause non sono mai qualcosa di speciale, non lasciando spazio a grandi, nuovi piani.

Uscire dalla routine per sei mesi o un anno e sperimentare uno stile di vita più mutevole e meno accomodante è del tutto raccomandato. È un modo bellissimo per scoprire di più su noi stessi, ridefinire le priorità e, chi lo sa, scoprire cose che ci rendono molto felici ma che non avevamo mai avuto il coraggio di provare prima.

In Erasmus ho scoperto molte cose su di me che sicuramente mi aiuteranno in futuro a organizzare la mia vita quotidiana in un modo più adeguato ed equilibrato. Ad esempio, ho scoperto che i momenti in cui camminavo lungo il fiume a Lisbona erano davvero essenziali di volta in volta per la mia sanità mentale. Me ne sono resa conto quando, una volta che avevo bisogno di una simile passeggiata qui a Milano, non avevo nessun posto dove andare.

8 - Mangiare sempre le stesse cose

Certo, in un periodo di maggiore stress, qualunque sia la nazionalità degli studenti, finiamo tutti per mangiare la stessa cosa: qualunque cosa sia più economica, veloce e che richieda pochi minuti di preparazione, compromettendo spesso la nostra salute.

Nei giorni più tranquilli, quando abbiamo il lusso di poter cucinare per più di 10/15 minuti, la verità - almeno per me - è che tendo a fare ricette portoghesi o ispirate alla cucina portoghese , che sono mi danno conforto e mi ricordano casa. L'eccezione alla regola che mi sono imposta fin dall'inizio è che, una volta alla settimana, nelle settimane in cui non ho esami e ho un po' di tempo, provo una nuova ricetta italiana, che è un modo bellissimo per conoscere meglio la cultura gastronomica del paese e trascorrere un momento di relax dopo un'intensa giornata di lezioni all'università.

I miei colleghi che vivono con persone di altre nazionalità parlano di cene memorabili. Uno dei miei colleghi polacchi mi disse che viveva con un iraniano. Disse che la cucina odora sempre di curry, ma che gli snack sono deliziosi e in molti giorni non devi preoccuparti di preparare la cena dato che il tuo coinquilino ama cucinare.

9 - Fare gli stessi viaggi

Gruppi della stessa nazionalità tendono a viaggiare insieme, poiché consente di risparmiare tempo (di solito ci sono sempre una o due ragazze che gestiscono tutta l'organizzazione per il gruppo) e non richiede un grande sforzo mentale per superare le avversità, poiché si è sempre protetti dal gruppo.

Viaggiare è un bene in qualunque modo, tuttavia è necessario spazio anche per altri tipi di scoperte che possono essere fatti da soli o che richiedono un confronto più diretto con la gente del luogo per risolvere i problemi e saperne di più sulla cultura.

Di recente sono andata a Bucarest, da sola, senza i miei colleghi Erasmus, con cui ho vissuto per sei mesi. È stata una delle migliori decisioni che ho preso! Costringendo a prendermi cura di tutti i dettagli, perché se non fosse stato per me nessuno se ne sarebbe occupato al posto mio. Essere da soli significa avere la possibilità di definire i propri orari, scegliendo esattamente ciò che si desidera visitare senza dover intrattenere grandi trattative con chi ha gusti molto diversi dai nostri. Significa entrare in contatto con noi stessi in modo più profondo e conoscere la cultura "dall'interno".

10 - Non si corre tanti rischi!

In generale, coloro che passano l'Erasmus in gruppo tendono a non correre tanti rischi! Naturalmente, questa non è una verità assoluta, ma tende ad essere vero - come posso vedere dagli altri colleghi con i quali entro in contatto ogni giorno. È quasi possibile indovinare chi vive con persone della stessa nazionalità e chi no.

Idealmente sarebbe interessante, per coloro che fanno un anno Erasmus, durante il primo semestre, vivere con il gruppo, per un maggiore comfort durante il periodo di adattamento e poi, forse, nel secondo semestre "spiccare il volo" e tentare con una casa più multiculturale. Questa era anche la mia idea iniziale e da poco ho deciso che invece di sei mesi rimarrò un anno. Tuttavia, la mancanza di tempo durante il semestre e la stanchezza dopo gli esami mi lasceranno poco tempo ed energia per cercare un'altra casa, che ovviamente abbia condizioni simili a questa e dove i prezzi non sono astronomici. Vedremo cosa riserva il futuro! Concludo dicendo che è necessario cercare il proprio equilibrio e fare il meglio possibile nel nostro ambito.



Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!