Advertise here

Un'esperienza a Ferrara

Pubblicato da Emanuele Benetti — 7 anni fa

1 Tags: Esperienze Erasmus Ferrara, Ferrara, Italia


A mio modo di vedere (cercando di essere più imparziale possibile), Ferrara è una città davvero carina per vivere. Gli standard di vita sono probabilmente più elevati della medie delle città italiane: il traffico normalmente non è un problema esagerato, soprattutto in centro, c'è un'ottima offerta di posti per mangiare fuori, sono disponibili attrezzature sportive di ogni tipo. Inoltre, il patrimonio storico e culturale della città è davvero notevole, ed insieme all'abbondante varietà di aree naturali questo rende la vita a Ferrara un'esperienza generalmente piacevole. L'unico possibile svantaggio è dato dal clima, che è normalmente abbastanza freddo e nebbioso d'inverno e spesso caldo ed umido d'estate.

Per quanto non sia particolarmente cara rispetto ad altre città del Nord Italia (Padova, Venezia, Milano), la vita a Ferrara non è esattamente economica. Tuttavia è possibile trovare negozi in cui fare la spesa a prezzi ragionevoli. Senza contare eventuali pasti fuori, la spesa per il cibo potrebbe costarvi in media sui 300 euro al mese all'incirca. D'altro canto, c'è da dire che il centro città è abbastanza piccolo per cui non dovrete spendere soldi per il trasporto pubblico se vivete ragionevolmente vicino al centro città.

In quanto città abbastanza abituata a ricevere studenti Erasmus (e in generale studenti provenienti da altre zone d'Italia), Ferrara vanta un'offerta abbastanza buon per quanto riguarda gli alloggi. E' possibile infatti trovare una buona stanza in affitto a partire dai 250 euro circa. Potrebbe essere una buona idea informarsi riguardo ad eventuali vantaggi ed aiuti offerti dall'Università agli studenti Erasmus, dato che l'ente è normalmente assai sensibile ai bisogni di questi ultimi.

Come ha affermato di recente la rivista Forbes, la cucina emiliana è probabilmente la migliore al mondo. Il mangiare a Ferrara, naturalmente, non fa eccezione: gli standard culinari sono assai alti. Benché sia impossibile esaurire in poche righe l'infinita gamma di possibilità offerte, proverò a fornirvi una lista che includa i principali piatti tradizionali della cucina locale. Cappellacci di zucca, cappelletti in brodo e pasticcio alla ferrarese per quanto riguarda i primi, salamina da sugo con purè e cotechino come portata principale, polenta e lumache come contorni particolari, pampapato e torta tenerina come dolci. Inoltre, il pane di Ferrara è uno dei migliori in Italia, simboleggiato in particolare da un pezzo caratteristico chiamato "coppia", per non dire degli affettati, forse in assoluto il prodotto per cui l'Emilia è maggiormente celebre (insieme ai formaggi). La specialità locale è un tipo di salame chiamato zia ferrarese.

Tra i luoghi da non perdere assolutamente a Ferrara includerei senza dubbio il Castello e la Cattedrale, situati giusto nel centro della città. Insieme a Piazza Ariostea e Palazzo dei Diamanti, due simboli del Rinascimento, sono probabilmente i luoghi simbolo della città, nonché i più celebri. Tuttavia, vi sono numerosi altri posti che, seppur meno conosciuti, sono ugualmente degni di una visita. Tra di essi includerei la caratteristica Via delle Volte, la chiesa di San Giorgio, Palazzo Schifanoia e Palazzo Paradiso, i quali rappresentano una parte consistente del ricco patrimonio medievale di Ferrara.

Per quanto la vita notturna possa probabilmente sembrare adeguata per gli standard locali, gli studenti Erasmus potrebbero trovarla un po' deludente. Ad ogni modo, se non siete soddisfatti delle poche discoteche presenti in città o appena al di fuori di essa, è possibile prendere il treno e recarsi a Bologna per trovare qualcosa di maggior gradimento. Un ritrovo classico per studenti universitari è il cosiddetto Renfe (per gli studenti spagnoli: niente a che vedere con le ferrovie!), normalmente organizzato il mercoledì sera.

Non si può non menzionare il fatto che Ferrara vanta il titolo di "Città europea delle biciclette". Di fatto, la bicicletta è senza dubbio il modo migliore per girarvi quotidianamente, come anche per esplorare la città. Perciò, una delle prime cose da fare è probabilmente cercarsi una bicicletta di seconda mano. E se non siete abituati ad andare in bicicletta...beh, cominciate ad allenarvi! Inoltre, come ho già accennato il clima in autunno ed inverno tende ad essere abbastanza freddo (a volte nevica, generalmente due o tre volte l'anno), per cui meglio avere a portata di mano indumenti caldi e pesanti. Dato che la vostra dieta sarà probabilmente messa a dura prova dalla cucina emiliana, considerate seriamente la possibilità di intraprendere una delle tanteattività sportive che la città ha da offrire. Infine, se siete curiosi di scoprire in anticipo alcuni dei segreti di Ferrara, leggetevi qualche libro ambientato in città: per i parlanti inglese, l'interessante romanzo "Sacred Hearts" di Sarah Dunant potrebbe essere un buon punto di partenza.



Contenuto disponibile in altre lingue

Condividi la tua esperienza Erasmus su Ferrara!

Se conosci Ferrara come abitante nativo, viaggiatore o studente in scambio... condividi la tua opinione su Ferrara! Vota le varie caratteristiche e condividi la tua esperienza.

Commenti (1 commenti)


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!