La mia esperienza a Ferrara


Perché hai deciso di andare a Ferrara?

Devo ammettere che non sono stata io a scegliere Ferrara, molto semplicemente mi è toccata. Non ero veramente sicura se fare o no un soggiorno Erasmus, ma alla fine ho deciso di partire senza pensarci troppo. Avendolo deciso da un giorno all'altro non avevo tante opzioni, e non disponevo della certificazione linguistica che ti richiedono molte università, inclusa la propria, per studiare lì un anno (per questo stavo provando a passare il B1 di inglese in una scuola di lingue). Ho scelto quelle destinazioni dove non mi chiedevano la certificazione di lingua, per cui la mia prima scelta era Genova e la seconda Ferrara. Il motivo di questa scelta è che si trovano in una zona del nord vicino a un aeroporto sul quale non è molto caro volare, e che mi avevano detto che ha buone connessioni con altre città italiane e col resto d'Europa. L'aeroporto di cui sto parlando è quello di Bologna.

Quanto dura la borsa di studio? Quanti soldi ricevi come aiuto?

La borsa dura 9 mesi, ma il tempo da dover passare qui è più lungo, dato che, pur terminando le lezioni a inizio giugno, gli esami si protraggono fino a luglio.

Per quanto riguarda i soldi io, venendo dall'Andalusia, ricevo una quota dal Ministero dell'Istruzione e un'altra parte dalla Giunta dell'Andalusia, che sommate fanno tra i 3000 e i 4000 €.

Com'è l'ambiente universitario di Ferrara?

La città è davvero piena di studenti, per cui la popolazione è giovane e dinamica. Ad ogni modo l'ambiente tra le strade e in generale nella città dipende molto dal tempo. Nei giorni di pioggia, nebbia o freddo di questo inverno, per esempio, si vedono molte meno persone in giro rispetto a quando comincia a spuntare fuori il sole. In primavera, o anche nei mesi autunnali, la città è colma di gente alla ricerca di un po' di calore e di svago all'aria aperta, nel centro o sulle mure, dove ci sono sempre persone di qualunque età che passeggiano, giocano a calcio o si bevono semplicemente una birra sotto al sole.

mi-experiencia-propia-ferrara-d30fd1b8c6

Consiglieresti la città e l'università di Ferrara ad altri studenti?

Sì, assolutamente! Ogni studente Erasmus, parlando della sua destinazione, vi consiglierà di andarci. È qualcosa di normale, tutti viviamo un'esperienza speciale e stupenda, e non ci immagineremo mai in un altro luogo diverso.

Ad ogni modo tutto dipende dai gusti. Ferrara è una città situata al Nord Italia, per cui la maggior parte del tempo che passerete lì farà freddo. Inoltre, se cercate festa tutti i giorni devo dirvi che non è la vostra città ideale, a meno che la festa non la organizziate voi. Qui si esce, ci sono discoteche, bar e ci sono feste ed eventi, ma bisogna tenere in conto che è una città piccola, quindi le feste non saranno uguali a quelle di Milano o Bologna. D'altra parte, per chi come me preferisce altre attività o risparmiare soldi per viaggiare è un posto perfetto. È molto ben posizionata rispetto a Bologna e non è cara come questa o altre città, né per quanto riguarda le uscite né tanto meno per gli alloggi. Ogni cosa ha i suoi pro e contro.

Per quanto riguarda l'università devo dire che ciò che mi piace di più è il numero di appelli disponibili per ogni esame. Per dire, nella mia università abbiamo un appello a febbraio o a giugno e poi un altro in settembre, mentre qui fanno anche 5 o 6 appelli all'anno, il che significa più probabilità di passare gli esami prima dell'estate. In tutti i modi non è così ovunque, ma nel mio corso (Farmacia) gli esami sono orali, il che è una complicazione in più. Oltre alle materie, che non sono di per sé facili, si aggiunge la complessità della lingua, dal momento che devi saperti spiegare e sperare che ti capiscano.

Com'è la cucina del paese?

Il cibo tradizionale è molto buono, e consiglio vivamente di fare amicizia o provare ad abitare con degli italiani per imparare di più circa questo aspetto. In Italia generalmente i piatti più tipici sono la pasta e la pizza, ma ci sono talmente tanti modi diversi di preparare un piatto, che alla fine ogni regione o persino ogni paese ha la sua maniera specifica di elaborare queste due ricette.

Anche se gli ingredienti per prepararli sono economici e accessibili, ci sono alcuni che non lo sono. Ad esempio a differenza di altre città, forse per via della sua posizione, a Ferrara è difficile trovare carne e pesce che siano al tempo stesso non troppo cari e di buona qualità.

È stato difficile trovare alloggio a Ferrara?

Per niente. Potete seguire alcuni consigli che ho scritto nell'articolo "Ferrara, l'inizio. Arrivo e ricerca dell'appartamento". Riassumendo, ho passato l'estate intera cercando disperatamente e accordandomi per degli appartamenti su Facebook, senza trovare nulla di definitivo. Alla fine ho deciso di venire senza nulla in mano e restare una settimana in un Airbnb, e fu proprio durante quella settimana che ho trovato casa. Per di più, il primo appartamento che io e la mia attuale coinquilina avevamo visto è diventato quello nel quale siamo rimaste per il resto dell'anno.

Forse è questione di fortuna, ma quello che voglio dire è che, alla fine, Ferrara è piena di appartamenti in affitto per gli studenti, che si liberano non solo nei mesi estivi ma anche in settembre, quando molti finiscono gli esami, per cui prima o poi qualcosa si trova. Non perdete la speranza!

Quanto costa vivere a Ferrara?

Ferrara non è cara, in confronto alle altre città del nord. La mia stanza, senza le spese per acqua, luce e gas, costa 220 € al mese, per nulla caro essendo in posizione centrale e piuttosto grande. Ce ne sono di più cari e di più economici, basta solo cercare un po' e fare attenzione, al momento della firma del contratto, a ciò che è incluso nel prezzo e ciò che non lo è.

E con la lingua come va? Hai frequentato qualche corso organizzato dall'università?

No, avevo pensato di farlo l'estate prima della partenza, ma alla fine non ne ho fatto più nulla. Ad ogni modo l'italiano è una lingua facile da capire, e anche da parlare se ci si sforza un po'.

Inoltre, con l'OLS (Online Linguistic Support) viene offerto un breve corso online per migliorare e imparare cose nuove (soprattutto lessico), che è ottimo e molto utile.

Qual è il modo più facile ed economico per arrivare a Ferrara partendo dalla tua città?

Abitando ad Almería ho optato per prendere un volo da Alicante. Come ho già detto, io uso sempre l'app di Skyscanner per cercare le migliori offerte e date per viaggiare in aereo. Appena atterrata, la prima volta ho utilizzato un autobus (il Bus & Fly), che parte dall'aeroporto e arriva direttamente a Ferrara in un'ora, al prezzo di 15 €.

Ci sono altre modalità che ho spiegato nell'articolo di cui vi ho detto sopra, ma per la prima volta che fate questo viaggio vi consiglio, per sicurezza, di scegliere l'opzione più facile e diretta, anche se costa qualcosa in più.

Dove consigli di uscire la sera a Ferrara?

A Ferrara sono pochi i locali che chiudono molto tardi, ma fino a una certa ora c'è abbastanza movimento in qualsiasi posto andiate. Quelli che frequento più spesso sono l'Arci Bolognese, il Renfe e il College.

Per entrare nei primi due è richiesta una tessera, al prezzo di 10 €, e una volta fatta potrete entrare in questi due locali gratis, semplicemente mostrando la tessera.

Il College è una discoteca dove la maggior parte della gente paga 10 € senza consumazione per l'ingresso. Tuttavia noi, essendo Erasmus e avendo la tessera ESN (Erasmus Student Network), potevamo entrare a soli 5 €, nei quali era inclusa una consumazione.

D'altra parte in primavera, quando comincia ad esserci più caldo, gli Erasmus e gli altri gruppi si riuniscono sulle gradinate del Municipio con chitarre, bonghi e altri strumenti, qualcosa da bere e la voglia di divertirsi, cantando o anche solo chiacchierando all'aria aperta.

E per mangiare a Ferrara? Quali sono i tuoi ristoranti preferiti?

A Ferrara ci sono moltissimi locali nei quali andare, sia per un aperitivo che per un pasto più consistente.

L'aperitivo è un momento, prima della cena, nel quale i bar allestiscono una specie di buffet con pezzi di pizza, tramezzini, patatine fritte, snack, dolci ecc. Basta pagare il drink ed è possibile prendere qualsiasi cosa da mangiare. A seconda del luogo e da cosa ci sia da mangiare uno spritz, cocktail molto tipico della zona, può costare tra i 3 e i 10 €. I miei posti preferiti per questo genere di uscite sono il "Centro Storico", nella piazza della Cattedrale, e il bar "Da Settimo".

Per quanto riguarda i ristoranti, dove poter prendere un pasto vero e proprio, quelli nei quali vado più spesso sono "Il gatto bianco", "Il ciclone" ed "Este Bar".

Devo dire che un'altra cosa che apprezzo molto di Ferrara (molto diffusa nel resto d'Italia) sono i ristoranti di sushi "all you can eat", dove solitamente si paga un prezzo fisso (un po' più caro a cena che a pranzo), per mangiare tutto quello che si vuole dal menù.

Cosa consigli di visitare a Ferrara?

A Ferrara la cultura viene promossa abbastanza. La prima domenica di ogni mese i musei e gli edifici storici sono a ingresso gratuito per gli studenti. Oltre a questo, una volta all'anno si tiene una giornata di porte aperte, nella quale non solo vengono aperti un gran numero di musei ed edifici, come il castello, ma è possibile visitare anche chiese e altri siti che normalmente sono chiusi al pubblico. Le visite guidate sono tenute da ragazzi delle scuole, che raccontano storie del passato e mettono in scena dei teatrini a tema storico.

mi-experiencia-propia-ferrara-e705b070df

mi-experiencia-propia-ferrara-9f44995258

Ferrara è molto movimentata soprattutto nei fine settimana, nei quali molto spesso vengono organizzati mercatini gastronomici o medievali, con spettacoli e feste che servono per festeggiare diverse ricorrenze. Ogni week-end si trova sempre qualcosa di nuovo nel centro città.

Ferrara dispone anche di un sito web, Ferrara Terra e Acqua, nella quale, oltre agli eventi in programma, è possibile vedere i monumenti, la storia e le attività e le visite nella zona del delta del Po e in altri luoghi nei pressi della città, che possono essere molto interessanti se siete amanti della natura.

Cosa consiglieresti ai futuri studenti diretti a Ferrara?

Ogni esperienza Erasmus è unica e irripetibile.

Per quel che mi riguarda, posso dire di aver imparato e di star continuando a imparare tantissime cose. Mi sono trovata in situazioni tanto surreali e assurde quanto sbalorditive. Mi sono sentita sola in alcune occasioni e accolta da persone che a malapena conoscevo in altre, ho pianto di dolore quando i miei compagni sono partiti e di gioia ed emozione vedendo o vivendo momenti eccezionali con persone che lo sono ancora di più. Ho avuto paura, mi sono sentita insicura e sicura al tempo stesso del fatto che ciò che stessi facendo era giusto. Ho viaggiato, in barca, aereo treno, macchina, bus, bici e a piedi. Sono uscita, mi sono ubriacata e sono caduta in bici ritornando a casa. Ho conosciuto persone straordinarie e importanti e altre delle quali non ricordo nemmeno il nome, così come ho visto luoghi che non avrei mai pensato di poter avere a due passi da me.

Ogni cosa assume proporzioni inaudite, tutto viene vissuto al doppio dell'intensità quando si passa molto tempo lontano da casa, dai genitori, parlando una lingua diversa, con persona che conosci appena ma che in pochissimo tempo diventano la tua famiglia.

Per questi motivi credo di aver ottenuto molto da tutto quello che ho vissuto qui, e non solo persone importantissime ma anche grossi cambiamenti dal punto di vista personale che mi hanno fatto aprire la mente e il mio modo di vedere il mondo. Mi hanno fatto venir la volontà di essere una persona migliore, con gli altri e anche con me stessa.

Per cui, il mio consiglio per i futuri Erasmus è di vivere questa esperienza per come si presenta, senza voler cambiarla. La mia filosofia è che ogni cosa nella nostra vita ha un senso, e ogni momento o situazione, per quanto brutta sia, ci insegna qualcosa di nuovo che forse non conoscevamo, o porta con sé qualcosa di migliore. Per questo la sola cosa che posso dire è di farla scorrere, approfittando di ogni istante, perché alla fine, come vada vada, sarà la vostra esperienza, così unica e meravigliosa come tutte le altre.

mi-experiencia-propia-ferrara-d080f38733


Galleria foto



Contenuto disponibile in altre lingue

Condividi la tua esperienza Erasmus su Ferrara!

Se conosci Ferrara come abitante nativo, viaggiatore o studente in scambio... condividi la tua opinione su Ferrara! Vota le varie caratteristiche e condividi la tua esperienza.

Commenti (0 commenti)


Condividi la tua esperienza Erasmus!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!