Advertise here

La perla d'est - Budapest

Pubblicato da Antonio Coccaro — 4 anni fa

0 Tags: Esperienze Erasmus Budapest, Budapest, Ungheria


Dopo essere stato in quasi tutte le capitali dell'est europa, posso tranquillamente sbilanciarmi dicendo che Budapest si piazza al primo posto, con distacco, per bellezza. 

Appena arrivato in aeroporto l'impatto non è stato sicuramente dei migliori, molto piccolo non neanche molto all'avanguardia devo dire. Esciti di li prendo il primo bus per il centro, dopo aver chiesto consigli al box informazioni, sul percorso più veloce ed economico. Percorriamo circa 4/5 chilometri prima di raggiungere il capolinea del treno/metropolitana che avremmo dovuto prendere per arrivare a destinazione. Il paesaggio dall'aereoporto alla stazione non era dei migliori, disseminato di vecchi edifici, tra fabbriche funzionanti e dismesse sembrava di essere fermi agli anni '50-'60. Derante il percorso abbiamo costeggiato una ferrovia, anche li il tema sempre lo stesso, treni vecchi e sgangherati. Dopo la metropolitana, io e i miei amici, che avrei dovuto incontrare li lasciamo le cose in appartamento, (abbiamo pernottato a " Central Studio O' utca ", ) non enorme, mai in 6 persone ci siamo trovati bene nonostante l'unico bagno a disposizione. Lasciate le cose ci siamo diretti subito verso piazza Santo Stefano, dove abbiamo visitato la Basil

icala-perla-dest-f9a8d1a0d49b66cfbbfec9ad2comonima che vi fa da sovrano. L'ingresso è ad offerta, all'interno non si può non rimanere affascinati da tutta la sua bellezza. Era ora di pranzo quindi abbiamo optato per prendere due pezzi di pizza da " Pizza Me ", davvero molto buona. Una volta rifocillati proseguiamo verso il centro, armati di tanti buoni propositi.

Abbiamo cercato su facebook una di quelle guide free che ti fanno da cicerone per tutta la città e alla fine bisogna lasciargli un offerta. Ci è capitata una ragazza, l'appuntamento era proprio sotto la basilica, e da li è partito il nostro tour che sarebbe finito addirittuira circa 3 ore dopo. Dopo aver parlato della storia della basilica, ci spostiamo e ci fermiamo davanti alla statua del poliziotto panciuto, non so se ho capito bene, ma pare che toccargli i baffi e la pancia porti fortuna. Di li abbiamo fatto ad una fonta, della quale purtroppo non ricordo il nome. Il nostro tour è proseguito per le vie (utca) del certo, abbiamo costeggiato l'Hard Rock e siamo arrivati in una piazza con centinaia di stend culinari e artigianali. Molto bello lo street food, ti facevano assaggiare tutti i tipi prima di comprare qualsiasi cosa. Dopo aver rimangiato andiamo verso il Ponte delle Catene

la-perla-dest-466fc3306f4dda7a5f4dcfb342 e lo attraversiamo alla volta di Buda, tutto quello che ho scritto fin'ora era tutto "ambientato" a Pest.  La prima cosa che salta all'occhio sulla nuova sponda è sicuramente il Palazzo di Buda (palazzo reale) sito su una collina. Purtroppo ero stanchissimo e non mi andava di fare le scale quindi non sono salito. Facciamo il percorso inverso, riattraversiamo il ponte e ci incamminiamo verso il parlamentola-perla-dest-c7c669e0e112628fc0a4fae7fd, edificio simbolo di Budapest. Non c'è una cosa più bella da vedere rispetto ad un altra, la cosa che colpisce principalmente è il complesso. Credo che si potrebbe rimanere per ora sulle rive del danubio ad ammirare il bellissiomo paesaggio circostante, di giorno con il sole che riflette sull'acqua ed illumina le punte degli edefici

, al tramonto e sopratutto la sera quando un insieme di luci fa sembrare budapest una città intantata. Finoto il tuor e ringraziata la guida tornaimo nell'appartamento e ci cambiamo per la sera, abbiamo già deciso dove andremo a mangiare avendo letto precedentemente, noi stessi una guida, e ci ritroviamo in uno dei tanti ruin Pub di Budapest, lo Szimpla Kert che da quel giorno diventerà anche il mio pud preferito. Poche parole per descriverlo, entrare in un pub e rimanere a bocca aperta non credo sia cosa da poco, l'ambiente è surreale, cosi come tutto l'arredamento, sembra messo tutto a caso con qualsiasi cosa sia capitata sotto mano, ma tutta quella "confusione" in realtà nasconde tutta la sua armonia, un posto bellissimo per passare una delle vostre serate a Budapest. Usciti dal Kert, giriamo l'angolo e ci imbattiamo in un altro Street Food allora decidiamo di provare finalmente il tanto rinomato Gulasc ungherese, niente da dire davvero buonissimo. Durante tutta la guida non ho ancora fatto nessun tipo di riferimento ai prezzi, nonostante sia una capitale europera l'ho trovata abbastanza economica. Nei giorno che siamo stati abbiamo mangiato sempre una cosa al volo, tranne una domenica a pranzo quando siamo andati al Frici Papa Kifozdeje, ristorantino tipico ungherese dove si mangia spendendo praticamente nulla, il mio consiglio è quello di prenotare perchè stesso non si trova posto, noi non avevamo prenotato e siamo stati costretti a fare la fila in attesa che si liberasse un tavolo. Per concludere la mia esperienza a Budapest non potevano non mancare le terme, tra le tante messe a disposizione dalla città abbiamo scelto, credo, le più famose, ovvero quelle di Szechenyi. Sono bagni termali antichi e mantengono cosi tutto lo splendore di un tempo, sembra tornare indietro negli anni. Piscina con acqua calda, fredda, bollente, salata, dolce, davvero di tutti i tipi. Concludo consigliandovi vivamente di andare a vedere questa bellissima città, mi assumo tutte le responsabità qualora doveste rimanere delusi ma sono certo che ciò non accadrà.la-perla-dest-cd4c3eaafa836c26f515eccc04 


Galleria foto


Condividi la tua esperienza Erasmus su Budapest!

Se conosci Budapest come abitante nativo, viaggiatore o studente in scambio... condividi la tua opinione su Budapest! Vota le varie caratteristiche e condividi la tua esperienza.

Commenti (0 commenti)



Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!