Advertise here

Portami via: viaggiare leggeri e al verde. Destinazione Firenze

Firenze, capitale della Toscana, culla del Rinascimento, caratterizzata dalla sua architettura perfettamente geometrica, che presenta facciate in marmo bianco e linee verdi e rosse. Firenze, rappresentata dai più grandi geni dell'arte come Leonardo da Vinci e Michelangelo. Firenze, città simbolo della perfezione, classificata come patrimonio mondiale dell'UNESCO, circondata da non meno di sedici milioni di turisti ogni anno. Visitare questa città significa letteralmente visitare un museo. E poi? Visitare altri musei dentro il museo. Quindi, se sei un appassionato di arte, puoi starci una settimana, un mese, un anno. In caso contrario, tre o quattro giorni sono sufficienti.

porta-mi-via-voyage-leger-fauche-a-flore

Siamo partite in modalità "no money". È perfetto se sei una studentessa della facoltà di architettura, perché hai gli ingressi ridotti, se non addirittura gratuiti. E in sei giorni abbiamo speso 100€ ciascuna. Per tutto: trasporti, sistemazione, visite, cibo ecc. Abbiamo visitato Firenze e Bologna in una settimana, con uno zainetto in spalla. È stato a marzo. Ha piovuto, ha nevicato e le nostre cose erano fradice, ma abbiamo visto tutto quello che volevamo. Ti racconterò cosa, dove e come:

Cosa vedere a Firenze (in ordine di priorità)

  • Il Duomo (la Cattedrale di Santa Maria del Fiore) e soprattutto la sua cupola

  • Il Campanile di Giotto

  • Il Battistero di San Giovanni

  • Il Museo dell'Opera del Duomo

  • Ponte Vecchio

  • Piazzale Michelangelo

  • La Basilica di Santa Croce

  • La Galleria degli Uffizi

  • Piazza della Signoria (e Palazzo Vecchio)

  • La Galleria dell'Accademia

Il nostro programma

Abbiamo iniziato con il Battistero perché pioveva a dirotto e la fila non era molto lunga. È stato comunque magnifico. La parte interna è coperta di dorature e affreschi di carattere religioso, che illustrano le scene della Bibbia. Quando siamo uscite, siamo andate a prenotare la fascia oraria per salire sulla cupola. Nel frattempo, abbiamo visitato la Galleria dell'Accademia. Abbiamo quindi evitato ai nostri zaini (e a noi) un po' di pioggia per due orette, e siamo anche riuscite a far asciugare le nostre cose.

porta-mi-via-voyage-leger-fauche-a-flore

All'interno della galleria, possiamo trovare le statue della facciata della cattedrale, il vero portone in oro del Battistero, e anche delle opere d'arte come la Pietà di Michelangelo e la Maddalena penitente di Donatello. La visita può durare ore.

porta-mi-via-voyage-leger-fauche-a-flore

Quando siamo uscite, siamo andate direttamente davanti al Duomo (ogni attrazione è situata nella stessa zona), e la fortuna era dalla nostra parte perché ha smesso di piovere mentre salivamo i 483 gradini. Siamo arrivate sul tetto, all'altezza della Lanterna. Lì, ci ha accolto un magnifico panorama della città. Inoltre, sotto un cielo grigio, i raggi scivolavano via tra le nuvole e questo dava un tocco in più a tutto. I tetti rossi a contrasto, la pianura in secondo piano... un paesaggio eccezionale davanti ai nostri occhi. Siamo rimaste lì per mezz'ora.

porta-mi-via-voyage-leger-fauche-a-flore

Inoltre, dato che i 463 gradini non erano abbastanza per noi, abbiamo proseguito con il Campanile, alto circa 85 metri e dotato di 414 gradini. Ma non devi per forza salire fino alla cima; ci sono dei piani da cui puoi già contemplare la città. In fin dei conti, il Campanile serve più a osservare la cupola della cattedrale, perché altrimenti il panorama è lo stesso.

porta-mi-via-voyage-leger-fauche-a-flore

Il giorno seguente, abbiamo trascorso l'intera mattinata a cercare il nostro ostello. Poi volevamo visitare la cattedrale, ma la fila era sempre interminabile, quindi siamo andate direttamente agli Uffizi. E anche lì abbiamo fatto la fila. Per un'ora. Abbiamo mangiato dei panini mentre eravamo in fila, che siamo andate a prendere all'Antico Vinaio. Appena siamo entrate, abbiamo iniziato il nostro giro, come due brave studentesse di architettura. Siamo uscite nel tardo pomeriggio e siamo andate in Piazza della Signoria, dove abbiamo assistito a un piccolo corteo di costumi tradizionali. Successivamente siamo andate in Piazza Santa Croce, ma non siamo entrate nella Basilica (con nostro profondo rammarico) perché era già chiusa (la chiusura è alle 17:00). Di conseguenza, abbiamo fatto un giro verso il Palazzo Rucellai, poi abbiamo fatto il check-in in ostello e abbiamo concluso la giornata con la Galleria dell'Accademia, per andare a visitare il David. All'interno della galleria, possiamo anche osservare numerose opere di Michelangelo, in particolare delle opere preliminari o mai finite.

porta-mi-via-voyage-leger-fauche-a-flore

Infine, il terzo e ultimo giorno, siamo uscite di buon'ora per attraversare Ponte Vecchio e arrivare fino a Piazzale Michelangelo.

porta-mi-via-voyage-leger-fauche-a-flore

La salita è un po' faticosa, soprattutto quando hai tante cose in spalla, ma non ci siamo lamentate, perché il sole era tornato e per guardare il panorama era perfetto. La piazza è molto grande, possiamo scorgere una parte di Firenze e i suoi monumenti emblematici e anche qualche uliveto dall'altro lato. Ci siamo sedute per un momento per poter ammirare tutto questo.

porta-mi-via-voyage-leger-fauche-a-flore

Poi siamo ripartite per andare alla stazione. Durante il tragitto, abbiamo visto la Basilica di San Lorenzo e la Basilica di Santa Maria Novella. Nelle vicinanze, abbiamo trovato un posto perfetto per mangiare (lo Shake Café), che ha il merito di essere stato menzionato sul profilo Instagram di una health blogger. Dopodiché siamo salite sul nostro autobus in direzione per Bologna.

porta-mi-via-voyage-leger-fauche-a-flore

Una storia di architettura

Dato che è la quinta cattedrale più grande d'Europa (153 metri di lunghezza dall'interno), dato che la sua cupola in muratura è la più grande mai costruita al mondo e dato che rimane ancora un mistero per gli ingegneri di oggi, lascia che ti racconti un po' di storia della sua costruzione.

porta-mi-via-voyage-leger-fauche-a-flore

La cattedrale di Firenze, chiamata Duomo, risale al 1294 e fu costruita sulle tracce di Santa Reparata. I lavori durarono più di un secolo e la cattedrale fu consacrata nel 1436. Il principale architetto della sua costruzione fu Giotto. Tuttavia, l'abilità ingegnosa è da ricondurre a Brunelleschi. Perché al momento della realizzazione della cupola, nessuno aveva una soluzione. Nessuna macchina era in grado di sollevare a 53 metri di altezza e nessuna struttura a tutto sesto in legno poteva essere installata con un diametro così grande (43 metri di ampiezza). Dopo la famosa discordia dell'uovo, una metafora secondo la quale Brunelleschi aveva risolto la questione di tenere in piedi un uovo su una lastra di marmo, gli venne assegnata la direzione del cantiere.

Propose quindi un sistema intelligente, ispirato al Pantheon di Roma e al Battistero già costruito a Firenze. Il Duomo è quindi costituito da una cupola a doppia calotta, una interna con una disposizione a spina di pesce e degli anelli autoportanti di 2 metri di larghezza e una esterna, molto leggera, di 80 centimetri. Il tutto stabilizzato dalla Lanterna posta in cima. La struttura poggia sulla disposizione geometrica di una catenaria rovesciata. Le murature, che creano gli anelli, hanno dimensioni decrescenti e sono cementate con un mortaio a presa rapida. Così, Brunelleschi permise una costruzione autoportante, senza curvatura e con un sistema di carrucole che innalzavano 7 tonnellate di materiale ogni giorno.

Consigli per viaggiare quando si è al verde

  1. C'è un detto che dice: se non hai il denaro, prendi il tempo. Quindi, la prima cosa da fare quando vuoi viaggiare spendendo poco è accettare di impiegare 3 ore in autobus piuttosto che un'ora e mezza in treno. Di conseguenza, per andare a Firenze abbiamo preso Flixbus. Allora, in realtà abbiamo impiegato 8 ore invece delle 4 ore previste, perché dopo soli 40 minuti, l'autobus ha bucato. Poi, sicuramente perché eravamo già troppo lontane da Roma, il ragazzo che doveva venire per le riparazioni ha impiegato 3 ore ad arrivare. E dato che eravamo state molto pazienti, un'ora dopo è scoppiata un'altra gomma. Comunque, siamo arrivate a Firenze a mezzanotte. Fortunatamente avevamo un fantastico couchsurfer che ci avrebbe ospitate e questa è la regola numero 2 quando sei al verde.

    porta-mi-via-voyage-leger-fauche-a-flore

  2. Fare couchsurfing è molto vantaggioso. Dato che siamo arrivate in stazione molto tardi, la persona che ci avrebbe ospitate è venuta direttamente a prenderci in macchina. Ad ogni modo, abbiamo trascorso una bellissima serata a parlare della città, dei nostri viaggi, delle nostre idee, davanti a un bicchiere di vino. Ci ha ospitate a casa sua e ci ha fornito degli ottimi consigli e il tutto gratuitamente. Perché l'obiettivo del couchsurfing è lo scambio, la condivisione, il piacere e non il denaro. Quindi, d'altra parte, la sera successiva abbiamo cucinato per tre (invece che per due, qualora avessimo alloggiato in un ostello, quindi non c'era una grande differenza sulla spesa) e abbiamo trascorso la serata a parlare di viaggi. Grazie a questa applicazione abbiamo evitato di pagare una sistemazione a Firenze per ben due notti!

    porta-mi-via-voyage-leger-fauche-a-flore

  3. Abbiamo trascorso la terza notte in ostello perché il nostro couchsurfer non era più a Firenze. La terza regola consiste nel preferire gli ostelli agli hotel. In alternativa, puoi anche vedere degli Airbnb, un'opzione altrettanto vantaggiosa quando siete più di tre a viaggiare. In ostello, spesso la colazione è inclusa e la notte costa al massimo 15€. Noi l'abbiamo trovato quello stesso giorno, perché il piano che avevamo all'inizio era un po' troppo strano (affittare un appartamento condiviso). E non abbiamo avuto alcun problema! Siamo state anche fortunate perché, a causa di problemi con il riscaldamento e di un numero limitato di prenotazioni, siamo passate da un dormitorio a una camera doppia. E, ciliegina sulla torta, puoi fare conoscenze più facilmente in ostello perché ci sono molti viaggiatori solitari.

  4. Ecco un altro consiglio: approfitta dei tuoi contatti e fai nuove conoscenze. Che si tratti di amici o degli amici di amici, del cugino di tua zia ecc. ogni occasione è buona per essere alloggiati gratuitamente (perché è questa la cosa più costosa di un viaggio) o per ottenere un tour personalizzato ad esempio. Noi, grazie ai nostri problemi con il riscaldamento, abbiamo fatto amicizia con il receptionist dell'ostello ed è così che ci siamo ritrovate a cena da lui. Abbiamo quindi conosciuto persone nuove, abbiamo mangiato benissimo e il tutto senza spendere nulla. E questo funziona sia se sei un ragazzo, sia se sei una ragazza; le persone, se vogliono socializzare, far conoscere la loro cultura, la loro gastronomia e creare una sintonia, sono contente di condividere tutto questo con dei turisti sorridenti e di mentalità aperta.

    porta-mi-via-voyage-leger-fauche-a-flore

  5. Infine, il mio ultimo consiglio è di scendere a compromessi. Mettiti in testa che se sei al verde, non potrai permetterti un ristorante costoso, una spa o un giro su un gommone. Quindi accetta di rimandare tutto questo a più tardi, quando avrai uno stipendio o avrai vinto la lotteria. Fai le cose in modo semplice. Quando si è studenti, si ha già la fortuna di avere ingressi ridotti, o persino gratuiti per numerose visite, per i trasporti ecc. Poi, puoi risparmiare sul cibo preferendo i panini, ancora meglio se li prepari tu. Pensa che recupererai al pranzo di Natale da nonna Gigi. Attenzione! Non dico che non devi goderti la gastronomia locale, perché fa comunque parte del viaggio, ma un panino o una piadina sono comunque cose italiane e sicuramente più economiche di un menù da ristorante. È meglio mangiare cose semplici e buone piuttosto che andare in un ristorante molto turistico dove tutto è surgelato. Inoltre, se puoi vivere solo di gelati come me, risparmierai ancora di più.

    porta-mi-via-voyage-leger-fauche-a-flore

Altre cose da considerare

  • Compra il biglietto di ingresso al Duomo e alla cupola online. È valido anche per il Battistero, il Campanile, la Cripta di Santa Reparata e il Museo dell'Opera del Duomo. Costa 18€ ed è valido per 72 ore.

  • Per la visita alla Galleria degli Uffizi bisognerà armarsi di pazienza perché la fila può ricoprire l'intero cortile, soprattutto la domenica in cui l'ingresso è gratuito (la prima di ogni mese) e ci sarà da aspettare un'oretta. La cosa migliore da fare è fare uno spuntino mentre si è in fila.

  • Ci sono turisti tutto l'anno, con la pioggia, la neve, la tempesta. Quindi, non esiste il momento ideale. E forse bisognerà anche essere strategici per le visite e saper rinunciare ad alcune cose.

  • Copriti! La maggior parte delle visite sono comunque di carattere religioso, quindi non ti lasceranno entrare se indossi pantaloncini e canottiera.

  • Utilizzare couchsurfing va benissimo, ma bisogna fare attenzione! Potresti trovare persone non raccomandabili. La cosa migliore da fare è essere in due e farti ospitare da una ragazza se sei una ragazza (sarà anche un cliché ma è un dato di fatto).


Galleria foto



Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!