La grande famiglia spagnola

Come già vi avevo anticipato nel post precedente, alla fine mi sono decisa per Lovanio (Leuven). La decisione però non era stata facile e di fatto c'era un elemento che mi ha fatto dubitare fino alla fine.

Avevo parlato con il mio professore di Diritto dell’Unione Europea, visto che voglio specializzarmi in questo indirizzo, mi sembrava una buona idea, dato che c’era l’opportunità di studiare fuori dalla Spagna, che l’Università dove dovevo andare avesse quanto meno un certo riconoscimento in quest’area.

Così ho scoperto Lovanio dove, per quelli che sono interessati a questo ramo del Diritto, la KUL è abbastanza famosa. Gli ho raccontato della mia idea di Strasburgo e su questo discutevamo, le materie a Strasburgo sono per lo più basate sul Diritto Francese, come qualunque straniero che va alla Facoltà di Diritto di un’università spagnola, tuttavia a Lovanio le materie erano tutte di indirizzo internazionale ed europeo. Però... dato che tutto deve avere un però, mi aveva detto che Lovanio era piena di Spagnoli, ed io avevo pensato beh questa non è una novità, ma lui insisteva che lì erano veramente tanti al punto che all'Università non erano poi così contenti di avere tanti Spagnoli e nelle residenze ancora meno... Così mi disse "devi mettere sulla bilancia o materie più toste con esperienza internazionale al 100% o materie più facili, ma Spagnoli a palate".

La grande famiglia spagnola

Alla fine ho scelto Lovanio, io sono una di quelle persone che pensano che dovunque vai starai bene e che tutto dipende da te e dalle tue scelte, ma se c’è un fatto che fin dall’inizio dà un valore aggiuntivo a una destinazione bisogna tenerne conto.

Il fatto degli Spagnoli l'avrei scoperto più tardi, molti di quelli che adesso sono miei amici di lì lo erano ancor prima di mettere piede a Lovanio. A Deusto, Lovanio era la seconda città col maggior di numero posti, 8, che si sono riempiti tutti, cosa che non era capitata ad altre destinazioni anche se avevano solo 3 posti. Si cominciava a notare il livello di richiesta. Eravamo 6 ragazze, 4 di Economia e Diritto, 2 di una classe e 2 di un’altra tra le quali io e la mia amica Elia, 2 di Diritto e 2 ragazzi di Economia e Diritto.

Nella nostra ricerca in gruppo e individuale, ma innanzitutto femminista, abbiamo creato un gruppo whatsapp tra noi 6 (devo dire che 2 di loro le ho conosciute personalmente solo al mio arrivo a Lovanio). In quel gruppo ci siamo aiutate con tutte le carte che dovevamo fare attraverso la piattaforma della KUL, i documenti che dovevamo consegnare all'ufficio di Relazioni Internazionali, le materie che sceglievamo e soprattutto l’alloggio, anche se tutte e 3 le coppie siamo poi finite in residenze diverse (poi farò un post spiegando più dettagliatamente dell’alloggio). In estate ci siamo rilassate un po', pur continuando a parlare dei voli, perché, a parte me, il resto del gruppo era dei paesi Baschi e 4 di Bilbao, per cui sarebbero partite tutte da lì, anche se nemmeno il giorno dei voli coincideva...

Solo a fine agosto mi sono resa conto della grande colonia spagnola che avremmo fondato in settembre. Ero in autobus diretta a Bilbao, dopo aver superato Aste Nagusia con un'amica di Santander conosciuta al Colegio Mayor di Bilbao, compagna di appartamento durante il terzo anno, che casualmente, aveva scelto Bruxelles come sua destinazione Erasmus, cosa che faceva molto piacere a entrambe dato che saremmo state vicine (più tardi ci siamo rese conto che questo era illusorio).

La grande famiglia spagnola

Lei a differenza di me non andava con nessuno di conosciuto, pertanto era piuttosto nervosa e aveva guardato un sacco in internet cercando gente con cui incontrarsi nella stessa residenza, in quel momento partecipava a un sacco di eventi a Bruxelles e io ingenuamente le ho chiesto come faceva a conoscerli, lei mi ha risposto che c’era un gruppo Erasmus di Spagnoli a Bruxelles su FaceBook. Così anch'io ne ho cercato uno simile per Lovanio ed eccolo lì "Erasmus Lovaina 2015/2016 (Español)" ben evidenziato tra parentesi così che fosse ben visibile da dove venivamo e c’erano nientemeno che 250 Spagnoli!

Essendo privato mi dovevano dare l’amicizia, di lì a poco mi ha accettato un ragazzo, e casualità della vita, o dell’Erasmus, perché credetemi non ne ho mai vissute tante in così poco tempo, quel ragazzo lo conoscevo, aveva iniziato gli studi con me al Colegio Mayor (è vero quello che state pensando, il CMD è la più grande rete di contatti che conosco) ed era stato lì i primi 2 anni come me, ma già al terzo anno stando in appartamento non avevamo più saputo l’uno dell’altro. Mi ero riproposta che al ritorno da Bilbao lo avrei contattato.

Così ho fatto, come se il tempo non fosse passato, ed è stato lui che mi ha introdotto nel meraviglioso e fantastico gruppo di "La Voz en KULeuven", gruppo whatsapp che a quel tempo aveva 80 membri, che si era formato a partire dal gruppo Face Book e che era particolarmente attivo dalla primavera, ed io non lo sapevo!

Oltre alle coincidenze di provenienza regionale o di studio che lasciavano sempre molto stupiti, è stato utile sapere della gente che avrebbe abitato nella nostra stessa residenza, ma soprattutto avere tutti i consigli sulle compagnie di telefoni cellulari belghe, le ditte di spedizioni, non restava che arrivare a Lovanio. Per come sono organizzata io, non potevo credere che avrei potuto vivere senza sapere tutto ciò, ma in pochi giorni mi sono aggiornata e non posso che ringraziare quel viaggio a Bilbao con la mia amica.

Se c’è qualcosa per cui devo ringraziare quel gruppo è il mio primo giorno a Lovanio. Come racconto nell'intervista, la mia residenza è la PML, gestita da una persona sommamente volubile e antipatica, non avete idea di quanto sia cattiva e indifferente quella persona (ve lo racconterò nel post sugli alloggi), cominciando dal fatto che le residenze funzionano in modo molto diverso da quelle spagnole, non hanno la reception. Noi dovevamo fissare un appuntamento con la responsabile per firmare il contratto e prendere le chiavi, dopo averle indicato che saremmo arrivate alle 12. 30 ci aveva fissato l’appuntamento alle 15. 30... pensando di non aver capito bene le avevo scritto di nuovo e mi aveva ripetuto che era alle 15. 30, io ribollivo di rabbia... Come poteva lasciare due studentesse straniere in una città sconosciuta senza internet ad aspettare per 3 ore in strada con due valigie piene per 3 mesi?

Ho implorato solidarietà e aiuto al gruppo di whatsapp, e sì sarò patriota, ma come gli Spagnoli non c’è nessuno! Subito mi sono arrivati messaggi di sostegno e di critica nei riguardi di quella donna, ma soprattutto due messaggi privati da Nuria e Tomás che mi offrivano il loro alloggio per lasciare le valigie. Quella dimostrazione di aiuto mi ha così stupita che mi sono emozionata, non li conoscevo nemmeno (adesso sì li conosco davvero) e si erano offerti di aiutarmi.

Finalmente avevamo lasciato le valigie a casa di Tomás, che ci ha portato a prendere la prima birra al Oude Markt, ha mangiato con noi, e, poiché aveva dei recapiti, ci ha accompagnato fino a dove ci dovevamo incontrare con l'“orco” (non era nella nostra residenza), ci ha riaccompagnato al suo alloggio a prendere le valigie e mi ha portato la valigia fino alla mia residenza quando gli abbiamo detto che non ci serviva più nulla! Si sarebbe meritato un monumento, credo che nessuno di noi 3 dimenticherà quel giorno.

La grande famiglia spagnola

Quella sera siamo rimasti con lui, aveva appuntamento con 3 Sivigliani che erano del gruppo di whatsapp ed erano a Lovanio da 3 giorni con uno di Madrid appena arrivato, in mancanza di 4 di Almeria che non hanno tardato molto ad unirsi, era nata così la “Spanish crew” come ci facevamo chiamare e sono il mio gruppo di amici fin dall'inizio di tutto questo.

Alla fine la bilancia aveva deciso bene e forse avere tanti Spagnoli era un bene veramente, “perché siamo un paese incredibile PIENO DI GENTE INCREDIBILE”


Galleria foto



Contenuto disponibile in altre lingue

Commenti (0 commenti)


Vorresti avere il tuo proprio blog Erasmus?

Se stai vivendo un'esperienza all'estero, sei un viaggiatore incallito o semplicemente ti piacerebbe promuovere la città in cui vivi... crea un tuo proprio blog e condividi la tua esperienza!


Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!