Advertise here

Palazzo Stoclet


palazzo-stoclet-a59173b947be854ce20c5c0b

Per tutti gli amanti dell'architettura da non perdere la visita al Palazzo Stoclet.

Palazzo simbolo dell'Art Noveau viennese che prefigura la transizione verso l'Art Déco e il Moderno. Questo splendore dai colori del marmo ed dell'oro è stao realizzato nel 1910 dall' austriaco Josef Hoffmann e decorato dal celebre Gustav Klimt. Gli interni sono preziosissimi; gli realizza un bellissimo fregio musico che rappresenta l'albero della vita nella sala da pranzo con materiali importati dal suo paese di nascita.

Identifica la rottura definitiva con i canoni classici dell'art noveau. Emblematico del concetto di "opera d'arte totale".

La concentrazione è spigolosa, conclusa da una torre a gradoni incorniciata da fiere sculture in bronzo. Una delle caratteristiche della costruzione è quella di essere stata progettata con la "schiena" sul fronte strada. La facciata principale invece è rivolta all'interno, la quale è visibile solo in giornate di apertura speciali come in occasione della biennale.

La facciata visibile anche dalla strada risulta invece banale a prima vista e nascosta da una grande tettoia. Ma con sguardo attento, si apprezzano innumerevoli dettagli che la rendono unica e prestigiosa nella sua linearità spudorata.

All'interno sono dislocati tutto gli ambienti di una tipica abitazione: grande sala da pranzo decorata da affreschi realizzati dal celebre Klimt. Per lungo tempo pare sia stata sede del famoso quadro "Il bacio" dello stesso Klimt.

Classificato nel 2009 come patrimonio mondiale dell' umanità, è impossibile non spendere un po' del proprio tempo per andarlo a visitare! 

Avenue de Tervueren, 281 1150 Woluwe-Saint-Pierre.


Galleria foto


Condividi la tua esperienza Erasmus su Université catholique de Louvain!

Se conosci Université catholique de Louvain come abitante nativo, viaggiatore o studente in scambio... condividi la tua opinione su Université catholique de Louvain! Vota le varie caratteristiche e condividi la tua esperienza.

Commenti (0 commenti)



Non hai un account? Registrati.

Aspetta un attimo, per favore

Girando la manovella!